Live Sampdoria - Inter, risultato partita Serie A 2015/2016 (1-1)

Live Sampdoria - Inter, risultato partita Serie A 2015/2016  (1-1)
Sampdoria
1 1
Inter
Sampdoria: (4-3-1-2): Viviano; Pereira, Moisander, Zukanovic, Mesbah; Correa (Palombo 57'), Fernando (Ivan 86'), Barreto; Soriano; Muriel (Cassano 77'), Eder.
Inter: (4-3-1-2): Handanovic; Santon (Ljajic 89'), Medel, Murillo, Telles; Guarin, Melo, Kondogbia (Biabiany 62'); Perisic; Palacio (Manaj 71'), Icardi.
SCORE: Muriel 50', Perisic 76'
ARBITRO: Rocchi. Ammonisce: Barreto, Perisic, Felipe Melo, Fernando, Medel, Guarin.
NOTE: Partita valida per la 7^ giornata della Serie A Tim 2015/2016. In campo Sampdoria e Inter; si gioca allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, il fischio d'inizio è previsto per le 15.00

Da Alessandro Cicchitti è tutto per la gara di oggi. Nel ringraziarVi per l'attenzione Vi rimando agli appuntamenti del tardo pomeriggio e della serata, sempre Live, sempre qui su Vavel Italia

17.15 - Ecco i gol che hanno deciso la sfida di Marassi: prima Muriel, poi Perisic per l'1-1 finale. 

17.05 - Alla fine è arrivato un punto per uno; un punto che serve all'Inter per portarsi momentaneamente in testa alla classifica, aquota 16 in attesa del match di questa sera tra Fiorentina e Atalanta. Punto importante anche per la Samp che conferma quanto sia duro uscire con i tre punti dal fortino di Marassi. 

17.00 - E' stato un match bellissimo dal primo all'ultimo minuto; una partita tiratissima in cui la Samp ha meritato di passare in vantaggio con Muriel; poi però è arrivata la reazione dell'Inter che nel secondo tempo ha meritato il pareggio e cercato fino all'ultimo secondo il gol da 3 punti senza riuscici. 

94' - ARRIVA IL FISCHIO FINALE AL FERRARIS! 1-1 TRA SAMPDORIA E INTER; AL GOL DEL VANTAGGIO FIRMATO DA MURIEL AL 50' HA RISPOSTO IL PRIMO GOL ITALIANO DI IVAN PERISIC AL 74 MINUTO. 

93' - CHE GIOCATORE EDER! Recupera palla e si guadagna una punizione preziosissima. Ammonito nella circostanza Guarin

92' - EDER DA CAMPIONE QUAL E' FA IL PRIMO DIFENSORE DELLA SAMP E SI ARRABBIA PER LA RIPARTENZA PRESA DAI SUOI AL 92'. GRANDE SPIRITO PER IL NUMERO 23.

90' - Ci saranno 4 minuti di recupero!

90' - Subito Ljajic nel vivo dell'azione: doppia sterzata, poi assist per Melo che calcia forte, ma centrale. Viviano fa sua la sfera. 

89' - Anche Mancini fa l'ultimo cambio: dentro Ljajic; fuori Santon

86' - Ultimo cambio nella Samp: fuori Fernando; dentro Ivan

85' - Continua il forcing dell'Inter! Samp sotto assedio in questi minuti finali; ora c'ha provato anche Manaj che però non è riuscito a girarsi per andare al tiro. Palla ancora in calcio d'angolo. 

82' - Ammonito anche Medel. Finale teso e nervoso a Marassi. 

79' - Scontro tra titani in mezzo al campo: Ammoniti sia Fernando che Felipe Melo dopo uno screzio.

77' - Zenga corre subito ai ripari: fuori lo stanchissimo Muriel, dentro Antonio Cassano

76' - GGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLLLLLLLLLLL  PERISIC! PAREGGIO INTER! NELLA MISCHIA, ICARDI HA OFFERTO UN GRANDE ASSIST A PERISIC BRAVO NEL TROVARSI AL POSTO GIUSTO NEL MOMENTO GIUSTO. 1-1! 

