Fiorentina capolista, Pasqual: "Il silenzio mediatico ci aiuta"

Il capitano viola, ai margini della manifestazione organizzata dall'AIL, ha parlato ai giornalisti presenti: "Aver conquistato la qualificazione a Euro2016 è un buon punto di partenza. Per quanto mi riguarda spero di conquistare un posto grazie al rendimento nella Fiorentina"

Fiorentina capolista, Pasqual: "Il silenzio mediatico ci aiuta"
Fiorentina capolista, Pasqual: "Il silenzio mediatico ci aiuta"

Manuel Pasqual, reduce da un infortunio che lo ha tenuto out per varie settimane, potrebbe essere a disposizione per l'importante sfida contro il Napoli. Il capitano viola ha parlato ai cronisti presenti nel corso di un evento organizzato dall'AIL (Associazione italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma) di cui è testimone per la nuova campagna di sensibilizzazione (con lo slogan, Capitano, dobbiamo vincerle): "Contro il Napoli non è la partita dell'anno, come già dissi prima di sfidare l'Inter e ci ha portato fortuna. Sto meglio, questa settimana mi allenerò con i compagni. A disposizione per il Napoli? Per ora penso a rientrare in gruppo, poi vedremo. Quella azzurra è una squadra dalle grandi potenzialità"

Capitolo Europeo: "Aver conquistato la qualificazione a Euro2016 è un buon punto di partenza. Per quanto mi riguarda spero di conquistare un posto grazie al rendimento nella Fiorentina, sarebbe bello poter essere all’Europeo per coronare la mia carriera. Finora non ho giocato molto ma sono da tempo nel giro azzurro.  Credo di avere il 50% di chance. Vecino? Ognuno deve agire secondo quello che sente, toccherà a lui in caso di chiamata dai dirigenti azzurri se se la sente di fare un percorso di italianizzazione oppure no”. 

La Fiorentina ha poco spazio a livello mediatico: si parla molto delle squadre che sono in difficoltà piuttosto che della viola che è prima in classifica. Che opinione si è fatto Pasqual?: "Si parla poco sulla stampa del nostro primato in classifica? Ci fa comodo, meglio tenere un profilo basso. Siamo partiti bene, ma ci sono ancora tante partite. L'importante è restare coi piedi per terra e portare in campo, con la nostra grinta, l'entusiasmo dei tifosi. Se fossimo ad aprile sarebbe anche possibile parlare di Scudetto. Per ora ci meritiamo di stare lassù, stiamo esprimendo il miglior calcio".

Fiorentina