Gasperini: "Senza Calciopoli l'Inter avrebbe continuato a non vincere"

Dichiarazioni pesanti quelle riservate dall'attuale tecnico del Genoa con un passato all'Inter; proprio contro i nerazzurri Gasperini si schianta con queste parole che sicuramente faranno discutere parecchio nei prossimi giorni.

Gasperini: "Senza Calciopoli l'Inter avrebbe continuato a non vincere"
testedicalcio.blogosfere.it

Gian Piero Gasperini, tecnico del Genoa, alla vigilia della partita contro l'Inter, sua ex squadra, a sparato a zero contro i nerazzurri rievocando il caso Calciopoli: "Con Calciopoli, che ha devastato la Juventus, l'Inter avrebbe continuato a non vincere. "Critiche rivolte anche alla dirigenza, rea di non aver fatto lavorare serenamente e come dovuto gli allenatori del post Mourinho: "Dopo Josè il trend è tornato il solito ma un allenatore come Benitez meritava maggiore credibilità e a me hanno dato solo due mesi. Moratti mi considerava un irresponsabile velletario in quanto volevo giocare con la difesa a tre." E poi ancora critica il club: "All'Inter è sempre mancato il concetto di gioco di squadra, hanno sempre puntato sui singoli, sulle individualità; ricordiamo che all'Inter ha fallito anche un certo Marcello Lippi". "Prima di Mourinho (l'unico in grado di vincere all'Inter) è stato un vincente solo Mancini, ma lui è stato molto aiutato dal caso Calciopoli, fondamentale nelle vittorie di quegli anni."

L'allenatore di Grugliasco, come detto, è stato alla guida tecnica dei nerazzurri nella stagione calcistica 2011/2012; la sua esperienza non fu tanto fortunata in quanto sollevato dall'incarico dopo appena due mesi (il 21 Settembre 2011) a seguito di quattro sconfitte ed un pareggio tra campionato, Supercoppa Italiana e Champions League per far spazio a Claudio Ranieri. Gasperini è stato l'unico allenatore nella storia dell'Inter (oltre al traghettatore Corrado Verdelli) a non aver mai vinto una partita.

Dunque tanta brace sul fuoco prima della partita che si svolgerà domani alle 15 al Luigi Ferraris in attesa della risposta di Walter Mazzarri, attuale tecnico nerazzurro.


Share on Facebook