Chievo, arbitro della lotta Champions

Sabato pomeriggio i clivensi ospiteranno la Roma, impegnata nel difendere la seconda piazza in classifica dagli attacchi del Napoli.

Chievo, arbitro della lotta Champions
Chievo, arbitro della lotta Champions

Sarà la sfida del 'Bentegodi' tra Chievo e Roma ad aprire ufficialmente la penultima giornata di campionato di Serie A. Calcio d'inizio alle ore 18:00. Un impegno che sulla carta appare dall'esito scontato, in quanto la Roma è assetata di punti per difendere l'attuale secondo posto dagli assalti, feroci del Napoli. I clivensi, però, non vorranno di certo recitare il ruolo di vittima sacrificale sul rettangolo verde di gioco, ma avranno, senz'altro, l'intenzione di chiudere al meglio la stagione, e congedarsi dal pubblico amico nel migliore dei modi, con una vittoria, o magari con una positiva prestazione abbinata alla conquista di punti. L'obiettivo decimo posto, ovvero quello di chiudere il campionato nella parte sinistra della classifica, sembra essere ormai sfumato, in quanto i punti di stacco dalla Sampdoria sono quattro.

Nella giornata di ieri è proseguita la preparazione della squadra in vista della sfida contro i giallorossi. Il Chievo, sotto l'ovvhiocome sempre vigile dell'allenatore Rolando Maran, ha svolto dapprima lavoro di forza in palestra, in sala attrezzi, poi si è passato a lavorare sul campo di gioco, praticando esercizi di rapidità con scambi veloci, ravvicinati e tiri in porta. Infine, la sessione si è conclusa con un torneo a pressione, a tre squadre. Nicolas Spolli, Gennaro Sardo e Perparim Hetemaj hanno svolto un allenamento differenziato, mentre Dario Dainelli ha continuato a svolgere terapie. Nessuno dei quattro calciatori appena citati, molto probabilmente riuscirà a recuperare per la sfida in programma tra due giorni.

Il difensore del Chievo Alessandro Gamberini, intervistato da Radio Crc, ha parlato della sfida di sabato contro la Roma e di Napoli-Fiorentina, match tra due sue ex squadre: "Per noi è una stagione positiva, abbiamo avuto un periodo di flessione ma nelle ultime gare abbiamo ritrovato continuità con tre risultati positivi. Vogliamo finire bene, la stagione, questo è quello che conta. Noi stiamo lavorando in questi giorni, preparando la partita con lo stesso atteggiamento, massimo impegno e determinazione di sempre. Affrontiamo una squadra più forte, ma la partita dovranno guadagnarsela, di certo non regaleremo nulla. Sarebbe la ciliegina sulla torta: per me poi varrebbe doppio, sia per la causa Chievo che per il Napoli. Ho un debole per Sarri, ha dato un'impronta alla squadra, ha trasmesso i suoi principi e valorizzato al massimo i giocatori a sua disposizione. Gioca il più bel calcio d'Italia. Napoli-Fiorentina? Mi mettete in difficoltà: sono stato 7 anni a Firenze, è stato un periodo importante. A Napoli sono stato solo una stagione, ma farò il tifo per gli azzurri perchè quella città che mi è rimasta nel cuore. Sul progetto di De Laurentiis c'è poco da dire: è in crescita, la squadra che ha creato potenzialmente nei prossimi anni potrà veramente competere avendo colmato il gap. La squadra ha tutte le potenzialità per vincere ed è merito del presidente".

Anche il centrocampista Samuel Bastien ha rilasciato, alla Gazzetta dello Sport alcune dichiarazioni in vista dello scontro di sabato, contro la Roma. Svela di avere un debole per la squadra della Capitale: "Mi fa sempre un effetto speciale giocare contro la squadra giallorossa. Da piccolo avevo sempre con me la maglia di Francesco Totti. Tifavo per lui, e la Roma mi è sempre stata simpatica". Poi, si sofferma sul suo connazionale, Radja Nainggolan: "Non lo conosco molto, l'ho incrociato solo qualche volta, ma nulla di più. Quindi sabato mi fa molto piacere incontrarlo. A differenza di lui, non ho nessun tatuaggio (sorride). In ogni caso, lo reputo uno dei migliori centrocampisti della Serie A. Abbina grande qualità, ad ottima corsa. Anche nel tiro eccelle. Di certo sabato gli chiederò la maglia".

Chievo Verona