Fiorentina, l'agente di Veretout: "Felice per il gol e la vittoria"

Autore del gol del 4 a 0, Veretout è stato uno dei migliori in campo tra le fila della Viola ieri al Bentegodi.

Fiorentina, l'agente di Veretout: "Felice per il gol e la vittoria"
Fiorentina, l'agente di Veretout: "Felice per il gol e la vittoria"

La Fiorentina ha dominato la scena al 'Bentegodi', conquistando una netta vittoria, ampia e meritata contro i padroni di casa dell'Hellas Verona. Un cinque a zero nel quale sono andati a segno Simeone, Thereau, Astori, Gil Dias e Veretout. Proprio il centrocampista francese si è reso protagonista di un capolavoro balistico che da solo è valso il prezzo del biglietto. L'ex Saint-Etienne ed Aston Villa è andato a segno direttamente su calcio di punizione, telecomandando la sfera all'incrocio dei pali.

A celebrarlo, ci ha pensato il suo agente, Fabrice Picot, attraverso il microfono di Firenzeviola.it. Ha toccato più di un tema, ad iniziare dal momento che sta vivendo il suo assistito: "Jordan è felicissimo. L'ho sentito dopo la gara, ed era naturalmente molto felice. Prima di tutto per la vittoria, ma anche per aver contribuito al risultato della squadra con un gol. E' nel vivo del progetto Pioli, si sta allenando bene in settimana ed in campo sta iniziando a far vedere di che pasta è fatto".

L'ambientamento a Firenze prosegue nel modo migliore. Nel capoluogo toscano da circa un mese, Veretout sembra già in sintonia con la città: "Mi ha confidato che è stato colpito, in positivo, dalla città. E' a portata d'uomo, e si è ambientato bene. Jordan a Firenze si trova alla grande, si è subito inserito sia nella città che nella Fiorentina. Sta vivendo senza dubbio un bel periodo della sua carriera. Sono soddisfatto per lui, d'altronde non ha mai avuto dubbi ad accettare l'offerta della società viola".

Progetto nuovo, la Fiorentina è ripartita da Pioli e da un nugolo di calciatori giunti a Firenze quest'anno. L'obiettivo resta comunque ambizioso: "La Fiorentina è una buona squadra, l'ho seguita in queste prime tre giornate. E' un collettivo al quale non manca la qualità. Le due sconfitte iniziali non devono trarre in inganno, quando si cambia tanto è normale che ci sia un periodo di assestamento nel quale vengano assimilati i nuovi schemi da tutti i calciatori. La vittoria di Verona è stata netta, schiacciante, e Veretout si è trovato a proprio agio nella mediana della squadra di Pioli".