Genoa, l'arbitro rossoblu non si presenta al Coni. Addio Licenza Uefa?

Alle ore 11,30 di questa mattina, al Coni, doveva tenersi la seduta decisiva per il ricorso del Genoa in merito al diniego per la Licenza Uefa, ma l'avvocato Bottari, arbitro di parte rossoblu, non si è presentato. Frattini su tutte le furie: "E' inaduto"

Genoa, l'arbitro rossoblu non si presenta al Coni. Addio Licenza Uefa?
Genoa, l'arbitro rossoblu non si presenta al Coni. Addio Licenza Uefa?

Poteva essere la giornata decisiva per il Genoa in merito al problema Licenza Uefa. Perchè poteva? Perchè questa mattina si è verificato un episodio che ha dell'incredibile. Alle ore 11.30 di questa mattina, presso l'Organo Arbitrale delle Licenze Uefa del Coni, doveva tenersi la seduta l'udienza sul caso Genoa, ma l'arbitro designato dalla società rossoblu, Carlo Bottari, non si è presentato, mandando su tutte le furie il presidente del collegio, l'ex ministro Franco Frattini

Il  presidente Frattini ha così commentato l'accaduto: "E' una cosa inaudita. E' la prima volta che si verifica. Il collegio non si può costituire e non si può decidere in quanto l'arbitro designato dalla parte ricorrente, invitato da me a dare la disponibilità o per l'intera giornata di oggi o di domani ha negato questa disponibilità. Questa situazione inaudita impedisce al collegio arbitrale di riunirsi in forma formale e assumere una decisione - ha spiegato Frattini - pur sapendo che la Uefa ha esplicitamente richiesto alle federazioni nazionali che tutti i procedimenti relativi alle licenze siano conclusi entro il 29 maggio, in quanto la data del 31 maggio cade di domenica. E' una regola vincolante con cui la Uefa impone la chiusura di tutti i procedimenti". Il presidente del collegio aveva già posticipato di una giornata l'udienza: "Ho ritenuto di venire incontro fissando l'udienza alle 11.30, ma l'arbitro ha inviato una email dicendo che malgrado questa anticipazione non è disponibile neanche oggi e ha già comunicato l'indisponibilità nella data di domani. Qualora non intervengano altri fattori il collegio alla data del 29 non è in grado di concludere il procedimento e le parti dovranno trarre le loro conclusioni in ordine al passato in giudicato della sentenza impugnata".

L'ex ministro Frattini lascia però un margine di speranza ai rossoblu: "Non posso consentire che un membro del Collegio di Garanzia possa assumere questo atteggiamento". "Sono disponibile fino a domani alle 24, se il Genoa decidesse di cambiare l'arbitro. Un nuovo arbitro lo avrei accettato anche stamattina pur di far funzionare il Collegio". Oltre a Frattini oggi erano presenti l'arbitro designato della Figc, Guido Cecinelli, e gli avvocati Letizia Mazzarelli (Figc) e Stefano Vitale (Genoa).


Share on Facebook