Sassuolo, Berardi decide il test con la Pro Piacenza

Una punizione del calabrese regala il successo alla squadra di Bucchi, non ancora in piena forma. Mercoledì ultima amichevole - con la Cremonese - prima dell'esordio ufficiale contro lo Spezia in Coppa Italia.

Sassuolo, Berardi decide il test con la Pro Piacenza
Sassuolo, Berardi decide il test con la Pro Piacenza | www.sassuolocalcio.it

Con un pizzico di fatica inaspettata, il Sassuolo batte 1-0 la Pro Piacenza nel penultimo test amichevole di questo precampionato. Allo stadio Ricci, di fronte a circa 1000 spettatori, il tecnico Cristian Bucchi ha scelto di schierare la formazione che molto probabilmente sarà quella titolare nelle gare ufficiali, al netto di operazioni di mercato: davanti a Consigli, difesa formata da Lirola, Paolo Cannavaro, Acerbi e Peluso, centrocampo composto da Biondini, Magnanelli e Duncan, mentre il peso offensivo è affidato a Politano, Falcinelli e Berardi.

È proprio l’ala calabrese a decidere l’incontro mettendo a segno il goal partita su calcio di punizione al 42’ del primo tempo, dopo un grande intervento del portiere avversario Gori su Magnanelli al 22’ ed un salvataggio sulla linea qualche minuto più tardi su un tentativo di Falcinelli. Nel secondo tempo, complici le temperature torride, i ritmi si abbassano notevolmente e la difesa dei piacentini guidati da Fulvio Pea regge fino al novantesimo. Ripresa degli allenamenti fissata per lunedì pomeriggio, poi ultimo test amichevole mercoledì sera, contro la Cremonese al Mapei Stadium, prima del debutto ufficiale in Coppa Italia contro lo Spezia, vittorioso 3-0 sulla Reggiana.

Nonostante le diverse voci di mercato, Bucchi ha dimostrato di puntare sia su Politano che su Falcinelli: sul primo c’è da tempo l’interesse della Fiorentina, ma ad oggi di accordi non ne sono stati raggiunti, mentre il secondo ha anche ammesso nelle scorse settimane di sentirsi un sicuro partente, però finora sono stati solo corteggiamenti e dialoghi. Chi dovrebbe partire sicuramente è Pietro Iemmello: anche ieri l’attaccante non figurava nemmeno tra i giocatori in panchina, segno evidente che ha le valigie in mano. Su di lui c’è il Crotone, alla ricerca di un nuovo centravanti – è l’alternativa a Cutrone – ma occhio all’ipotesi Foggia: il classe ‘92 ha già vestito la maglia dei pugliesi in Lega Pro tra il 2014 ed il 2016, mettendo a segno 53 reti in 77 presenze, sfiorando la promozione in Serie B; ora la cadetteria è stata conquistata ed un ritorno sarebbe gradito da entrambe le parti.  

Calcio