Serie B: il Cagliari vince e vola a +3

I sardi, che approfittano ottimamente del contemporaneo pareggio del Crotone, schiantano 1-3 il Latina e si confermano la squadra migliore della serie B. Onore, comunque, al Latina, autore di una gara onesta e mai eccessivamente arrendevole: la strada intrapresa è quella giusta.

Serie B: il Cagliari vince e vola a +3
LATINA
1 3
CAGLIARI
LATINA: Ujkani; Milani (Acosty, min. 55), Brosco, Esposito, Calderoni; Schiattarella, Oliveira, Mariga; Boakye, Corvia (Paponi, min. 78), Dumitru (Ammari, min. 62).
CAGLIARI: Storari; Balzano, Ceppitelli, Salamon, Barreca; Cinelli, Colombatto (Di Gennaro, min. 50), Munari (Tello, min. 75), Joao Pedro; Melchiorri, Farias (Krajnc, min. 81).
SCORE: 0-1, min. 47, Munari. 0-2, min. 53, Melchiorri. 1-2, min. 57, Mariga. 1-3, min. 58, Melchiorri.
ARBITRO: Luigi Nasca. Ammoniti: Ceppitelli (min. 8), Olivera (min. 16), farias (min. 17), Colombatto (min. 19), Milani (min. 31)

Un Cagliari formato serie A schianta il Latina al Francioni e si conferma il collettivo più forte del campionato cadetto. I sardi vanno in gol con Munari e Melchiorri, autore di una doppietta. Inutile, per i padroni di casa, il gol di Mariga.

Nerazzuri che scendono in campo adottando un offensivo 4-3-3, con il tandem Dumitru-Boakye a sostegno della prima punta Corvia e con l'esperto Olivera in cabina di regia. Consueto 4-3-1-2, invece, per i sardi, in cui spicca la presenza di Colombatto al posto dell’acciaccato Di Gennaro e con Barreca ormai confermatissimo sul laterale sinistro. Cagliari dunque incerottato, ma pronto a dare battaglia per inanellare la quarta vittoria consecutiva contro, però, un avversario tutt'altro che facile. Gara subito emozionante, con le due compagini impegnate sia atleticamente che tatticamente in uno scontro leale ma molto intenso. Al 6' occasione Cagliari, con un bel doppio intervento di Ujkani su Farias e Joao Pedro. Iniziano a spingere, dunque, gli uomini di Rastelli. Quattro minuti dopo ancora avanti gli ospiti, ma è ancora una volta il portiere di casa a respingere una conclusione di Farias. Al 14' si presenta nell'area avversaria il Latina con una conclusione di poco alta dell'ex attaccante del Napoli Dumitru. Dopo una fase centrale di tempo molto frammentaria, con svariate interruzioni da parte del direttore di gara, si rivedono i padroni di casa: minuto venticinque, lungo fraseggio e violenta conclusione di Boakye sventata in angolo da Storari. Al 28' è ancora Latina, ma il tiro di Schiattarella, molto debole, non impensierisce l'estremo difensore del Casteddu. Un minuto dopo pericoloso Farias, pescato però in fuorigioco dopo aver stampato sul palo la propria conclusione. Ultima fase di primo tempo molto concitata: al 30' bel tiro di prima intenzione di Calderoni, due minuti dopo è sempre velenoso Farias che riesce a sparare alto da posizione molto ravvicinata. Che errore, per il brasiliano numero 17. Trascorsi altri sei giri d’orologio ci prova invece Dumitru, il cui tiro finisce sugli spalti. E' sempre il Cagliari però a fare la gara, con il Latina che deve ringraziare il proprio portiere, ultimo baluardo e vero e proprio ago della bilancia per un risultato ancora in bilico grazie alle sue parate: al 40', infatti, l'estremo difensore di casa sventa una ghiottissima occasione ospite, con Farias che si vede annullare un gol già fatto. Il gol mancato è l’ultima occasione di un primo tempo che ha visto il Cagliari fare la gara, con il Latina abile a ripartire e salvato a più riprese da Ujkani.

Secondo tempo che inizia con il Cagliari subito avanti, in maniera decisiva: quarantasettesimo, bellissimo cross di Barreca e tap-in facile facile di Munari che porta in avanti i suoi. Il Latina però non ci sta e, dopo due minuti, quasi pareggia con Dumitru, ma Storari dimostra tutto il suo valore rispondendo presente. Gli ospiti sono decisi però a chiudere subito la gara e, dopo un assedio concitato, bissano il vantaggio grazie ad un gol di Melchiorri al 53’. Perfetto l’inserimento dell’ex Pescara che capitalizza al massimo un illuminante assist di Joao Pedro. Due minuti accorcia immediatamente le distanze il Latina, grazie ad un improvviso diagonale di Mariga che riaccende le speranze dei suoi. Il Cagliari è però squadra sapiente, capace di allungare ancora una volta tagliando le gambe ai malcapitati avversari e grazie alla doppietta di Melchiorri, che al 58’ sorprende Ujkani con un buon diagonale. Il Casteddu è ormai in pieno controllo del match, risultando a più riprese pericoloso grazie alla prima punta Melchiorri, vicinissimo alla terza marcatura personale sei minuti dopo il gol del doppio vantaggio sardo. La fase centrale del secondo tempo registra poche emozioni, con il Cagliari che riesce a controllare sapientemente la gara. Al 72’ ci prova però il Latina con un preciso tiro di Olivera sventato da un miracoloso Storari. Un minuto dopo, a seguito di un errore di Salamon ancora emozioni al Francioni e calcio di rigore per il Latina: dagli undici metri va Corvia che, però, calcia potente e scheggia la traversa a Storari battuto. Occasione mancata, dunque, per il Latina. Dopo lo spavento, il Cagliari riprende a manovrare, sfiorando il poker al 76’ con Joao Pedro, che a tu per tu con Ujkani mette a lato di poco. All'87' potenta conclusione dell'ottimo Mariga, Storari è però attento. La partita scivola via, nei minuti finali, senza particolari emozioni, con gli ospiti abili a controllare gli avversari fino al triplice fischio dell'arbitro Nasca.

Il Cagliari è tanta roba: una squadra perfetta in ogni ruolo e con giocatori, titolari o riserve, abili ad interpretare ottimamente il proprio compito, sapientemente guidati da un Rastelli capace di creare un gruppo coeso e micidiale. I sardi, infatti, non hanno mai rischiato, sfiorando il gol nel primo tempo e suggellando la vittoria nella seconda frazione. Inerme e senza colpe, invece, il Latina: quando sbagli il rigore del potenziale 2-3 dopo una buona parte di gara passata a subire, non c'è via di scampo. I laziali non hanno però assolutamente sfigurato, dimostrandosi squadra combattiva e rinforzata in seguito all'ottimo calcio mercato di gennaio. La salvezza, tranquilla, è più che una sicurezza. Migliore in campo per i padroni di casa, Ujkani. Per gli ospiti in evidenza Melchiorri.

Calcio