75' - Gran cross di Telles per Biabiany che però non riesce ad indirizzare la sfera verso la porta. Preme, l'Inter ora preme forte sull'accelleratore. 

73' - Entra anche Manaj nell'Inter. Mancini richiama in panchina Palacio

71' - OCCASIONISSIMA SAMP! MURIEL POTEVA CHIUDERE IL MATCH, INVECE IL SUO TIRO IN DIAGONALE E' FINITO DI POCHISSIMO A LATO. L'INTER STA RISCHIANDO SCOPRENDOSI AGLI ATTACCHI DI MURIEL ED EDER. 

70' - L'Inter fa la partita, la Samp prova a ripartire in contropiede. Questo è, e sarà il copione del match fino al 90^.

68' - Ammonito anche Perisic per un brutto fallo su Pereira

63' - Barreto primo ammonito del match. 

62' - Rompe gli indugi anche Roberto Mancini: furoi Kondogbia; dentro Biabiany. 4-2-3-1 per i nerazzurri che si lanciano in attacca a caccia del pareggio. 

58' - Nel frattempo è uscito Correa, infortunato, nella Samp: al suo posto è entrato Palombo

57' - Ancora Inter: Guarin prova a schiacciare di testa, ma il pallone è finito fuori.

55' - Reagisce subito l'Inter con ICARDI! La palla viene deviata da Maurito che però non imprime forza sul pallone. Pereira poi spazza in modo provvidenziale. 

Muriel aveva appena sbagliato il gol del vantaggio, tagliando troppo il pallone offerto da Mesbah dalla sinistra. Un minuto più tardi però il colombiano si è fatto trovare pronto sul cross bellissimo e preciso da parte di Pereira che ha pennellato per Muriel, freddo e preciso davanti a Viviano

50' - GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLL MURIEL!!! LUIS MURIEL!!!!! VANTAGGIO SAMPDORIA!!!!! GRANDE AZIONE, GRANDE GOL DEL COLOMBIANO. 1-0 SAMP!

48' - GRAN CONTROPIEDE DELLA SAMP CHE NON CONTRETIZZA SBAGLIANDO L'ULTIMO PASSAGGIO DI BARRETO VERSO EDER CHE STAVA ARRIVANDO DA DIETRO. 

48' - Prima occasione del secondo tempo di marca interista; si gioca tutto sull'asse Palacio - Perisic che va alla spizzata di testa verso il secondo palo, ma il pallone finisce fuori. 

47' - Avvio di ripresa più soft, soprattutto da parte della Samp troppo lenta e macchinosa in mezzo al campo. L'Inter prende campo.

46' - INIZIATA LA RIPRESA. SI RIPARTE DALLO 0-0.

16.02 - Tutto pronto al Ferraris, le squadre stanno rientrando in campo. A breve avrà inizio il secondo tempo di Sampdoria - Inter.

15.55 - Nella ripresa ci attende un match incerto, aperto ad ogni risultato. In questo primo tempo si è visto tutto meno il gol, gol che Correa ha clamorosamente mancato al 35' quando la porta era sguarnita. Partita in bilico. 

47' - Finisce qui il primo tempo a Marassi; 0-0 tra Sampdoria e Inter in un match bello ed emozionante sin dalle sue prime battute. La Sampdoria ha avuto le migliori occaisoni del match, in particolare con Correa, ma l'Inter soprattutto nella fase centrale di tempo ha avuto maggior controllo di gioco a centrocampo, costringendo la Samp ad arretrare. 

45' - Rocchi ha concesso 2 minuti di recupero. 

44' - Felipe Melo stacca indisturbato di testa, ma non trova la porta per questione di centimetri. 

43' - Grande azione personale da parte di Palacio. Palla ancora in calcio d'angolo. 

42' - Kondogbia prova l'anticipo di testa, ma il pallone viene deviato in calcio d'angolo da Moisander

38' - I-N-C-R-E-D-I-B-I-L-E CORREA SI DIVORA IL GOL DEL VANTAGGIO DA DUE PASSI. LA PORTA ERA SGUARNITA MA L'ARGENTINO HA CLAMOROSAMENTE CALCIATO FUORI.

