Live Inter - Napoli in Serie A

Live Inter - Napoli in Serie A
Inter
2 2
Napoli
Inter : Handanovic; Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Obi (56° Mbaye), Hernanes, Medel (80° Guarin), Kovacic, Dodò; Icardi, Palacio. Panchina: Carrizo, Berni, Andreolli; Kuzmanovic, Krhin, M'Vila; Bonazzoli. Allenatore: Mazzarri.
Napoli : Rafael; Zuniga, Koulibaly, Raul Albiol, Britos (75° Ghoulam); David Lopez, Inler; Callejon, Hamsik (61° Jorginho), L.Insigne (67° Mertens); Higuain. Panchina: Andujar, Colombo; Henrique, Maggio, Mesto; De Guzman, Duvan Zapata. Allenatore: Benitez
SCORE: 0-1, min.78, Callejon (N); 1-1, min.81, Guarin (I), 1-2, min.89, Callejon (N); 2-2, min.90, Hernanes (I)
ARBITRO: Orsato ammonisce Hernanes (I) al 36°, Britos (N) al 46°, Higuain (N) al 69°.
NOTE: Si gioca per la 7° giornata di Serie A, San Siro, Milano

E con questo è tutto. Da VAVEL Italia ed Antonello Angelillo è tutto e vi auguriamo una buona serata

Il 2-2 di Hernanes

Il 2-1 di Callejon

L'1-1 di Guarin

L'1-0 di Callejon

L'attuale classifica della Serie A in attesa di Genoa - Empoli

Non si riprende l'Inter che dopo le due sconfitte contro Cagliari e Fiorentina deve tirar fuori il meglio di sè per andare a riprendersi una gara complicatasi per errori difensivi. Ma i nueri sono impietosi: 1 punto in 3 gare, 9 punti in 7 gare e epggior difesa (10 gol presi come il Milan) escluse le ultime 5 della classe. Il Napoli, settimo ed anch'esso fermo a metà classifica, infila la quarta gara utile (2 vittorie e 2 pari).

Dopo un primo tempo in cui ai punti l'Inter avrebbe meritato qualcosina in più, il secondo tempo vede un Napoli migliore e più autoritario, capace di mettere a tacere i bollenti spiriti interisti. Così si svolge la gara per la prima mezzora del secondo tempo. Poi arriva lo 0-1 di Callejon su imprecisione imperdonabile di Vidic al 78°. Poco dopo il Guarin appena subentrato mette dentro su sponda di Icardi l'1-1 che pareggia i conti. Ma non è finita e Callejon punisce ancora la difesa dormiente dell'Inter e fa 1-2, raddoppiando il suo score personale su bell'assist di David Lopez. In zona Cesarini il 2-2 finale che sveglia gli addormentati sui divani: segna Hernanes. San Siro "applaudicchia" i suoi giocatori a fine partita

94° - Mbaye ci prova con un colpo di testa nel finale su angolo. La gara finisce così: 2-2 da cardiopalma a San Siro

93° - Ben quattro minuti di recupero

90° - HERNANESSSSSSSSSSSSSSS 2-2 INTERRRRRRRRRR. GARA CHE CI RISERVA OGNI EMOZIONE PER IL FINALE. INSERIMENTO DEL PROFETA PERFETTO SUL CROSS DI DODO  E COLPO DI TEST PUNTUALISSIMO. GOL MERITATO PER L'88° INTERISTA, VOLENTEROSO MA POCO PRECISO IN QUESTO SCORCIO DI CARRIERA

89° - 1-2 DEL NAPOLIIIIIIIII! ANCORA IL PRODIGIOSO CALLEJON. AL VOLOOOOO, GRANDE ASSIST DI DAVID LOPEZ CHE SCAVALCA LA DIFESA NERAZZURRA. DIFESA FERMA IMMOBILE. CHE TOPICA PER L'INTER

89° - Higuain cerca di ripartire ma è fronteggiato da 5 nerazzurri. Controllo difettoso per Hernanes dall'altra parte. 

