Sassuolo e Chievo sorprendono solo a metà, termina 1-1 al Mapei Stadium

Il primo tempo diverte, il secondo annoia. Decidono le reti di Defrel e Paloschi nel primo tempo, ma ci sono polemiche per un gol annullato al Sassuolo e per il gol del Chievo.

Sassuolo e Chievo sorprendono solo a metà, termina 1-1 al Mapei Stadium
Sassuolo-Chievo 1-1: la cronaca
Sassuolo
1 1
Chievo
Sassuolo: (4-3-3) Consigli; Vrsaljko, Cannavaro (46' Ariaudo), Terranova, Peluso; Missiroli, Magnanelli, Duncan; Berardi (82' Politano), Defrel, Floro Flores (71' Sansone). All. Di Francesco.
Chievo: (4-4-2) Bizzarri; Cacciatore, Dainelli (31' Cesar), Gamberini, Gobbi; Pepe (64' Birsa), Rigoni, Castro (82' Pinzi), Hetemaj; Paloschi, Meggiorini. All: Maran.
SCORE: 3' Defrel, 24' Paloschi
ARBITRO: Fabbri. AMMONITI: Peluso, Hetemaj, Magnanelli, Berardi.
NOTE: Gara valida per la sesta giornata di Serie A 2015/16, giocata al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Calcio d'inizio ore 15.

Era a tutti gli effetti una sfida al vertice tra due compagini in piena zona Europa, e lì entrambe si mantengono: al Mapei Stadium, Sassuolo Chievo hanno pareggiato per 1-1, regalando un primo tempo divertente grazie alle reti di Defrel e Paloschi, ma una ripresa decisamente più noiosa con pochissime occasioni. Un risultato sicuramente giusto per quanto visto in campo, ma per il quale il Sassuolo recrimina e non poco, perchè sempre nella prima frazione Defrel si è visto annullare una rete regolare. In ogni caso i neroverdi possono ritenersi soddisfatti: insieme all'Inter sono attualmente l'unica squadra imbattuta in Serie A.

LE SCELTE - Cambia qualcosa Maran rispetto al solito undici, a partire dal centrocampo: Pepe parte dal primo minuto con Birsa in panchina predendo posizione sulla trequarti. Ripristinata la coppia Meggiorini-Paloschi davanti, in difesa riposa Frey e rientra Gobbi. Di Francesco ritrova Terranova dal primo minuto al posto di Acerbi, così come Berardi dal primo minuto, accompagnato da Defrel e Floro Flores. Ritrova spazio da titolare anche Duncan.

PRIMO TEMPO - Neanche tre minuti e il Sassuolo mette già la testa avanti, sfruttando una buona azione di Floro Flores: destro da fuori respinto in maniera non perfetta da Bizzarri, sulla palla si avventa Defrel che non ha problemi a ribadire in rete l'1-0. Sicuramente più efficace Consigli pochi minuti dopo, quando deve ribattere un buon destro ravvicinato di Meggiorini; il portiere ex Atalanta sarebbe invece battuto sul sinistro di Hetemaj da fuori, ma la palla sorvola la traversa, e intorno al 20' ancora su un'occasione generata da Meggiorini, colpo di testa largo non di molto. Dopo varie palle-gol il pareggio arriva, non senza polemiche: Paloschi tocca appena il pallone in mezzo mettendolo sul secondo palo, Cacciatore, partito in posizione di offside, ci mette il piede dopo che la palla sembrava già in porta. L'arbitro prima annulla, poi decide di convalidare tra le proteste. Altre critiche dopo la mezz'ora, per un gol regolare annullato a Defrel, che col sinistro mette in porta una gran palla di Duncan: il guardalinee ravvisa una posizione di fuorigioco che non c'è. L'ultimo squillo del primo tempo è di Castro, colpo di testa che esce di poco, ma con Paloschi in offside a disturbare Consigli.

SECONDO TEMPO - Un altro mancino in apertura di ripresa, sempre di marca neroverde: Berardi prova la mezza rovesciata da posizione complicata, Bizzarri è pronto e ben posizionato per respingere. Il Chievo, che aveva giocato meglio nel primo tempo, costruendo anche di più, non riesce a replicare alle offensive della squadra di Di Francesco, che non crea però nitide palle-gol. Al giro di boa del secondo tempo ci prova Paloschi, torsione difficilissima che non va a buon fine, una delle pochissime occasioni che caratterizzano una ripresa decisamente pigra e non divertente come il primo tempo.

L'1-1 finale è un risultato giusto, che probabilmente non accontenta realmente nessuna delle due compagini, ma il Sassuolo riesce a mantenere l'imbattibilità e il Chievo riesce a mantenere un buon rendimento fuori casa e nelle zone alte della classifica. Partite per vincere, si sono divise la posta in palio, ma entrambe le squadre vogliono continuare a sorprendere.


Share on Facebook