A Verona è Cassano-show: 3-2 per il Parma

Ducali corsari a Verona grazie ai gol e alle giocate di Cassano, oggi in versione "Fantantonio". Il Chievo - che nonostante la sconfitta è stato artefice di una buona prestazione - deve ancora "espugnare" il Bentegodi: in questo inizio di stagione due sconfitte in altrettante gare tra le mura amiche.

Chievo
2 3
Parma
Chievo: (4-3-3) Bardi; Frey, Dainelli, Cesar, Biraghi; Izco (77mo Paloschi), Radovanovic (68mo Cofie), Hetemaj; Lazarevic, Maxi Lopez, Birsa (72mo Botta) Panchina: Bizzarri, Seculin, Gamberini, Zukanovic, Mangani, Sardo, Edimar, Pellissier, Schelotto Allenatore: Corini
Parma: (3-5-2) Mirante; Mendes, Lucarelli, Costa, Jorquera, Acquah, Lodi (62mo Galloppa), Ghezzal (62mo Coda), Gobbi; Belfodil (77mo Rispoli) Cassano Panchina: Cordaz, Iacobucci, Mauri, De Ceglie, Ristovski, Santacroce, Lucas, Pozzi, Palladino Allenatore: Donadoni
SCORE: min. 4 Izco, 64mo Cassano, 75mo Coda, 76mo Cassano, 81mo Paloschi Ammoniti: Lucarelli, Belfodil, Gobbi, Frey; Galloppa
ARBITRO: Damato di Barletta

Corini propone lo stesso undici titolare che una settimana fa ha vinto in casa del Napoli. Ancora panchina quindi per Alberto Paloschi, un ex del Parma. Ci si aspetta un inizio equilibrato, ma dopo soli 4 minuti di gioco il Chievo passa in vantaggio: corss rasoterra di Lazarevic, Maxi Lopez non ci arriva, ma Izco si fa invece trovare pronto e insacca: 1-0. Al 16mo è Bardi a salvare il vantaggio parando d'istinto un colpo di testa di Cassano su corner di Lodi. Pochi minuti dopo è Ghezzal - dopo aver sovrastato Biraghi - a sfiorare il pari, ma il suo colpo di testa finisce a lato. Al minuto 26 il Chievo potrebbe raddoppiare: assist di Lazarevic per Maxi Lopez ma il destro dell'argentino termina fuori a fil di palo. Ma verso la fine del primo tempo viene annullato l'1-1 a Lucarelli che segna di mano sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Si va dunque a riposo con gli uomini di Corini in vantaggio.

Nella ripresa Donadoni cambia volto al Parma inserendo Galloppa e Coda per Lodi e Ghezzal. Ingresso decisivo quello dell'attaccante ex Nova Gorica, che al minuto 64 serve un ottimo pallone a Cassano che fulmina Bardi con un destro all'incrocio. Dieci minuti dopo Coda è ancora protagonista: su assist di Galloppa segna la rete del 2-1. Il Chievo è tramortito. E neanche due minuti dopo il talento di Bari Vecchia firma la doppietta personale su assist ancora di Galloppa. Pochi minuti dopo gli uomini di Corini accorciano le distanze grazie alla marcatura di Paloschi - entrato da pochi minuti - che in mischia da un corner di Botta sigla il gol del definitivo 2-3. I gialloblù ci credono, ma non basta il forcing finale per arrivare al pareggio: vince il Parma.

Queste le dichiarazioni di Corini rilasciate a Sky Sport al termine della partita: "Le partite non si possono gestire, però la sensazione è che la squadra fosse in controllo. Invece abbiamo subito il gol del pari e ne abbiamo pagato le conseguenze a livello mentale.Il Parma ha capito il nostro momento negativo e ha trovato subito altri due gol. C'è sempre da lavorare, però la squadra ha avuto un buon approccio, uno spirito buono. Abbiamo pagato 8 minuti in cui abbiamo subito il contraccolpo del pari. Siamo usciti dal match per 8 minuti ma quello che abbiamo fatto prima e dopo è importante, e mi dà fiducia per il proseguio del campionato. La mia squadra fino ad ora ha solo vinto o perso? Ricerchiamo questo, penso sia più importante vincere piuttosto che pareggiare. Il pareggio deve essereuna conseguenza della prestazione, ma la squadra deve sempre cercare di vincere".


Share on Facebook