87° - Crampi per Palacio che proprio non ce la fa. M'Vila si sfila la pettorina

85° - Break centrale di Kovacic che però si allunga troppo il pallone sull'ultimo controllo. Albiol conquista palla, riparte il Napoli, l'azio si sviluppa sulla destra. Higuain arriva al tiro ma Vidic intercetta con una scivolata

84° - Ammonito Juan Jesus che comette fallo tattico per evitare la ripartenza partenopea

82° - Espulso un imbufalito Mazzarri che per il gol di Guarin si era spinto troppo oltre

81° - RISPONDE SUBITO L'INTEEEEEEEEER. 1-1 GUARIN! SU CALCIO D'ANGOLO IL COLOMBIANO ICARDI SPIZZA SUL SECONDO PER IL TAP-IN DEL COLOMBIANO

80° - Altro cambio nell'Inter. Cambio offensivo con Guarin per Medel

78° - L'ABBIAMO CHIAMATO! CALLEJON FA 0-1 PER IL NAPOLI. GRANDE ERRORE DI VIDIC CHE SULLA RIMESSA LUNGA DEL NAPOLI SPIZZA MALE E LASCIA CALLEJON LIBERO DI ALLARGARSI E DI COLPIRE SUL PRIMO PALO

78° - Gara ancora ferma sullo 0-0. Ci sarà un gol di qui al 90°?

75° - Ultimo cambio per il Napoli. Dentor Ghoulam per quel Britos rimasto stoicamente in campo nel primo tempo

72° - Ammonito Jorginho che ferma la progressione di Kovacic. L'azione precedente del Napoli si era conclusa con una chiusura di Juan Jesus, di testa, su un lancio dello stesso Jorginho verso Callejon

69° - Attenzione a due episodi importantissimi giudicati regolari da Orsato. Viene fermato prima l'attacco dell'Inter verso la porta avversaria con un fallo su Palacio abbastanza plateale. Chiaro anche il contrasto irregolare che Higuain deve subìre. Il Pipita portesta per il non fischio e viene ammonito

67° - Cambio annunciato per il Napoli: dentro Mertens per Insigne

65° - Studia la situazione Mazzarri: sta per entrare Guarin. Intanto l'Inter manovra sul centro-destra: Juan Jesus con il lancio alto per Icardi che partirebbe in posziione di fuorigioco per il guardalinee. Dall'altra parte cross teso verso il limite per Higuain: tiro inguardabile che si impenna

63° - Occhio al tiro da lontano e velenoso di Callejon. La posizione ricorda quella del tiro di Babacar, fortuna per l'Inter che l'esito non sia uguale: Handanovic c'è

63° - Hernanes prova ad incunearsi in area allungandosi il pallone. Pronto e reattivo Koulibaly nel frapporsi fra avversario e palla

61° - E' Hamsik ad uscire per Jorginho. Benitez passa al 4-3-3. Inler diventa capitano

60° - Traversone improponibile dell'impacciato Mbaye su filtrante di Kovacic. Si scaldano su tutti Mertens e Guarin. Ma il primo ad entrare sembra essere Jorginho

56° - Angolo per l'Inter...arriva Vidicccccccccc! Alto anche questo colpo di testa. Occhio, nell'Inter dentro Mbaye per Obi, che i 90 minuti nelle gambe non li ha

55° - Contropiede di Hernanes che giunto sulla trequarti avversaria scarica verso destra dove trova Icardi. Maurito, ben difeso, è costretto ad un tiro rimpallato immediatamente

52° - Squadre lunghe. Palacio ed Icardi aspettano che la squadra salga per offendere. Spinge anche Ranocchia che da molto lontano cerca il destro. Alto

50° - Diventa pari anche la sfida dei legni: PALO DI INSIGNE. Dal contrasto del napoletano con Obi ne esce un tiro che si infrange con il palo. Insigne chiede angolo, per Orsato non è così

47° - Inter più schiacciata in questo avvio di secondo tempo . Napoli più alto ma poco efficace. Conclusione da lontano di Inler, ancora alta

46° - Batte l'Inter. Sfera giocata verso Medel che come standard nerazzurro lancia verso l'esterno finendo per perdere palla

21.48 - Ecco anche il rientro del Napoli e di Benitez. Thohir si riaccomoda in tribuna

21.46 - L'Inter rientrano in campo. Palacio ed Icardi discutono di movimenti ed attacchi

