Serie B - Gli ultimi novanta minuti di fuoco

Domani si gioca l'ultima giornata della stagione regolare di Serie B e molti sono i verdetti ancora da emettere.

Serie B - Gli ultimi novanta minuti di fuoco
Serie B - Gli ultimi novanta minuti di fuoco

Domani sera prenderà il via l'ultima giornata della stagione regolare di Serie B. Una stagione intensa, ricca di colpi di scena e con ancora tanti verdetti da emettere, sia nei quartieri alti della graduatoria, che in quelli bassi. Dopo la promozione della Spal, della scorsa settimana, una tra Verona e Frosinone farà compagnia agli estensi, mentre in coda, dopo le retrocessioni di Pisa e Latina, al Vicenza serve un autentico miracolo per evitare la discesa agli inferi della Lega Pro. Feroce bagarre per evitare i play-out, i quali però potrebbero anche non disputarsi. Di seguito la presentazione di questi ultimi novanta minuti di fuoco.

Occhi puntati a Cesena e Frosinone. Al Manuzzi i padroni di casa giocheranno contro il Verona di Pecchia a cui basta un solo punto per centrare la promozione diretta, dopo un solo anno di purgatorio, in virtù degli scontri diretti a favore con il Frosinone. Saranno più di cinquemila i tifosi scaligeri pronti a festeggiare una promozione che sembra ad un passo mentre i ciociari, che ospiteranno la Pro Vercelli, dovranno vincere e sperare nel miracolo, quindi la sconfitta del Verona in quel di Cesena con i romagnoli che hanno ottenuto la settimana scorsa la salvezza matematica battendo il Trapani fuori casa.

Il Frosinone crede ancora nel miracolo (Fonte foto: Corriere dello Sport)
Il Frosinone crede ancora nel miracolo (Fonte foto: Corriere dello Sport)

Viva anche la corsa play-off, dopo i risultati della settimana scorsa, con il Cittadella che giocherà sul campo dell'Entella che non ha più nulla da chiedere al campionato. Impegno piuttosto agevole anche per il Benevento che se la vedrà in casa del Pisa già retrocesso mentre il Perugia avrà l'impegno più ostico visto che al Curi arriva la Salernitana che crede ancora nell'ottavo posto anche se l'impresa è ai limiti dell'impossibile. Già, perché l'ultimo posto disponibile appartiene allo Spezia, con i liguri che andranno a giocare sul campo del Vicenza, con più di un piede e mezzo in terza serie. E' da dentro o fuori la sfida del Cabassi tra Carpi e Novara, con gli uomini di Boscaglia che sono obbligati a vincere per entrare in zona play-off, proprio a discapito degli emiliani.

L'esultanza di Ceravolo dopo il gol che ha steso il Frosinone (Fonte foto: Benevento Calcio)
L'esultanza di Ceravolo dopo il gol che ha steso il Frosinone (Fonte foto: Benevento Calcio)

Caos e paura nelle zone basse visto che tutto è da decidere per quanto concerne il quartultimo e il quintultimo posto. La Ternana giocherà sul campo dell'Ascoli che è già salvo, l'Avellino ospiterà il Latina già retrocesso mentre diventa di fondamentale importanza l'incontro tra Brescia e Trapani che è a tutti gli effetti  un selvaggio spareggio. Già, perché con una vittoria dei lombardi ed i contemporanei successi di Avellino e Ternana, i play-out non avrebbero modo di disputarsi visto che l'ipotetico distacco della quartultima dalla quintultima supererebbe i famosi quattro punti. I siciliani devono cercare, quindi, di non perdere per non rendere vano il grande girone di ritorno.

I giocatori dell'Ascoli esultano dopo il gol realizzato al Bari la scorsa settimana (Fonte foto. Corriere dello Sport)
I giocatori dell'Ascoli esultano dopo il gol realizzato al Bari la scorsa settimana (Fonte foto. Corriere dello Sport)

A completare il quadro c'è Spal-Bari con gli estensi in festa, già promossi in Serie A, mentre i galletti sono, desolatamente, fuori da tutto. Novanta minuti al termine di un'intensa stagione, tutto è ancora in bilico. 

 


Share on Facebook