Serie B: Cittadella e Carpi inaugurano gli emozionanti playoff

I veneti partono dal vantaggio del doppio risultati: nei centottanta minuti, infatti, al Cittadella basta un pari per passare alle semifinali. Difficile, comunque, che il Carpi non segni almeno una rete, condizione che renderebbe la sfida più emozionante che mai.

Serie B: Cittadella e Carpi inaugurano gli emozionanti playoff
Source photo: carpifc.com

L'emozionante fase playoff di questa stagione di Serie B si apre con una sfida davvero interessante, una di quelle incerte e che potrebbe regalare emozioni a non finire. Contrariamente ai pronostici di inizio stagione, infatti, il match tra Cittadella e Carpi appare più equilibrato che mai, con i veneti pronti a stupire ancora e a superare i ragazzi di Castori, autori di una performance annuale meno brillante del previsto. Reduci da un'inattesa sconfitta contro la Virtus Entella, che ha di fatto complicato il percorso verso la A, i ragazzi di Venturato si troveranno di fronte un collettivo arcigno, ordinato e difficilmente superabile, uno di quelli che riesce benissimo ad insabbiare un risultato potenzialmente favorevole.

Al contrario, i falconi potranno sfruttare una tendenza difensiva del Cittadella non perfetta, a cui fa però da contraltare un attacco imprevedibile e cinico, composto da uomini vogliosi di mettersi in evidenza, ancora, in uno dei campionati più interessanti d'Europa. Penalizzato anche dal regolamento, il Carpi dovrà obbligatoriamente vincere, avendo a disposizione ben centottanta minuti per segnare senza subire. Considerando quanto visto nella stagione regolamentare, appare francamente difficile che il Cittadella non subisca reti, i ragazzi di Castori dovranno dunque essere bravi a segnare per primi e a chiudersi in difesa, sfruttando poi gli eventuali spazi lasciati dai veneti, costretti poi a rimontare per concludere quantomeno in parità. Essendo meglio piazzati, infatti, i veneti passerebbero il turno anche se la sfida non dovesse eleggere un vincitore dopo i supplementari, evitando così i rigori. Un vantaggio non da poco ma che, comunque, non farà dormire sogni tranquilli. 

"Ci troviamo davanti a un’altra partita decisiva come ci capita ormai da qualche turno - ha detto Castori in conferenza stampa - anche se questa volta è un vero e proprio dentro o fuori. La squadra sta bene e, a parte le assenze di Bifulco per la Nazionale e D’Urso che ha avuto un’indisposizione, è al completo. Ci presentiamo con le giuste carica e determinazione, sapendo che troviamo un grande avversario che ha disputato un grandissimo campionato dimostrando qualità indiscutibili. Questi play-off sono stati una rincorsa per noi ma non siamo certamente appagati e siamo pronti per giocarci tutte le nostre carte in un’altra battaglia”.​

Ugualmente combattivo, inoltre, il tecnico dei veneti Venturato, subito deciso a cancellare l'ultimo turno: "Dopo la sconfitta di Chiavari dobbiamo essere bravi a dividere il nostro campionato - ha detto - da una gara di play-off che vale la semifinale per la Serie A. Abbiamo dimostrato grandi valori durante il campionato ma anche dei limiti, dobbiamo minimizzare questi limiti perché quando non siamo in giornata o non abbiamo la mentalità  giusta andiamo in difficoltà con qualsiasi avversario". Sui playoff, il mister ha parlato dell'atmosfera elettrica che la rosa sta vivendo in questi giorni: “Tutti culliamo questo sogno: io, la squadra, il Direttore, la Società. Se la nostra realtà ha fatto qualcosa di straordinario lo dobbiamo al Presidente in primis ma anche ad ognuno dei componenti di questa società. Domani sera ci giochiamo qualcosa di importante tutti assieme”.

Secondo le ultime news provenienti dai campi d'allenamento, con Carpi e Cittadella pronte a snaturarsi ma comunque costrette a qualche cambio rispetto all'undici considerato titolare. Per i veneti, sicuro il 4-3-1-2, con Alfonso in porta protetto dai centrali Varnier e Pelagatti. Ai lati, i terzini Pedrelli e Martin, pronti a sostenere la manovra offensiva proponendo invitanti cross al tandem offensivo, composto da Arrighini e Strizzolo. Nella zona mediana del campo, chiavi del gioco affidate a Iori, con Valzania e Bartolomei a sostegno. Conclude l'undici veneto, il trequartista Chiaretti. Equilibrato 4-4-2, invece, per i carpigiani, con Mbakogu al fianco di Lasagna in avanti. Belec il portiere, protetto dalla retroguardia a quattro formata da Struna, Romagnoli, Gagliolo e Letizia. A centrocampo, Lollo e Bianco, con gli esterni Concas e Di Gaudio pronti ad attanagliare gli agguerriti avversari.

Cittadella e Carpi, volendo spulciare qualche statistica, si sono affrontate per ben sei volte negli ultimi anni, con ben tre vittorie ciascuno e nessun pari. Nella stagione regolare, infatti, le due formazioni si sono spartite la posta in palio, dimostrandosi insuperabili in casa. All'andata, il Carpi vinse grazie alle reti di Catellani e Lasagna, passivo importante ma leggero rispetto al 4-1 subito poi dai falconi al ritorno, un vero e proprio smacco concretizzatosi grazie alle reti di Arrighini, Iori, Valzania e Paolucci, che di fatto vanificarono il momentaneo ed inutile 0-1 firmato Jerry Mbakogu. Appuntamento ad una nuova sfida, dunque, un vero e proprio scontro che si prospetta emozionante ed incerto.  


Share on Facebook