Prima frazione che si chiude sullo 0-0 a San Siro. Un'Inter propositiva ed offensiva, vogliosa di recuperare palla sulla trequarti avversaria, aggredisce il Napoli dopo una decina di minuti e comincia a macinare. Due grandi occasioni da ricordare: Icardi che spara alto davanti a Rafael ed il palo di Hernanes. Napoli che non riesce ad uscire, per errori in fase di avvio d'azione, dalla propria metà campo. Grandi manovre di Kovacic ed Hernanes, padroni del centrocampo

46° - Dopo un minuto di recupero il primo tempo di Inter - Napoli finisce 0-0

43° - Insigne pesca Higuain in posizione pericolosa ma Handanovic mostra i pugni ed esce in maniera acrobatica. Giallo per Britos intanto

38° - PALO DI HERNANES! Buona intuizione del brasiliano che stoppa dal limite e cerca il primo palo. Base del legno per lui

37° - Calcio d'angolo per il Napoli: David Lopez cerca il tiro e questo viene deviato. Sugli svilippi del corner altro tiro dalla distanza, stavolta di Inler. Alto

35° - Da rimessa laterale Icardi riceve palla e cerca l'uno due con Hernanes. Il brasiliano non restituisce e cerca il tiro. Parato. Sul ribaltamento lo stesso Profeta vieno ammonito per fallo su Callejon: ammonizione giusta

34° - Cerca la conclusione Palacio, fronteggiato da Koulibaly che gli respinge il tiro mettendo fuori

32° - Arriva addirittura al tiro Ranocchia, visto il baricentro molto alto dell'Inter. Tiro svirgolato

31° - Icardi prova il colpo di testa all'indietro su cross di Kovacic. L'argentino aveva tagliato di fronte al suo avversario

29° - Inter costantemente nella trequarti avversaria. Perde una palla Hernanes ma Ranocchia la riconquista poco più dietro con un grande intervento

28° - Da posizione molto defilata Hamsik prova il tiro teso sul primo sull'invito di Insigne. Handanovic copre lo spicchio di porta e para

26° - Inter molto propositiva che riparte molto velocemente dopo aver recuperato palla con un pressing alto costante. Hernanes una molla, ora il brasiliano colpisce male un pallone molto buono da scaraventare dentro dal limite. Problemi gravi in regìa per il Napoli.

23° - Bel cross di Dodò da sinistra. Icardi spizza di testa svettando più alto di tutti. Palla fuori di poco, altra chance nerazzurra

17° - Napoli sbilanciato, l'Inter riparte. Icardi forse affretta troppo il tiro ma la traiettoria ribattuta finisce sui piedi dei Hernanes. L'azione si prolunga e l'effetto sorpresa svanisce. Nonostante tutto Hernanes, poco dopo, riesce a trovare la profondità per Icardi che di fronte a Rafael, sul recupero di Albiol, spara alto. PRIMA GRANDE OCCASIONE DEL MATCH

14° - Vidic riesce a prevalere nell'uno contro uno su Callejon e lascia il napoletano privo della sfera

13° -  Higuain si allarga sulla destra e supera Juan Jesus in velocità. Sopraggiunge il raddoppio di Medel quando il Pipita sta giungendo in area. Angolo

10° - Calcio d'angolo per l'Inter. Batte Dodò: salta Hernanes ma la palla colpita di testa non è precisa

8° - Non ce la fa Britos: non al meglio, il difensore, era uscito malconcio dal primo contrasto di gioco. Dovrebbe entrare Ghoulam

6° - Higuain prova a prendere di sorpresa la difesa interista con un taglio dietro Ranocchia verso Vidic. Ranocchia ne esce bene. Bella la cavalcata di Kovacic a rispondere ma Insigne risponde con un ottimo ripiegamento

5° - Obi, sempre Obi per l'Inter. Rientra al centro del campo e prova un tiro. Pretesa ardua. Rafael blocca. Napoli un po' sotto.

2° - Ancora Obi protagonista. L'esterno di Mazzarri prova il cross col sinistro a giro. Esce Rafael che fa suo il pallone. Intanto l'Inter recupera palla  nella sua trequarti dopo l'attacco napoletano e riparte

1° - Kovacic allarga subìto per Joel Obi. Il nigeriano cerca di far prevalere la sua arma principale: la freschezza atletica. Accelera puntando Britos ma il difesnore se la cava respingendo l'attacco

0° - Calcio d'inizio battuto. La squadra di Benitez appoggia prima dietro ad Albiol e poi a destra verso le vie di Zuniga.