34' - RISPONDE LA SAMP CON EDER! PALLA A FIN DI PALO, DEVIATA DA MEDEL IN CALCIO D'ANGOLO. 

30' - OCCASIONISSIMA INTER!!!! GRAN PALLA DI PALACIO PER KONDOGBIA CHE NON CALCIARE, SERVENDO GUARIN MEGLIO PIAZZATO; IL COLOMBIANO PERO' HA PROVATO LA SFORBICIATA CON IL PALLONE ALTO DI POCO SOPRA LA TRAVERSA.  

25' - DOPPIA FIAMMATA INTER: PRIMA ICARDI, POI SOPRATTUTTO PALACIO PROVA LA BOTTA CON IL DESTRO IMPEGNANDO I GUANTONI DI VIVIANO. 

23' - Mesbah chiude tutto anticipando di testa capitan Icardi

20' - Gran botta di Guarin che ci ha provato ma da posizione molto defilata. Viviano controlla la sfera senza problemi. 

18' - Grande inserimento di Soriano, servito dolecemente dal cucchiaio di Eder; Medel però è attento e sporca il pallone in angolo. 

14' - Tiro completamente sbagliato da parte di Alex Telles. Palla in gradinata sud. 

13' - Ci ha provato ancora una volta Soriano, stavolta con lo stacco di testa, che però è impreciso. 

12' - BOLIDE FORTE E PRECISO DI CORREA, DEVIATO DA HANDANOVIC IN CALCIO D'ANGOLO.  

10' - Tutto ok per Kondogbia che è tornato in campo senza problemi. 

8' - Primo lampo di Kondogbia che ha calciato dal limite senza trovare la porta. Poi il francese è rimasto a terra in seguito ad uno scontro di gioco con Pereira. 

5' - Giocata tutta di tecnica e velocità tra Muriel ed Eder che ha calciato, ma troppo centrale. Facile l'intervento per Handanovic

4' - Prova a rispondere l'Inter dopo l'avvio impetuoso della Samp: prima giocata di Perisic, dentro per la stoccata di Icardi che però non trova la porta. 

3' - ZUKANOVIC! SAMP ANCORA VICINISSIMA AL GOL! ANCORA SUGLI SVILUPPI DI UN CORNER, STAVOLTA E' ARRIVATO IL COLPO DI TESTA DEL DIFENSORE DELLA SAMP; PALLA FUORI DI POCHISSIMO. 

2' - OCCASIONISSIMA PER SORIANO! HANDANOVIC TIENE A GALLA I SUOI CON UNA SUPER PARATA SUL TOCCO RAVVICINATO DEL CAPITANO SAMPDORIANO.  

1' - Subito intraprendente la Samp che ha sfondato a destra con il giovanissimo Pereira. Palla deviata in calcio d'angolo, primo brivido nell'area interista. 

1' - SI PARTEEEEEEE! INIZIATA SAMPDORIA - INTER!!!!

14.59 - SQUADRE IN CAMPO!!

14.55 - Tutto pronto al Luigi Ferraris di Genova. Le squadre sono nel tunnel che porta al terreno di gioco di Marassi!

14.45 - A dirigere la sfida sarà Rocchi. Nel frattempo le squadre sono rientrate negli spogliatoi dopo il riscaldamento. Sale l'attesa per un match importante sia per la Samp, in cerca di conferme, che per l'Inter, pronta a dimenticare la batosta con la Viola e restare in vetta!

14.35 - Le squadre sono in campo per il riscaldamento: l'Inter è sul terreno di gioco del Ferraris!

SAMPDORIA: (4-3-1-2): Viviano; Pereira, Moisander, Zukanovic, Mesbah; Correa, Fernando, Barreto; Soriano; Muriel, Eder.

14.30 - E' arrivato anche l'undici della Sampdoria di Zenga. Al contrario delle scelte fatte da Mancini, Zenga conferma ciò che era trapelato nei giorni scorsi: Soriano in posizione di trequartista, ma intercambiabile con Correa schierato sulla linea dei centrocampisti al posto di Ivan. In avanti ci sono Eder e Muriel; Cassano parte dalla panchina. 

