Cagliari, buon pareggio con l'Amburgo. Giulini: "Il mercato è chiuso"

Finisce 1-1 il match fra la squadra sarda e i tedeschi guidati dal tanto amato ex Albin Ekdal.

Cagliari, buon pareggio con l'Amburgo. Giulini: "Il mercato è chiuso"
La formazione scesa in campo contro l'Amburgo. Foto: tuttosport.com

Buona prestazione del Cagliari a dieci giorni dal via del campionato di Serie A. La squadra di Rastelli si schiera con quello che potrebbe essere il modulo utilizzato nel prossimo impegno ufficiale (la partita di Tim Cup di lunedì che vedrà i rossoblu affrontare la Spal), ovvero il 3-5-2 con Storari in porta, Krajnc, Salamon e Alves a comporre la linea di difesa, Padoin sulla corsia destra, Di Gennaro, Munari e Ionita al centro con Capuano largo sulla sinistra. In avanti, Farias e Marco Borriello, all'esordio con la maglia dei sardi.

Pronti via l'Amburgo si fa subito pericoloso quando al 7' Wood si presenta di fronte a Storari dopo aver bruciato Salamon in velocità, buona la risposta dell'esperto portiere. Al 14' passano in vantaggio i sardi con Farias che viene atterrato in area e trasforma il successivo calcio di rigore. Il Cagliari continua a farsi pericoloso, in particolare con Bruno Alves su palla inattiva e con un pimpante Borriello. L'Amburgo trova però il pareggio al 34', ancora su calcio di rigore con Hunt che non perdona Storari. Girandola di cambi al termine del primo tempo e nella ripresa è Ekdal a farsi pericoloso con un gran tiro da fuori ben respinto dal neoentrato Rafael. Il finale di partita scorre senza particolari emozioni, fino al 93' minuto quando Barella scambia bene con Arras al limite dell'area, ma il suo tiro si stampa sulla traversa. Finisce quindi 1-1, buona però la prestazione della squadra di Rastelli, da segnalare in particolare l'ottima prova di Borriello, il quale sembra essersi ben integrato nel nuovo gruppo.

Nel post gara, il presidente rossoblu Tommaso Giulini si dice soddisfatto della prestazione dei suoi e chiude la porta a nuovi acquisti: "L'amichevole di questa sera è andata bene, abbiamo provato un nuovo modulo e siamo contenti perché pensiamo di poter dire la nostra anche col 3-5-2, come alternativa al modulo dell'anno scorso. Cassano? è un poeta del calcio, ma adesso siamo a posto con questa rosa e non pensiamo ad aggiungere altri tasselli. Padoin e Isla? Il primo è un nome che cercavamo già a fine della scorsa stagione, mentre il nome del secondo è uscito più avanti. Sono due pedine importanti, d'esperienza, che possono fare bene in questa piazza".

Infine, qualche parola sulle possibilità del Cagliari per questa stagione: "Pensiamo che la squadra abbia le carte in regola per salvarsi e per giocarsela contro tutte, dobbiamo giocarci la salvezza con una decina di squadre, le altre hanno un budget nettamente superiore e difficilmente potremo competere"