20.45 - Sarà il Napoli a batterte il calcio d'inizio.

20.43 - Squadre nel tunnel. Hamsik e Ranocchia capeggiano le file. Inter in tuta. Napoli già in tenuta azzurra

20.41 - Striscione della Nord: Canteremo fino alla fine. Probabile sia l'ennesimo segnale di appoggio a Mazzarri

20.37 - Mancano pochi minuti alla gara

20.25 - Ricordiamo che Thohir è presente allo stadio. Ecco le sue dichiarazioni pre-gara. Il presidente intanto pare aver ordinato lo sventolìo delle stampe 6 metri per 6 degli 11 titolari durante l'annuncio della formazione titolare.

20.09 - Le squadre entrano in campo per il riscaldamento

20.03 - La panchina del Napoli: Andujar, Colombo; Henrique, Maggio, Mesto, Ghoulam; De Guzman, Jorginho; Mertesn, Duvan Zapata

19.59 - La panchina dell'Inter: Carrizo, Berni; Andreolli, Mbaye; Guarin, Kuzmanovic, Krhin, M'Vila; Bonazzoli

19.56 - Nel Napoli solito 4-2-3-1. C'è Britos a destra per fermare le scorribande di Dodò, non Maggio. A sinistra Zuniga e non Ghoulam mentre in mezzo confermato Inler con al suo fianco David Lopez al posto di Gargano, non disponibile (panca per Jorginho). Solita linea di trequartisti dietro Higuain. Ancora panchina per Mertens. Ecco la formazione nel dettaglio: Rafael; Britos, Koulibaly, Raul Albiol, Zuniga; David Lopez, Inler; Callejon, Hamsik, L.Insigne; Higuain. Occhio alla variante Zuniga a destra con Britos a sinistra.

19.52 - Ecco le formazioni ufficiali. L'Inter presenta una novità sulla fascia destra dove Nagatomo non ce la fa a recuperare in tempo. Al suo posto giocherà Joel Obi in quello che ad occhio rimane un 3-5-2. E se invece si trassformasse in una difesa a 4 così schierata: Dodò-Ranocchia-Vidic-Juan Jesus ed Obi in mezzo? Vedremo. Ecco l'XI ufficiale: Handanovic; Ranocchia, Vidic, Juan Jesus; Obi, Hernanes, Medel, Kovacic, Dodò; Icardi, Palacio.

19.45 - Buonasera e benvenuti alla diretta scritta live e di Inter – Napoli, incontro valido per la settima giornata della Serie A 2014/2015. L'Inter si ripresenta, dopo la sosta per le nazionali, con i dubbi portati da due sconfitte consecutive. Cagliari e Fiorentina hanno messo a nudo i limiti di un organico reputato con eccessiva fretta all'altezza dei migliori club. Da sfatare una tenuta mentale fino ad oggi latente. I nerazzurri faticano a rovesciare l'esito di un incontro. Quando in svantaggio, la squadra tende a crollare. Per il Napoli percorso inverso. Un inizio di stagione costellato da diverse polemiche, causate da un repentino saluto alla Coppa più prestigiosa. In campionato qualche fermata di troppo, vedi la sconfitta interna con il Chievo. Nelle ultime uscite, se non a livello di prestazione, almeno a livello di risultati, la banda partenopea ha ricominciato a correre, tornando a intravedere la terza posizione, luogo fondamentale per conquistare la prossima Champions. 

