Fiorentina, con il Milan rientra Kalinic: ancora in dubbio la presenza di Astori, out Vecino

Dopo il pareggio maturato a Udine, la Fiorentina è tornata a lavoro per preparare al meglio il big match che la attende domenica. Al Franchi arriva il Milan degli ex Montella e Montolivo, e per i gigliati è una grande chance contro una diretta avversaria per l'Europa. Sousa ritrova Kalinic, mentre restano in forte dubbio le presenze di Astori e Vecino.

Fiorentina, con il Milan rientra Kalinic: ancora in dubbio la presenza di Astori, out Vecino
Nikola Kalinic, centravanti Viola. Fonte foto: Getty Images Europe.

Smaltita la delusione per il pareggio maturato alla Dacia Arena di Udine, la Fiorentina di Paulo Sousa si sta preparando al meglio in vista del big match della sesta giornata di Serie A. Come domenica scorsa, anche questo fine settimana la Viola andrà a chiudere il programma della domenica ospitando il ritrovato Milan degli ex Montella e Montolivo

Per i tifosi Viola, quello con i rossoneri è uno dei match più attesi dell'intera stagione. La rivalità, maturata proprio negli anni in cui Vincenzo Montella era sulla panchina della Fiorentina, è rimasta anche adesso che sulla panchina Viola c'è Paulo Sousa. Dall'altra parte però, i gigliati avranno di fronte non solo un ex come l'Aeroplanino, ma anche un ex Capitano come Riccardo Montolivo; il Monto, sempre più leader dei rossoneri, sta cercando di remare contro critiche e fischi verso una delle gare più delicate della stagione. I rossoneri infatti, sembrano aver trovato la strada giusta con due vittorie nelle ultime due sfide. Numeri che fanno pensare ad un Milan ritrovato in vista di Firenze, quando a contendere i tre punti ci sarà una Viola un po ammaccata.

Fonte foto: 90min.com
Fonte foto: 90min.com

Alla ripresa degli allenamenti dopo il 2-2 di Udine, Paulo Sousa ha dovuto fare i conti con alcuni assenti che difficilmentre torneranno utili per il posticipo con i rossoneri. Matias Vecino ad esempio, è in fortissimo dubbio dopo l'infortunio rimediato con il Chievo Verona. Il tempo e le terapie hanno permesso al centrocampista di migliorare in modo sensibile, ma non ancora a sufficienza per tornare ad allenarsi.
Discorso molto simile è quello che riguarda Davide Astori. Il difensore ex Cagliari e Roma è rimasto a riposo nel match di Udine a causa di un problema al malleolo accusato nelle battute finali della gara con la Roma. Il problema è in fase di risoluzione, ma Paulo Sousa potrebbe anche decidere di non rischiare il centrale in vista dell'Europa League. Nel caso in cui Astori non scenda in campo dal primo minuto, nella difesa a tre con Gonzalo e Tomovic potrebbe esserci spazio per l'oggetto misterioso Salcedo, favorito su De Maio

Fonte foto: lapresse.it
Fonte foto: lapresse.it

Mentre in difesa e a centrocampo le soluzioni non sono molte, in avanti, Sousa avrà l'imbarazzo della scelta. Nonostante l'ottima prova di Udine corredata anche da un gran gol, Babacar sembra destinato a risedersi in panchina a discapito di Nikola Kalinic. Il bomber croato è a secco dalla gara con la Juve, per questo Sousa si aspetta una prova dappello da parte sua. Stesso discorso vale anche per Josip Ilicic, ancora a secco di magie in questa stagione. 
Federico Bernardeschi invece, ci sarà, e dal primo minuto. La convincente prova di Udine abbinata alla mezz'ora finale con la Roma, hanno fatto propendere Sousa per il sì: Fede è tornato, ed ora è pronto a trascinare i suoi nel big match con il Milan dei grandi ex.

Fiorentina