La Fiorentina espugna Cesena: finisce 1-4 per i viola

Ottimo lavoro della Fiorentina, che esce dal Manuzzi di Cesena con i 3 punti. La squadra di Montella si impone per 4-1 sui bianconeri e riduce lo svantaggio dal terzo posto a soli 3 punti.

La Fiorentina espugna Cesena: finisce 1-4 per i viola
Cesena
1 4
Fiorentina
Cesena : Leali, Nica (Garritano), Mazzotta, Lucchini, Carbonero (Carbonero), Coppola, Volta, Capelli, Hugo Almeida, Cascione (De Feudis), Defrel
Fiorentina: Neto, Gonzalo, Basanta, Savic, Alonso (Vargas), Pizarro, Borja Valero (El Hamdaoui), Aquilani, Joaquin, Gomez (Ilicic) , Mati Fernandez
SCORE: 44' Borja Valero, 48' Savic, 60' Autogol Savic, 79' Gonzalo Rodriguez, 93' El Hamdaoui.
ARBITRO: Orsato. Ammoniti: Volta, Borja Valero, Cascione, Coppola. Espulsi: Volta.
NOTE: Dallo Stadio Manuzzi di Cesena, 15^ Giornata di Serie A.

La Fiorentina fa il proprio dovere e conquista 3 punti importantissimi a Cesena. La squadra di Montella vince meritatamente al Manuzzi, soffrendo il giusto, ma imponendosi grazie al maggiore tasso tecnico/tattico. Dopo essere passata in vantaggio nel finale del primo tempo con Borja Valero, la Fiorentina trova anche il raddoppio con Savic, bravissimo a sfruttare un calcio piazzato. Poi i gigliati si complicano la vita da soli con un errore di Neto, che non controlla un passaggio di Savic e fa terminare la sfera nella propria porta. Ma con l'espulsione di Volta al 76° diventa tutto più facile per i viola, che trovano prima il 3-1 con Gonzalo Rodriguez e poi il 4-1 con El Hamdaoui. 3 punti importanti per la Fiorentina che accorcia sulla zona Champions e si porta a 23 punti.

Il neo allenatore del Cesena, Mimmo Di Carlo, si schiera con un 5-4-1, con Defrel a supporto di Hugo Almeida. Montella risponde con un 3-5-2, e schiera Mati Fernandez a supporto di Mario Gomez.

Parte bene il Cesena, che spinto dal pubblico, cerca di impensierire Neto, ma la retroguardia viola guidata da Gonzalo Rodriguez si difende in maniera perfetta. La prima azione degna di nota è della Fiorentina: Gomez anticipa tutti sugli sviluppi di un calcio piazzato, e ci vuole un super Leali per deviare il colpo di testa dell'attaccante tedesco. Il ritmo di gioco non si alza: i padroni di casa restano dietro la linea del pallone, aspettando i viola che provano ad far girare la palla. Il Cesena si fa vedere in avanti con una bella azione di Mazzotta sulla sinistra, ma il tiro dell'esterno è impreciso. Il tempo scorre nella prima frazione, ma le azioni da gol tardano ad arrivare. Ma sul finale del primo tempo arriva il colpo da maestro di Borja Valero. Sugli sviluppi di un corner il centrocampista spagnolo stoppa il pallone in area e fa partire una rasoiata imparabile per Leali. Termina quindi 1-0 per la Fiorentina un primo tempo non di certo indimenticabile.

La ripresa si apre con gli stessi 22 e con i viola vogliosi di chiudere la gara. E al 48° trovano subito il 2-0: Savic è bravissimo ad anticipare tutti di testa su un calcio piazzato battuto da Mati Fernandez. Poco dopo Mario Gomez fallisce un'occasione incredibile tutto solo davanti a Leali, dimostrando ancora una volta di non essere più quello di una volta. Al 60° minuto si riapre il match. Pasticcio di Neto che non riesce a controllare un retropassaggio di Savic e fa carambolare la palla in rete. L'autogol verrà attribuito al difensore montenegrino, ma il portiere brasiliano si è reso protagonista di una papera clamorosa. Di Carlo prova a scuotere ulteriormente i suoi inserendo Garritano e Tabanelli, ma al 76° arriva l'errore di Volta che condanna il Cesena: il difensore centrale atterra in maniera inspiegabile Mati Fernandez e si becca il secondo giallo. Con i bianconeri in 10 diventa tutto più facile per la Fiorentina, che trova il 3-1 con Gonzalo Rodriguez, bravo a sfruttare un cross di Pizarro e a battere Leali con un preciso colpo di testa. Nel finale gioia anche per El Hamdaoui che mette a segno il 4-1. 

La Fiorentina sale a 23 punti, mentre il Cesena resta fermo ad 8 punti.


Share on Facebook