Live Inter - Napoli, Diretta Serie A

19.40 - Mazzarri è intervenuto ieri nella consueta conferenza stampa della vigilia, e sono stati tanti gli argomenti toccati. Dalla preparazione della gara odierna, alle recenti battute d'arresto, fino all'esame dei singoli indiziati per la partita di San Siro “Abbiamo lavorato bene. Abbiamo analizzato gli errori commessi. Ho visto i ragazzi vogliosi con la convinzione di riscattarsi già da domani. Stiamo preparando la partita in ogni dettaglio, speriamo di poter garantire intensità “. “Noi sappiamo tutto, sappiamo benissimo che c'è da lavorare. Abbiamo toccato i tasti giusti. I ragazzi sanno bene cosa voglio da loro. Una squadra che aggredisca gli avversari, che abbia ritmi alti. Mi interessa che il gioco sia finalizzato al risultato.Le statistiche si fondano su grandi numeri. Io analizzo lo sviluppo dell'azione e contro Cagliari e Fiorentina abbiamo subito gol diversi. A Firenze ci hanno fatto due gol da fuori area, mentre il terzo è stato bruttissimo. Mi sono molto arrabbiato per questo. Avremmo dovuto prestare maggior attenzione. Quando ho cambiato modulo non ho visto grandi occasioni per l'avversario. Questo per me è sinonimo di fiducia. Per quanto riguarda i numeri, siamo in torto. Con i ragazzi abbiamo analizzato tutto, quando giochi contro le big le partite sono anche tattiche. Contro il Cagliari è successo qualcosa di strano, l'ho già detto molte altre volte”. 

19.35 - Benitez crede all'impresa, vuole vincere questa sera a San Siro, ma è altrettanto conscio delle difficoltà che la sua squadra incontrerà contro l'Inter di Walter Mazzarri. Ecco l’intervento dell’allenatore del Napoli alla vigilia del match di questa sera: "Io penso ad una partita alla volta, non di obiettivi alla fine come lo Scudetto. Se vinciamo, sarà più facile vincere la prossima: non ho primo, secondo o terzo come obiettivi, ma solo vincere la prossima. Sappiamo che con Cagliari e Fiorentina poteva andare meglio per l'Inter che è una squadra fortissima, costruita per l'Europa. Sarà una gara difficile per entrambe le squadre che vogliono far bene e risalire. La squadra ha la mentalità per vincere in questo stadio, sono tranquillo sotto questo punto di vista. Loro hanno esterni, ma anche intermedi e sono attrezzati per vincere contro tutti essendo di massimo livello. Se noi facciamo quello che abbiamo fatto nelle ultime partite possiamo vincere".
Sui temi tattici e sulle novità di formazione ovviamente non si sbilancia e non mancano le solite battute: "Loro col loro modulo, noi col nostro, sappiamo cosa dobbiamo fare. Marek Hamsik è un giocatore fondamentale per noi, e sono contento per le sue prestazioni con la Nazionale. Marek falso nueve? Questa mi fa ridere, sento che dobbiamo spostare questo o quello per lasciare libero Marek, ma è meglio parlare col cuscino..."Spero possa ripeterle anche in azzurro. Abbiamo sette partite in 21 giorni, sappiamo che sarà dura. E' positivo aver vinto tre gare di seguito, ma ora dobbiamo dimostrarlo con l'Inter".

Diretta Seria A Tim 

19.25 - Mazzarri in questi giorni ha più volte maledetto la sosta per le nazionali. L'Inter nell'arco di quindici giorni ha perso diversi tasselli chiave. In un reparto offensivo per scelta ridotto all'osso, con solo tre punte, eccezion fatta per i giovani Puscas e Bonazzoli, è arrivata la stangata Osvaldo. Prima della gara con l'Azerbaigian l'attaccante si è bloccato, rientrando a Milano. L'infortunio non è grave e il calciatore migliora rapidamente, ma domenica non può essere della partita. Sofferenza anche sul fronte esterni. D'Ambrosio, il più in forma attualmente, è ai box e ne avrà per oltre un mese. Jonathan risente da inizio anno di diversi problemi fisici e Nagatomo in settimana ha accusato un affaticamento muscolare. Il giapponese ha recuperato e dovrebbe occupare la corsia di destra, con Dodò a sinistra. Rientrato anche l'allarme Guarin. Il colombiano ha “sconfitto” i postumi di una botta al piede. Dovrebbe quindi essere questa la formazione nerazzurra che scenderà in campo fra poco più di un ora:

19.20 - Dopo la sosta per le nazionali, il Napoli vuole riprendere da dove aveva lasciato, vincendo! Benitez deve fare a meno dell'infortunato Gargano, diventato ormai un perno fondamentale in mezzo al campo. Al suo posto ballottaggio tra Jorginho e Inler, con lo svizzero leggermente favorito. In avanti solito dubbio per l'allenatore partenopeo, chi schierare tra Insigne e Mertens? Sembra ancora una volta favorito Insigne, che si è allenato in queste due settimane con la squadra, a differenza di Mertens che ha speso anche tante energie con la maglia del Belgio. Ecco i probabili 11 che scenderanno in campo questa sera:

