Atalanta, parla Gasperini: "A Napoli è dura, non dobbiamo solo difenderci"

L'Atalanta è chiamata al difficile impegno del San Paolo in casa di un Napoli intento a difendere il terzo posto. Gasperini avverte i suoi: "Sarà una sfida non semplice"

Atalanta, parla Gasperini: "A Napoli è dura, non dobbiamo solo difenderci"
Gasperini presenta la sfida tra Napoli ed Atalanta

L'Atalanta non ha alcuna intenzione di mollare la presa e cedere sul più bello. Quarta in classifica a pari merito con l'Inter, in casa orobica si respira un insolito profumo di Europa, un sogno nella città lombarda che tutti vogliono tramutare in dolce realtà. Non è delle più agevoli la partita che l'Atalanta affronterà domani in anticipo (ore 18:00), match che aprirà la 26^ giornata del campionato di Serie A. La Dea renderà visita ad un Napoli in forma, una squadra che sta esprimendo forse il miglior calcio d'Italia.

Il tecnico Gasperini avverte i suoi, mettendoli in guardia dalle mille insidie che la trasferta napoletana può riservargli: "Il Napoli per valori è vicino alla Juve, per noi sarà anche un test di maturità. Per fare risultato a Napoli non puoi pensare solo a difenderti, devi prima di tutto giocare bene e restare concentrato per gli interi 90' minuti, ed oltre. All'andata la vittoria sul Napoli era stata una svolta determinante, ci ha iniettato molta fiducia".

L'allenatore si è poi soffermato sulla condizione fisica del gruppo, soprattutto di quei calciatori che tra martedì e mercoledì hanno sostenuto lo stage con la Nazionale a Coverciano: "Tra tutti i calciatori che sono partiti, l'unico che è tornato acciaccato è Conti. Nel suo ruolo, non avendo a disposizione nè Dramè nè Konko, se non dovesse farcela sarei costretto a concedere una chance ad Hateboer. Kessiè e Gomez sono diffidati, ma non posso cambiare formazione per questo motivo, per me in campo ci va sempre la migliore formazione possibile".

Ha parlato anche il difensore centrale brasiliano Rafael Toloi in vista del match di domani in trasferta contro il Napoli di Maurizio Sarri: "Gli azzurri sono una grandissima squadra, troveremo avversari veloci e organizzati, vietato portarli davanti alla nostra porta. Il Napoli è più forte e parte favorito, ma di certo noi non scenderemo in campo già battuti. Tra tutti mi impressionano maggiormente Mertens, Hamsik ed Insigne, li toglierei volentieri al Napoli domani".

 


Share on Facebook