Serie B: il Perugia vince e si conferma quarto, Salernitana battuta al Curi (3-2)

Grande prova degli umbri, che dopo lo 0-1 di Coda si destano, pareggiando grazie a Ricci e ribaltando il risultato con Di Carmine. Nella ripresa, Terrani e Ronaldo animano il secondo tempo, che si conclude senza troppe emozioni.

Serie B: il Perugia vince e si conferma quarto, Salernitana battuta al Curi (3-2)
Calcio d'inizio tra Perugia e Salernitana | Source photo: profilo Facebook AC Perugia
PERUGIA
3 2
SALERNITANA
PERUGIA: Brignoli; Del Prete, Monaco, Mancini, Di Chiara; Brighi, Ricci (Acampora, min. 52), Dezi; Nicastro (Mustacchio, min. 67), Di Carmine, Terrani.
SALERNITANA: Gomis; Tuia, Mantovani (Bittante, min. 40), Bernardini, Vitale; Odjer, Ronaldo (Zito, min. 75), Della Rocca; Rosina (Donnarumma, min. 28), Coda, Improta.
SCORE: 0-1, min. 30, Coda. 1-1, min. 31, Ricci. 2-1, min. 45, Di Carmine. 3-1, min. 54, Terrani. 3-2, min. 58, Ronaldo.
ARBITRO: Abbattista di Molfetta (ITA). Ammoniti: Ronaldo (min. 17), Del Prete (min. 22), Ricci (min. 39), Della Rocca (min. 60)
NOTE: Stadio Curi, gara valida per la Lega B 2016/17.

Goal ed emozioni al Curi, con il Perugia che conquista una vittoria importante, confermandosi quarta forza del campionato. Sotto a causa di un guizzo di Massimo Coda, gli umbri non si perdono d'animo, pareggiando quasi subito grazie a Ricci. Poco prima del duplice fischio di Abbattista, è Di Carmine a fare 2-1, rimettendo positivamente in discussione i playoff. Nella ripresa, dopo il tris calato da Terrani, riapre i giochi Ronaldo, autore di una bellissima quanto inutile rete. Perugia che sale a quota 65, Salernitana fermatasi a 54. 

Padroni di casa che scendono in campo adottando il solito 4-3-3: davanti a Brignoli, difesa a quattro composta da Del Prete, Monaco, Mancini e Di Chiara. In mediana, Ricci, protetto dalle mezz'ali Dezi e Brighi. Poche sorprese rispetto alla vigilia in attacco, dove Di Carmine viene sostenuto dalle ali Nicastro e Terrani. Stessa disposizione tattica, inoltre, per gli ospiti, che si affidano a Massimo Coda per sfondare le linee nemiche. Gomis in porta, con Mantovani e Bernardini davanti, affiancati dai terzini Tuia e Vitale. Nella zona centrale del campo, Ronaldo, sostenuto da Odjer e Della Rocca. Completano l'undici di Gollini, Rosina ed Improta

Gara inizialmente molto combattuta, con le due formazioni intenzionate a studiarsi prima di affondare le rispettive lame. Come immaginato, particolarmente attivi sono i quattro esterni offensivi, con Rosina e Nicastro particolarmente in evidenza. L'esterno campano, in palla, anticipa però la fine della sua gara, costretto a uscire causa infortunio nella fase centrale di prima frazione. Dopo diciotto minuti di sostanziale equilibrio, al 18' ci prova Ricci, con un bolide da fuori che non centra lo specchio della porta. Il primo squillo degli umbri desta il collettivo di Gollini, in rete alla sua prima occasione di gara. Autore del clamoroso 0-1, alla mezz'ora di gioco, Massimo Coda, che di testa approfitta di un brutto errore di Brignoli, non perfetto al momento di respingere.

Nonostante lo svantaggio, il Perugia non si abbatte ma, al contrario, pareggia subito i conti, quando è Ricci a riprovare il bolide da buona posizione, trovando una traiettoria perfetta e che non lascia scampo a Gomis. Sanguinoso, nell'occasione considerata, il rinvio di Bernardini, che la mette fuori servendo di fatto il centrocampista avversario. Al 34' bella azione di Donnarumma, subentrato a Rosina, che dal fondo propone un cross ribadito in rete da Improta. L'arbitro Abbattista, però, annulla l'idea del numero 11 ospite, sviluppatasi oltre la linea di fondo campo. La rete mancata viene massimamente scontata dai campani, che cinque minuti prima del duplice fischio subiscono il vantaggio di Di Carmine, lucido nel battere Gomis dopo un cioccolatino propostogli da Del Prete. 

Secondo tempo che comincia sui binari dell'entusiasmo, con entrambe le formazioni pronte ad attaccare. Al 54' cala il tris il Perugia, con Terrani che batte Gomis ringraziando il neo-entrato Acampora, bravo a tramutare in oro l'ennesimo errore difensivo campano, con Tuia come protagonista. Quattro minuti dopo, però, è Ronaldo a riportare in vita i suoi, sfruttando uno schema da calcio di punizione e sganciando una bomba che trova impreparato Brignoli. Che goal, per il centrocampista della Salernitana, che trova un goal simile proprio a quello fatti, spesso, dal suo omonimo lusitano. Come lampi isolati nella notte, le due reti non animano, come sperato, la seconda frazione, con le due formazioni che tirano il fiato dopo tanto attaccare.

Interrompendo una parentesi di calma, break della Salernitana, con Odjer bravo ad agganciare un suggerimento di Donnarumma ma poco preciso al momento di proporre la personale conclusione, sventata senza troppi patemi d'animo da Brignoli. Dieci minuti prima della naturale conclusione del match, ci prova invece Improta, che manca l'aggancio con il pallone davvero per questione di centimetri. Importante, nell'occasione, il lavoro di Coda, che protegge e serve un Donnarumma successivamente lucido nel mettere in mezzo. Succede poco altro, fino al novantesimo, con Perugia e Salernitana che onorano la loro stagione, conclusasi in maniera diversa. Migliore in campo per i padroni di casa, Ricci. Per gli ospiti in evidenza Coda

Calcio