Martusciello: "La salvezza si deciderà all'ultima giornata. Croce è in dubbio per domani"

Il tecnico dell'Empoli ha presentato il match di domani contro il Sassuolo invitando la squadra a non esaltarsi dopo le due vittorie consecutive. Diverse le assenze per l'allenatore che però vuole da parte dei suoi giocatori una grande prestazione e capacità di soffrire

Martusciello: "La salvezza si deciderà all'ultima giornata. Croce è in dubbio per domani"
conferenza martusciello empoli-sassuolo

Alla ricerca della terza vittoria consecutiva. E' questo il prestigioso obiettivo dell'Empoli dopo i due successi di fila con Fiorentina e Milan che hanno avvicinato la squadra toscana alla salvezza.

Ma il tecnico Martusciello, nella conferenza pre Sassuolo, evidenzia le grandi difficoltà della gara di domani contro un avversario molto forte e in forma.

"Domani ci aspetta una gara complicata. Veniamo da due ottime prestazioni e due ottimi risultati e quindi sarò curioso di vedere l'approccio al match dei ragazzi. Non dobbiamo pensare che siamo diventati bravi all'improvviso, dobbiamo sempre avere la paura di perdere la partita e giocare il match in maniera determinata perchè queste ultime partite sono decisive per noi".

Martusciello teme molto il Sassuolo di Di Francesco: "La squadra neroverde è molto forte ed è allenata da un grande allenatore. Non è riuscita a ripetere la cavalcata della scorsa stagione a causa degli infortuni, ma nelle ultime partite ha dimostrato di stare bene. Il Sassuolo è più forte di noi in maniera netta e in questo momento molto più in forma di Fiorentina e Milan".

Fa il punto, poi, sugli indisponibili: "Buchel deve superare la situazione successa la settimana scorsa, Mchedlidze è indisponibile come Cosic che forse rientrerà settimana prossima. Croce sarà valutato domattina e Marilungo ha avuto un fastidioso problema al ginocchio ma per fortuna non dovrà essere operato. Abbiamo diverse assenze ma chiunque giocherà dovrà disputare la partita della vita".

Il tecnico predica calma dopo gli ultimi esaltanti risultati: "E' chiaro che stiamo bene dal punto di vista mentale ma ciò non deve distoglierci dall'obiettivo finale che sarà la conquista della salvezza all'ultimo minuto di Palermo-Empoli. Dobbiamo mantenere i piedi per terra e saper soffire fino alla fine".

Martusciello nella sfida di domani vede molte analogie con il match con il Milan: "Sono due squadre che giocano in maniera molto simile. Forse il Sassuolo è più dinamico con gli esterni che amano inserirsi e non dare punti di riferimento. Come il Milan è una squadra molto organizzata che può metterci in difficoltà".

Sugli applausi delle ultime settimane, Martusciello non si illude: "Se domani giocheremo male ripioveranno fischi e si rischia di gettare al vento gli ultimi ottimi risultati. Noi dobbiamo essere feroci e aggressivi perchè la salvezza non è ancora conquistata".

Grandi prestazioni sta fornendo Federico Barba: "In questo momento dà più garanzie di Costa che comunque rimane un titolare. Da quando sta giocando Barba sta fornendo buone prestazioni e deve continuare così".

Molto bene stanno facendo gli acquisti di gennaio Thiam ed El Kaddouri: "Mi aspetto che continuino così. Sono cresciuti molto in questi mesi e spero che ci diano quelle che sono le loro qualità in termini di impegno e qualità. Ma il miglioramento lo si potrà avere solo se la squadra saprà soffrire fino alla fine. Non è cambiato nulla rispetto fino a due mesi fa"

Pesante è l'assenza di Mchedlidze ma grande fiducia nel sostituto: "Domani mancherà un giocatore importante per noi per le sue caratteristiche fisiche e tecniche. Ma chi lo sostituirà farà bene anche se devo ancora decidere chi giocherà insieme a Thiam".

Infine, entusiasmo per il progetto sul nuovo stadio: "Ovviamente sarebbe un qualcosa di meraviglioso per la bellezza del progetto e dell'impianto. Ma ora non abbiamo tempo per pensare a ciò".

 


Share on Facebook