Bologna, Saputo: "Vogliam rendere il Dall'Ara confortevole. L'Europa? Piano piano..."

In occasione della cena natalizia della squadra, il presidente rossoblù parla ai microfoni di Sky.

Bologna, Saputo: "Vogliam rendere il Dall'Ara confortevole. L'Europa? Piano piano..."
Fonte immagine: Calcio e Finanza

Una festa coi fiocchi, nel day-after di una vittoria fondamentale. Il Bologna si è regalato tre punti a Pescara per concludere il proprio 2016 (la prossima giornata era in programma il match col Milan, rinviato a Gennaio causa impegno in Supercoppa), ed ora può pensare alle vacanze, anche se con tanti progetti in testa, specialmente in quella di Joey Saputo.

In occasione della cena di Natale della società felsinea, il presidente canadese parla a Sky del suo operato e delle sue idee, partendo dallo stadio: "Il nostro obiettivo è cambiare il Dall'Ara - afferma Saputo - rendendolo uno stadio dove tutti saranno fieri di giocare. Vogliamo creare un'hospitality come abbiamo in Canada e negli Stati Uniti: il calcio è uno sport bellissimo e la gente lo vuole apprezzare in uno stadio confortevole".

E chissà che un giorno il Dall'Ara non possa ospitare notti europee. Il presidente frena e mantiene la calma: "Dobbiamo lavorare piano piano, è importante sapere che ogni anno facciamo di meglio. L'importante è farlo con pazienza". Calma e pazienza anche sul mercato: sulla scrivania dell'imprenditore potrebbero arrivare richieste di spese... "Adesso aspetterò per vedere cosa mi presentano e se c'è la possibilità di fare qualcosa. Donadoni, Bigon e Fenucci sono persone con tanta responsabilità, sono sicuro che non mi chiederanno qualcosa di incredibile da spendere...", risponde, sorridendo.

La stretta attualità racconta invece di un rotondo 0-3 ottenuto a Pescara: "Fa sempre bene vincere una partita, aldilà di come e quanto si vince, specialmente quando poi si va in vacanza per un paio di settimane sapendo che l'ultima partita l'abbiamo vinta". Un bel modo per festeggiare il Natale.

Bologna