19.10 - In settimana a Napoli c'è stato un argomento che ha tenuto banco, facendo passare tutto in secondo piano, parliamo delle voci di una possibile trattativa tra Aurelio De Laurentiis e Hamad bin Khalifa bin Ahmad al-Thani, per la cessione della Società Sportiva Calcio Napoli. C'è addirittura chi si è spinto ben oltre (il quotidiano le Cronache di Napoli), alludendo addirittura ad una cessione già avvenuta, che verrà resa ufficiale in Qatar, dopo la Supercoppa Italiana, che si terrà proprio a Doha alle porte del Natale. Ma chi è Hamad bin Khalifa bin Ahmad al-Thani? Emiro dal 1995, al-Thani presiede la federcalcio del Qatar, che si è aggiudicata i Mondiali del 2022. Proprio per l'assegnazione dei Mondiali del 2022, l'emiro sta cercando in tutti i modi pubblicità, riuscendo con i suoi soldi a convincere Juventus, Napoli e Lega Calcio a disputare la Supercoppa Italiana proprio a Doha. Da questo bisogno di pubblicità, nascono anche tutte le indiscrezioni che vogliono l'emiro in trattativa con De Laurentiis per l'acquisto del Napoli. L'emiro, che nel 1996 ha finanziato la fondazione di Al-Jazeera, è stato già protagonista della trattativa che nel 2011 ha portato Nasser Al-Khelaifi alla presidenza del Paris Sanit Germain.
La cessione del Napoli aprirebbe davvero tanti scenari, dalla conferma di Benitez, ai tanti e cospicui investimenti sul mercato. E' solo un sogno o potrà diventare realtà per i tifosi partenopei?

Live Inter - Napoli

19.05 - L'attenzione è tutta su Mateo Kovacic. Anche in conferenza stampa il tecnico non si è sbilanciato. Il croato è uscito dopo circa venti minuti nel match disputato con la Nazionale. Il ragazzo al primo sentore ha lasciato il campo evitando guai peggiori. Nei giorni scorsi ha ripreso il lavoro con la squadra, ma Mazzarri sa dell'importanza di Kovacic e vuole evitare guai peggiori. Dubbio da sciogliere quindi in ultima istanza. 

18.55 - Albiol è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, sottolineando l'importanza del match di questa sera: “Domenica sarà importante vincere, a San Siro potrebbe essere speciale e la squadra ha questo nella testa. Scudetto? Manca ancora molto, non possiamo parlarne adesso, si vedrà a fine campionato". Albiol non è il solo a vivere un momento difficile; con lui anche il suo ex compagno di squadra al Real Gonzalo Higuain, sul quale ha risposto: "Higuain? Ha già dimostrato al Real Madrid di poter superare i momenti difficili, deve rimanere tranquillo perché noi conosciamo il suo valore. Siamo fiduciosi al 100% nel lavoro di Benitez e nel progetto, è questa la chiave per andare avanti”​.

La carta nerazzurra si chiama Rodrigo Palacio. Il Trenza ha sfruttato la pausa per ritrovare brillantezza atletica. Bloccato a inizio stagione da un fastidioso infortunio alla caviglia, l'argentino ha recuperato la piena efficienza nel recente periodo. Con l'infortunio di Osvaldo, l'attaccante più in palla di Mazzarri, il campo chiama il vero Palacio. In coppia con Icardi, la scorsa stagione, Rodrigo ha fatto le fortune dell'Inter. Ora Mazzarri torna a chiedere aiuto all'uomo con il codino.

18.45 - Diamo un'occhiata alle statistiche di Inter e Napoli: Con quella di questa sera saranno 137 le gare tra Inter e Napoli nella massima serie: 62 le vittorie dei milanesi, 32 i pareggi. Il Napoli ha battuto l’Inter 42 volte in Serie A, contro nessun’altra avversaria ha collezionato più vittorie finora. L’Inter ha vinto solo una delle ultime sette sfide di campionato contro il Napoli (2N, 4P).

Presentazione a cura di Enzo Esposito