Serie B: crollo Cesena, beffa finale per le campane. Frena anche la Spal, che manca l'aggancio al Frosinone

I romagnoli cadono 3-1 a Novara, complicando una situazione già delicata. Sconfitte nel finale Avellino e Salernitana, comunque in ripresa dopo i cambi in panca. La notizia più clamorosa di giornata, è il crollo della Spal in casa della Pro Vercelli.

Serie B: crollo Cesena, beffa finale per le campane. Frena anche la Spal, che manca l'aggancio al Frosinone
www.lapresse.it

Occasione mancata per la Spal. Soffrendo forse la delicatezza della sfida, infatti, gli Estensi non riescono a vincere in casa della Pro Vercelli, evitando di fatto il momentaneo aggancio ad un Frosinone dilagante, nella serata di ieri, in casa di un Trapani incerottato e sempre più ultimo. Autore dei gol capaci di spingere i padroni di casa al successo, Emmanuello e Morra, doppiamente in gol e di fatto migliore dei suoi. Inutile, per gli ospiti, il 3-1 di Bonifazi. Vince, portandosi a casa tre preziosissimi punti, il Cittadella, che dopo tre debacle consecutive supera l'arcigno Pisa grazie a Salvi, in rete sul finire di tempo. Boccata d'ossigeno, dunque, per i veneti, che ritrovano così la via del successo.

Perde prevedibilmente in Liguria, poi, il Perugia, che in casa dello Spezia si illude con Di Carmine, mancando il successo a causa della doppietta del Diablo Granoche, lo straniero con più gol all'attivo nella storia della serie B. Sorride, dunque, Di Carlo, con i suoi di nuovo in corsa. Vince nel finale, come spesso capita, il Carpi, che all'Arechi batte 2-1 una Salernitana comunque positiva. Avanti grazie ad un tap-in di Di Gaudio, i Falconi si fanno rimontare da una punizione di Rosina, riportandosi avanti grazie a Bifulco. Gara, comunque, molto nervosa, con addirittura undici gialli e due rossi cacciati dall'arbitro Saia. Successo che riapre le porte dei playoffs, poi, per il Bari, bravo a superare un Avellino immeritevole dello zero nella casella punti. In una gara emozionante e sofferta, i Galletti vanno sotto a causa di una rete di Castaldo, rimontando nella ripresa grazie a due gol di Fedele. Davvero sfortunato, comunque, l'Avellino, ritrovatosi grazie a Novellino.

Novanta minuti che inguaiano il Cesena, poi, quelli che vedono il Novara vincente, grazie ad una prova di spessore e quasi perfetta. Giocando un primo tempo spumeggiante, i padroni di casa calano il tris, marcando vincentemente il tabellino grazie a Sansone, Scognamiglio e Calderoni. Davvero negativa la prova del Cesena, inutilmente in rete all'81' e con Garritano. Ora la situazione è preoccupante. Pari con gol, invece, tra Latina e Brescia, una sfida combattuta e delicata: aprono i giochi gli ospiti con Bisoli, li chiude su rigore Boakye. Seconda, imprevista, vittoria consecutiva, infine, per il Vicenza, che in casa della Ternana conquista tre punti pesanti in ottica salvezza. In vantaggio grazie a Giacomelli, le Fere affondano il colpo con Pucino, in rete su rigore. Inutile, per gli umbri, il momentaneo pareggio di Petriccione


Share on Facebook