Atalanta - Torino 2-1: allenatori nervosi, le parole del post-gara

Gasperini e Mihajlovic hanno entrambi terminato i 90 minuti in tribuna, espulsi. Ma il sorriso l'ha mantenuto il tecnico dei bergamaschi.

Atalanta - Torino 2-1: allenatori nervosi, le parole del post-gara
Atalanta - Torino 2-1: allenatori nervosi, le parole del post-gara

Tre gol in campo, due allenatori espulsi in panchina, una sola squadra soddisfatta, zero tempo per rifiatare durante la gara. Termina 2-1 Atalanta - Torino, partita divertente e decisa nel finale da un rigore di Kessié, dopo il botta risposta tra Iago Falqué e Masiello.

Sorride, Giampiero Gasperini, dopo aver ottenuto la prima vittoria sulla panchina dell'Atalanta: "E' stata una partita combattuta", ha dichiarato a Sky Sport, nelle parole riportate da TMW. "Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, globalmente abbiamo costruito più del Torino. Siamo andati sotto e poi abbiamo trovato il pareggio subito. I tre punti ci indicano la buona strada". Una partita 'sporcata' da un'espulsione nel finale, classificata come un equivoco dal tecnico dei bergamaschi: "L'area tecnica è troppo piccola e mi trovavo troppo spesso fuori. Stavo richiamando un mio giocatore, il direttore di gara mi aveva già ripreso. Probabilmente ero un passo fuori".

Resta comunque soddisfazione, anche per l'ennesima ottima prestazione di Kessié, non era certamente lui il giocatore richiamato prima dell'allontanamento, anche se "Il rigore doveva calciarlo Paloschi e lo ha tirato lui, deve ancora crescere da questo punto di vista", afferma Gasperini, che poi continua: "L'anno scorso in B a Cesena ha fatto un campionato importante. Quest'anno quando è venuto in ritiro con noi si è visto da subito che aveva qualità importanti". 

Sempre a Sky Sport ha espresso il suo punto di vista sulla partita anche Sinisa Mihajlovic, anch'egli espulso, ma intorno alla mezz'ora del primo tempo, al contrario del collega, allontanato nel finale: "Sull'1-1 abbiamo giocato con quattro attaccanti. Le mie squadre si prenderanno rischi per vincere la partita. Nel primo tempo siamo stati un po' troppo nervosi mentre nel secondo abbiamo cercato la vittoria. I gol che abbiamo subito li abbiamo presi per errori individuali. E' più facile però mettere a posto un errore individuale che uno di reparto. Bisogna essere più attenti".

"Era una gara alla nostra portata - ha poi proseguito - Nella ripresa abbiamo cercato di mettere tutto quello che avevamo, siamo andati in vantaggio ma non siamo riusciti a gestirlo. Penso che sarebbe stato più giusto un pareggio". E sull'episodio decisivo spiega: "Sicuramente è un rigore che ci punisce troppo. Un giocatore girato di spalle, per terra e che non vede l'avversario". Infine, qualche critica per la misura severe utilizzata nei suoi confronti: "Assurdo che in due anni io sia stato espulso quattro volte".


Share on Facebook