Gomez trascina l'Atalanta verso l'Europa: 2-0 al Cagliari

La doppietta del Papu mette ben presto in discesa la gara, poi i nerazzurri si limitano a gestire senza forzare gli affondi. Rafael compie pochi interventi, poche occasioni. Nerazzurri in piena zona Europa, alla parti con l'Inter.

Gomez trascina l'Atalanta verso l'Europa: 2-0 al Cagliari
L'esultanza del Papu. | Fonte immagine: Twitter @SportMediaset
Atalanta
2 0
Cagliari
Atalanta: (3-4-1-2) - Berisha; Toloi, Caldara, Masiello (62' Zukanovic); Conti, Kessie (81' Cristante), Freuler, Spinazzola; Kurtić; Petagna, Gomez (90' Mounier). All. Gasperini
Cagliari: (4-4-1-1) - Rafael; Pisacane, Ceppitelli (83' Ionita), Alves, Capuano (79' Serra); Isla, Tachtsidis, Dessena (70' Miangue), Barella; Di Gennaro; Borriello. All. Rastelli
SCORE: 4' e 16' Gomez (A)
ARBITRO: Claudio Gavillucci. AMMONITI: 54' Ceppitelli (C), 58' Masiello (A), 61' Barella (C), 63' Conti (A), 83' Kurtic (A), 88' Spinazzola (A).
NOTE: Gara valida per la 23esima giornata di Serie A 2016/17, giocata allo stadio Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo, alle ore 15.

L'Atalanta stacca il Milan e si porta al quinto posto in classifica: i nerazzurri battono in scioltezza un Cagliari mai insidioso, steso da una doppietta del Papu Gomez nel primo quarto di gara. Termina 2-0 in favore della banda di Gasperini la sfida della 23esima giornata di Serie A, una vittoria che proietta i bergamaschi in piena zona Europa League, a quota 42, alla pari con l'Inter (impegnato stasera sul campo della Juventus) e a -1 dalla Lazio, quarta.

Il ballottaggio in difesa tra gli orobici si risolve in favore di Toloi e Masiello, parte dunque dalla panchina Zukanovic. In mediana ritorna dal primo minuto Kessié, mentre davanti solo conferme per Kurtic, Gomez e Petagna. Rastelli risponde con il 4-4-1-1: recupera Barella che va sulla sinistra, con Isla a destra. Avanza Di Gennaro alle spalle di Borriello. In difesa a sinistra gioca Capuano, preferito a Murru e Miangue.

L'Atalanta parte a mille e dopo nemmeno quattro minuti va in vantaggio: azione tutta in velocità, Conti vola a destra e crossa rasoterra a centro area, dove Gomez arriva indisturbato alla battuta, un rigore in movimento che trafigge Rafael. I sardi faticano tremendamente ad uscire dalla propria metà campo e al quarto d'ora si ritrovano sotto di due reti: è sempre il Papu a regalare magie, spedendo un fantastico destro a giro nel sette.

Forti del doppio vantaggio, i ragazzi di Gasperini giocano sul velluto, riducendo al minimo i rischi e continuando a pungere, cucendo interessanti trame soprattutto sulla corsia mancina. Il controllo totale per poco non sfocia nel terzo gol: uno schema su corner libera Petagna alla conclusione su assist di Masiello, ma l'attaccante non riesce a impattare la palla da pochi passi.

Il Cagliari cerca di farsi vedere dalle parti di Berisha in apertura di ripresa, ma con poca convinzione e soprattutto senza impegnare il portiere albanese, che deve intervenire per la prima volta al 59', respingendo con i pugni una punizione di Di Gennaro. Su piazzato ci aveva provato poco prima l'Atalanta, con Freuler che era arrivato allo stacco, senza centrare la porta.

L'ultima mezz'ora di gara è di fatto un nulla cosmico: le squadre, a risultato abbondantemente acquisito, allentano la tensione e abbassano i ritmi. C'è spazio solo per una botta centrale di Kessié, parata da Rafael, e per un bell'inserimento di Cristante nei minuti finali, la cui conclusione trova ancora i guantoni del portiere brasiliano, decisivo anche nel recupero su Petagna. Al triplice fischio finale è delirio all'Atleti Azzurri d'Italia: l'Atalanta non solo sogna l'Europa, ma la vede, e anche da vicino.