Verso Atalanta - Genoa, parla Reja: "Domani mi aspetto una prestazione di alta intensità"

Il tecnico atalantino in conferenza stampa: "Non mi era mai capitato, qui, di perdere tre partite di fila. L'attenzione è ancora maggiore"

Verso Atalanta - Genoa, parla Reja: "Domani mi aspetto una prestazione di alta intensità"
Verso Atalanta - Genoa, parla Reja: "Domani mi aspetto una prestazione di alta intensità"

Atalanta-Genoa è l'incontro valido per la 19esima giornata di Serie A. Le due squadre non attraversano un buon momento di forma: da una parte ci sono i bergamaschi che arrivano da tre sconfitte consecutive, mentre il Grifone è in netta crisi con i cinque ko collezionati, l'ultimo proprio nel sentitissimo derby contro la Sampdoria. Sarà dunque una sfida ad alta tensione all'Atleti Azzurri d'Italia.

Il tecnico dell'Atalanta, Edy Reja, è intervenuto nell'odierna conferenza stampa. Tanti i temi affrontati, partendo dagli avversari che arrivano al giro di boa con un solo punto da difendere sulla zona retrocessione: "Il Genoa arriva da un momento negativo, hanno giocatori di carattere e di corsa, Gasperini chiede intensità, ha sempre avuto ritmi altissimi. Gira un po' male, ultimamente, con la Sampdoria hanno avuto il pareggio a pochissimo dalla fine. Prepariamoci ad affrontare una squadra che può mettere in difficoltà. Mi aspetto il piglio giusto. Match point? Non scherziamo, nel calcio ci sono piccoli problemi che possono cambiare le stagioni. Commento sul ritiro del Genoa? Quelli punitivi non esistono, si fa perché noi venivamo dalla preparazione della gara di mercoledì con allenamento a mezzogiorno e alimentazione a nove e mezza della mattina. Per ritornare in condizione e per le abitudini con il riposo, per mettersi un po' a posto dal punto di vista fisico, per capire il momento e la situazione. Sono considerazioni che si fanno, il momento richiedeva un giorno in anticipo di ritiro."

Capitolo mercato: "La società sta lavorando, io abito a mezz'oretta e alle volte andiamo in riunione dove mi aggiornano delle situazioni. Io devo mettere la squadra e tenere tesi tutti quanti. Abbiamo bisogno di fare prestazioni. C'è il discorso di Carmona, oltre a sostituire il partente Maxi. Abbiamo Pinilla, Denis e Monachello davanti, dipenderà da dove non abbiamo le coppie. Sono molto seccato da queste situazioni, vengono quando c'è la riapertura delle liste, ci sono voci in continuazione. Però d'altronde questa è la situazione del mercato, inconsciamente provoca meno attenzione sulle partite. Anche quelli che hanno meno spazio penso stiano bene qui a Bergamo, sotto questo punto di vista tutti quelli che ci sono attualmente difficilmente cambieranno casacca. Sono tutti confermati". Chisura sui singoli, Pinilla è pronto al rientro: "Domani rientra, poi da lunedì si allena. Ha fatto quindici giorni dopo l'intervento che ha fatto, non è stato fermo ma non lavorava sulla corsa. Ci vorrà un paio di settimane." Paletta: "Giocatore di qualità e di personalità, ha sicurezza, nell'uno contro uno difficilmente lo salti, ha posizione e tempo. Alla fine nel discorso collettivo. Dramé? Abbiamo avuto cautela, ora forzerà. O uno o Brivio. Lì ho l'imbarazzo della scelta, in mezzo alla difesa, perché ho Toloi, Stendardo e Cherubin".


Share on Facebook