Cagliari: ottimi spunti contro il Crotone, le chiavi del successo

I ragazzi di Massimo Rastelli si regalano una domenica stellare, vincendo alla prima alla Sardegna Arena. Sau punge Cordaz, Joao Pedro illumina, Andreolli regge l'urto: ecco le chiavi del successo rossoblu.

Cagliari: ottimi spunti contro il Crotone, le chiavi del successo
Source photo: Getty Images

Finalmente, la prima vittoria stagionale. Dopo due sconfitte consecutive, ottenute comunque contro Juventus e Milan, si rialza il Cagliari di Massimo Rastelli, che contro il Crotone ha conquistato una vittoria importante ai fini della salvezza. Disputando una sfida onesta ed ordinata, i rossoblu hanno pungolato gli avversari al momento giusto, controllando nella ripresa e soffrendo solo all'88', quando una punizione di Barberis ha fatto venire i brividi ad Alessio Cragno. Scesi in campo con il solito 4-3-1-2, Rastelli ha riproposto il modulo "accantonando" ancora il 4-3-2-1, i sardi hanno atteso nei primi minuti, battendo un colpo con Barella ed affidandosi allo sporco lavoro di Pavoletti in avanti.

Aumentando leggermente la pressione, con un Joao Pedro sempre più in palla, il Cagliari ha di fatto marcato l'unica rete di gara alla prima chance valida, battendo Cordaz con un contropiede schematico e concluso da Sau, che a tu per tu con l'estremo difensore avversario non ha potuto capitalizzare al massimo il cioccolatino propostogli da Joao Pedro, sempre più protagonista e fulcro del gioco sardo dopo gli stop fisici della scorsa stagione. Al centro della mediana, Cigarini ha dettato i tempi di gioco, mettendoci impegno in attesa della forma migliore. Ai suoi lati, bene Dessena in fase difensiva, benissimo Barella al momento di proporsi. L'ex Como, particolarmente in palla, ha spesso imperversato nella retroguardia calabrese, portando quasi all'autogoal il povero Cabrera, che al ventottesimo ha sudato freddo, ringraziando però la Dea Bendata per lo scampato pericolo. 

In difesa, poco da dire al solito Andreolli, che in rossoblu sembra aver ritrovato la forma dei tempi migliori. Degno erede di Bruno Alves, l'ex Inter e Chievo si sta ritagliando un posto importante al Cagliari, ben figurando al di là del risultato. Contro Budimir e Trotta, il roccioso difensore non sfigura affatto, vincendo molti contrasti ed annullando il bomber ex Sampdoria. Non che il croato si sia confermato particolarmente in palla, ma avere tra le proprie fila un atleta esperto e carico, potrebbe servire in vista del prosieguo della stagione. Il Cagliari, dunque, seppur ancora claudicante in alcuni momenti di gioco, si conferma cinico al punto giusto, un gruppo compatto e pronto a regalarsi un'altra positiva salvezza.