14.25 - Ecco una panoramica del Ferraris catturata da uno spettatore qualche minuto fa! Dopo la pioggia di ieri e le nuvole di questa mattina, c'è il sole a Marassi. Scongiurato il pericolo rinvio. SI GIOCA!

14.25 - Andiamo a curiosare anche nello spogliatoio dei padroni di casa: tra i più attesi in questo pomeriggio ci sono Eder (capocannoniere del torneo), Muriel e Soriano

14.20 - Ne Ljajic, ne Brozovic, ne Juan Jesus partiranno dal primo minuto; Mancini ha preferito confermare gli uomini che hanno portato l'Inter fino alla vetta della classifica, dunque fiducia all'altalenante Guarin, nuova chance per Palacio, conferma per Medel e Telles

INTER: (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Medel, Murillo, Telles; Guarin, Melo, Kondogbia; Perisic; Palacio, Icardi.

14.15 - E' arrivata la formazione ufficiale dei nerazzurri: Mancini contrariamente alle aspettative della vigilia ripropone la stessa formazione che ha giocato con la Fiorentina con la sola eccezione di Murillo al posto di Miranda squalificato. 

14.10 - Facciamo un salto nello spogliatoio degli ospiti dove è già pronta la maglia del capitano, Mauro Icardi, grande ex della sfida di oggi. L'Inter come potete vedere giocherà con una maglia particolare, una divisa nuova che verrà indossata per la prima volta proprio questo pomeriggio.

14.05 - Era previsto maltempo su Genova e sullo Stadio Ferraris dove invece c'è il sole. Le squadre sono arrivate a Marassi e hanno testato il terreno di gioco non in perfette condizioni, ma comunque accettabile. 

14.00 - Buon pomeriggio e benvenuti alla diretta scritta live e di Sampdoria - Inter (15.00), match valido per la settima giornata del campionato di Serie A Tim 2015/2016. Al Ferraris di Genova, la Samp del condottiero Zenga, ospita l'Inter di Roberto Mancini in una sfida da libro cuore. I due tecnici infatti, oltre ad essere buoni amici hanno militato per molti anni nella squadra che oggi affronteranno da avversari, lasciando un pezzo di cuore, l'uno a Milano, l'altro a Genova. La Samp, dopo l'inatteso ko di Bergamo è alla ricerca di continuità di risultati, in particolar modo in casa dove in questa stagione ha sempre vinto. L'Inter invece, deve lasciarsi alle spalle lo scivolone con la Viola che è costato a Mancini la prima sconfitta in stagione e la perdita del primato solitario in classifica. 

Live Sampdoria - Inter, risultato partita Serie A 2015/2016 in diretta

La Sampdoria è reduce dall'inaspettato scivolone di Bergamo con l'Atalanta, ma il morale in casa Doria resta comunque alto in vista della grande sfida all'Inter dell'ex Mancini. La squadra di Zenga in casa ha fatto vedere grandi cose in questa stagione, battendo Carpi, Bologna e soprattutto Roma, domata con grande maturità e personalità dai ragazzi di Zenga che oggi contro l'Inter cercano un'altra grande vittoria davanti al pubblico genovese.

Anche l'Inter è reduce da un pesante ko, il primo in stagione rimediato a San Siro con la sorprendente Fiorentina di Paulo Sousa. Prima del black out del Meazza, la squadra di Mancini stava viaggiando a punteggio pieno con una sola rete subita nelle precedenti 5 partite; con i toscani invece, sono arrivati 4 gol di cui 3 nel giro di 30 minuti. L'atteggiamento della squadra, ma anche alcune scelte di Mancini - come la difesa a tre - sono finite sotto accusa e di conseguenza hanno creato i primi malumori di una stagione che comunque vede l'Inter in testa alla classifica con gli stessi punti, 15 della Fiorentina. 

