Italia, stasera ultimo test con la Finlandia. Poi si fa sul serio

L'Italia affronta in amichevole a Verona la Finlandia. Poi si parte, destinazione europei, il 13 è già tempo di Belgio.

Italia, stasera ultimo test con la Finlandia. Poi si fa sul serio
Italia, stasera ultimo test con la Finlandia. Poi si fa sul serio.

E' tempo di test match, per l'ultima volta prima di Euro 16. A pochi giorni dal mese francese, amichevole per l'Italia di Antonio Conte, che scendono in campo al "Marc'Antonio Bentegodi" di Verona contro la Finlandia. Poi occhi sull'esordio in terra francese, contro il Belgio, il prossimo lunedì, 13.

L'Italia torna al Bentegodi a distanza di 27 anni dall’amichevole disputata il 22 aprile del 1989 con l’Uruguay (1-1 il risultato con gol di Roberto Baggio). L’amichevole sarà anche l’occasione per rendere omaggio a Luca Toni, il bomber campione nel mondo nel 2006 che pochi giorni fa ha annunciato il suo addio al calcio. Saranno tante le iniziative promozionali che accompagneranno il ritorno della Nazionale in città, definite in collaborazione con il Comune di Verona all’interno del programma ‘Verona Città Azzurra’. 

Sarà il tredicesimo confronto tra le due nazionali, con gli Azzurri che nei 12 precedenti hanno collezionato 10 successi e un pareggio, perdendo solo la prima sfida disputata il 6 giugno 1912 a Traneberg in Svezia in occasione dei Giochi Olimpici.
Italia e Finlandia si sono affrontate l’ultima volta in amichevole il 17 novembre 2004 a Messina: 1-0 il risultato in favore della squadra guidata da Marcello Lippi, grazie al gol messo a segno da Fabrizio Miccoli.

Il CT - e prossimo manager del Chelsea - proverà gli ormai definiti 23, con un modulo abbastanza definito in testa. "L'Italia giocherà con il 3-5-2", Conte è stato chiaro.

Verosimilmente anche oggi il pacchetto arretrato titolare sarà quello del blocco-Juve. Conte in allenamento ha provato anche un 4-4-2 che sembra però più una soluzione di emergenza o una variante tattica alternativa, come pure un possibile ricorso al 4-3-3. Più che sul modulo, facile pensare che contro la Finlandia Conte si affiderà a una corposa rotazione, che permetta di vedere all'opera più uomini possibile e osservare le condizioni di tutti o quasi i ventitré effettivi a disposizione. Definitivamente superato il piccolo spavento nella settimana scorsa quando l'allarme-ginocchio sembrava poter indurre il CT a tenere a riposo Graziano Pellé, uscito malconcio dalla sessione di allenamento di mercoledì sera. Le valutazioni dello staff medico azzurro hanno però rilevato soltanto un lieve trauma distorsivo per il bomber del Southampton, tornato già dal giorno dopo ad allenarsi regolarmente con il gruppo. 

Pellè sarà quindi in campo con ogni probabilità dal 1'; nel caso Conte decidesse di far tirare il fiato al corregionale, anche a partita in corso, ci sarà spazio per Ciro Immobile, a comporre il tandem offensivo con ogni probabilità accando a Eder (deludente con Malta) - rispetto al quale l'alternativa è Simone Zaza.

A centrocampo i laterali dovrebbero essere Darmian e Candreva; nel mezzo, con De Rossi e Thiago Motta, agirà uno tra Florenzi e Giaccherini.

Probabili formazioni

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, De Rossi, Thiago Motta, Florenzi (Giaccherini), Candreva; Pellè (Immobile), Eder. CT Conte

FINLANDIA (4-2-3-1): Mäenpää; Arkivuo, Jalasto, Arajuuri, Toivio; Moren, R. Eremenko; Sparv, Hetemaj, Lod; Pukki. CT Backe

Arbitra l'olandese Nijhuis.

Calcio