Dietrofront Inter, si corre da Imbula

Nerazzurri a caccia del secondo colpo di prestigio in mediana. Si torna a trattare con l'OM.

Dietrofront Inter, si corre da Imbula
Dietrofront Inter, si corre da Imbula

Verso Marsiglia, tra le mani buone sensazioni, una valigia carica di propositi. L'Inter corre da Imbula, a riferire con l'OM, per mettere la firma su una trattativa bloccata dall'approdo in nerazzurro di Geoffrey Kondogbia. Dopo la pausa dei giorni scorsi, Mancini torna a sognare il doppio colpo in mediana, la costruzione della nuova Inter passa dalla terra di mezzo, dove il tecnico vuole allestire una trincea di livello europeo. 

Imbula è uno dei maggiori prospetti del calcio continentale, è giovane, ha margini di progresso importanti ed è pronto a vestire la casacca nerazzurra per gli anni a venire. Resta da trattare con il club, perché l'iniziale intesa per un trasferimento definitivo non può trovare continuità. Spazio a una formula diversa, che agevola l'Inter, costretta a non appesantire eccesivamente il bilancio. Prestito oneroso, obbligo di riscatto fissato a circa 18 milioni. Questa la missiva di Thohir all'OM. 

I margini per la buona riuscita dell'affare ci sono, perché tutti puntano nella medesima direzione. L'Inter mette quindi in naftalina le trattative al risparmio, F.Melo e Thiago Motta (più il primo del secondo) e va all-in su Imbula, il profilo che stuzzica il Mancio. 

Si lavora anche sul fronte cessioni. Prosegue la chiacchierata col Watford per il duo Santon - Kuzmanovic (il terzino vuol rimanere però all'Inter), emerge l'idea di rinunciare a Shaqiri per rivoluzionare il comparto esterni. Lo svizzero è in bilico e Mancini chiede due innesti ai lati di Icardi. Salah e Perisic, si parte da qui. In attesa di conoscere la volontà dell'egiziano, atteso da un confronto con la Fiorentina, l'Inter valuta un sacrificio pesante e a fianco di Kovacic si installa Shaqiri, fiore all'occhiello del mercato invernale, sbiadito al sole di primavera. 


Share on Facebook