Le probabili formazioni 

Zenga riparte dal 4-3-1-2, modulo che da garanzie e in fase offensiva, e in fase di ripiegamento con Soriano uomo della bilancia, schierato nel ruolo di trequartista equilibratore di gioco un po’ come faceva Boateng nel Milan dello scudetto 2011.  Con tutta probabilità partirà dalla panchina l'altro grande ex di giornata Cassano, che però ha fatto vedere, entrando con la Roma, di poter essere ancora decisivo.

La confermatissima coppia d’attacco infatti, sarà composta da Muriel ed Eder capocannoniere del torneo con 6 centri, e vicinissimo a vestire nerazzurro in estate, quando Ferrero resistette al pressing di Mancini. A centrocampo, Soriano sarà il trequartista, mentre Correa dovrebbe partire dalla panchina. A completare il reparto dovrebbero esserci i muscoli di Fernando, la Garra di Barreto e la gioventù di Ivan. Scelte obbligate in difesa, dove Zenga non può disporre di 4 possibili titolari: Cassani, De Silvestre, Coda e Silvestre; pertanto giocherà la stessa linea difensiva che ha disputato gran parte del match con la Roma: Pereira, Moisander, Zukanovic, Mesbah. 

SAMPDORIA: (4-3-1-2): Viviano; Pereira, Moisander, Zukanovic, Mesbah; Ivan, Fernando, Barreto; Soriano; Eder, Muriel. All. Zenga

Live Sampdoria - Inter, risultato partita Serie A 2015/2016 in diretta

Dopo lo sciagurato tentativo di giocare con il 3-5-2, Mancini sembra voglia tornare ad utilizzare il 4-3-1-2, modulo che ha garantito all’Inter cinque successi in altrettante gare. Per la sfida all’amico Zenga il Mancio deve rinunciare a Miranda squalificato e a Jovetic non disponibile dopo il guaio muscolare che lo ha colpito nel riscaldamento del match con la Viola.

In attacco al posto del Montenegrino ci sarà Ljajic, finora poco utilizzato da Mancini. Il partner di Adem in avanti sarà un altro grande ex, Mauro Icardi, prima amato, poi odiato da tutta la tifoseria doriana in seguito a quella doppietta con esultanza sotto la gradinata sud 2 stagioni fa.  Il ruolo di trequartista sarà assegnato a Perisic, mentre a centrocampo potrebbe esserci un turno di riposo per uno tra Kondogbia e Guarin, pronto a lasciar spazio a Brozovic o a Medel che in quel caso verrebbe riportato in mezzo al campo. In difesa recupera Murillo che complice la squalifica di Miranda dovrà essere rischiato dal primo minuto; sulla corsie esterne agiranno Santon e Juan Jesus, mentre per l’ultimo posto disponibile accanto a Murillo è ballottaggio tra Medel e Ranocchia.

INTER: (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Ranocchia, Murillo, Juan Jesus; Felipe Melo, Medel, Kondogbia; Perisic; Icardi, Ljajic. All. Mancini

Le parole della vigilia 

Alla vigilia della sfida con il suo passato, Walter Zenga si è presentato in conferenza stampa per presentare la sfida all'Inter di Mancini. Il tecnico della Samp però non è stato di molte parole, aprendo la conferenza con parole al miele verso la società nerazzurra e i suoi tifosi: "Mancherei di rispetto all'Inter, ai tifosi e a me stesso se dicessi che questa è una partita come le altre" - esordice l'uomo ragno che poi continua - "Ho grande rispetto per l'Inter ma come ho detto quando sono arrivato: la Sampdoria è un punto d'arrivo per me. Ho indossato questa maglia, so quale onore sia poterla vestire. Per cui domenica darò il massimo per vincere questa importante partita". 

Per quanto riguarda le questioni legate al campo Zenga fa pretattica: “Muriel e Pereira sono tra i convocati. Non vi dico di più perché il mio amico Mancini gioca a nascondino". Amico ma anche compagno di mille battaglie e simbolo di una squadra che ha fatto la storia. "Col Mancio ho giocato la prima volta nell'84 - ricorda - poi ne sono seguite tante. Lui qui a Genova è il calcio, c'è poco da dire". In conclusione, Zenga risponde anche alle numerose domande sul possibile impiego di Cassano: "Cassano vede spazi per la palla che altri manco si sognano. Lui è importantissimo per noi e si avvia verso il cento per cento della forma. Quanto può giocare? E chi vi dice non parta dall'inizio... ".

