Empoli, fa male perdere così

Orribile primo tempo, chiuso sotto di tre reti. La reazione dell'Empoli nella ripresa è tardiva: un 2-3 che fa contento solo il Crotone.

Empoli, fa male perdere così
Empoli, fa male perdere così

Una brutta sconfitta per l'Empoli quella rimediata al Sant'Elia di Cagliari. Se sulla carta, l'insuccesso può anche starci, poichè i sardi sono superiori dal punto di vista tecnico, ciò che lascia perplessi è il modo in cui la formazione toscana ha approcciato la gara: squadra abulica, senza mordente, colpita a freddo ed incapace di rialzarsi. Un primo tempo in cui sembrava il Cagliari la squadra assetata di punti salvezza, e l'Empoli la compagine ormai già in vacanza, che poteva permettersi di vivere un pomeriggio in assoluta tranquillità. "E' tutta una questione di motivazioni" ha affermato il tecnico Giovanni Martusciello nella giornata di sabato, in fase di presentazione della gara. Ecco, proprio le motivazioni non sono state il fattore messo in campo dai toscani. Primo tempo vissuto in apnea dagli empolesi, subendo quasi sempre un Cagliari che si è limitato ad attendere i rivali nella propria metà campo, e ripartire in contropiede. Sau, e due volte Farias, hanno indirizzato la contesa su binari ben precisi, con una difesa dell'Empoli inerme, ed una prestazione globale di squadra davvero insufficiente.

Nel secondo tempo qualcosa varia. Le sostituzioni operate dall'allenatore toscano, unite anche al cambio del modulo, hanno ridato un minimo di dignità all'Empoli. Possesso palla, e verticalizzazioni, fanno capolinea nel burrascoso pomeriggio empolese. Pucciarelli avrebbe la chance di riaprire la gara, ma fallisce il tiro dal dischetto. Poi c'è Zajc, 22enne gioiellino sloveno, lanciato nella mischia da Martusciello, che riporta in linea di galleggiamento i suoi. Sigla il gol dell'1-3, e serve l'assist per il gol di Maccarone. Ha il merito di rifornire l'attacco biancoceleste, fino a quel momento isolato. Dunque, ridà interesse al match, ultimi minuti vibranti, che però al triplice fischio finale premia i sardi. Una reazione tardiva dell'Empoli, che ha di fatto regalato i primi 45' di gioco al Cagliari che con facilità irrisoria ha colpito a proprio piacimento la squadra di Martusciello. 

Proprio Miha Zajc, nel dopogara, è apparso molto rammaricato. "Abbiamo iniziato male la gara, poi nel secondo tempo abbiamo provato a rimediare, ma la nostra rimonta è stata tardiva. Dispiace aver perso una gara così importante". Una sconfitta atroce ai fini della classifica, e ad aggravare ulteriormente la posizione dell'Empoli ci ha pensato il Crotone che ha vinto di misura in casa contro l'Udinese. Ora il vantaggio sul terzultimo posto è minimo, un solo punto, quando mancano solo due gare dal termine. L'Atalanta al Castellani, ed il Palermo in trasferta. In questi ultimi 180' minuti si scriverà il futuro dell'Empoli.


Share on Facebook