Live Sampdoria - Inter, risultato partita Serie A 2015/2016 in diretta

Torna nella sua Genova, la città che lo ha consacrato ed amato, ma Roberto Mancini in conferenza stampa non sembra molto tranquillo, anzi dopo il ko con la Fiorentina, il tecnico marchigiano è costretto a tornare sul match di San Siro: "Voi rivedete le partite? E' il vostro lavoro. Credo che il risultato sia assurdo, non c'è stato nulla di sbagliato all'inizio. C'è stato il rigore, poi subito gol al primo tiro. Le partite vanno così, poi con il rosso è finito tutto. Una sconfitta assurda, è nata così e non c'è nulla da fare. La squadra, però, ha reagito ed è stata una delle migliori partite che abbiamo fatto. Abbiamo cambiato solo il ruolo di Perisic, mettendolo a destra. La partita è iniziata in un modo, poi è cambiata subito. Abbiamo scelto il meglio per noi, ma gli eventi hanno cambiato il prosieguo della gara. Il rosso a Miranda ha portato alla sconfitta, ma dopo 6 partite abbiamo 15 punti, quindi non siamo messi male. Chi sostituirà Miranda farà bene. Comunque di quel match salvo ogni cosa,” dice orgogliosamente Mancini

Poi i toni si fanno più accesi, con il Mancio che non si risparmia di fronte ai tanti giornalisti arrivati ad Appiano Gentile: "Ci criticavano anche dopo le vittorie. Il lavoro dei giornalisti è anche questo, ma io non sono preoccupato di quello che esce sui giornali. Ho la mia idea e non mi faccio condizionare da fattori esterni. Dopotutto un risultato sbagliato condiziona sempre tutto.” - poi continua - "Si parla solo di questo in Italia, i giornalisti scrivono ma non sanno quello di cui parlano. Non si vince in base al modulo, c'è anche l'avversario. Si perde perché gli avversari giocano meglio o perché si fanno degli errori. L'aspetto tattico non è la cosa più importante. Voi dovete scrivere, scrivere, fate il vostro lavoro, ma io non cambio le mie scelte. Certi commentatori dovrebbero prepararsi coì.” Dopo la sfuriata, Mancini si concentra sul match con la Samp, sul ritorno a Marassi e sui possibili punti di forza della Doria: "Per me è sempre un match speciale, ormai sono andato tante volte in quello stadio da avversario. Sono stati tanti anni importanti. Mi fa piacere trovare Zenga. È stato un compagno di tante battaglie, sia da avversario sia da compagno. Sono molto felice che sia tornato in Italia.” In conclusione si sposta su aspetti tecnici, della Samp: "Sono molto bravi in attacco. Possono sempre risolvere il match con le loro qualità.”

Precedenti e statistiche tra le due squadre 

Nei 58 precedenti tra SampdoriaInter, con i blucerchiati padroni di casa, il bilancio è favorevole ai nerazzurri vittoriosi in 27 occasioni, contro i 20 i pareggi, e le sole 11 affermazioni doriane. Nell’ultimo precedente tra Sampdoria e Inter, i doriani sono riusciti a prevalere sull’Inter grazie a uno splendido gol di Eder siglato con un bolide direttamente da punizione. Amaro il ricordo del penultimo precedente per i tifosi blucerchiati: l’odiato ex di turno, Mauro Icardi, riuscì a realizzare una doppietta nello 0-4 finale a favore della squadra allenata dall’ex Walter Mazzarri. Anche nelle stagioni precedenti, 2012/13 e 2010/11, fu l'Inter a trionfare sempre con il punteggio di 2-0 grazie a Palacio, Eto'o e Snejider. 

L’Inter ha vinto cinque delle ultime sei trasferte di campionato;  l’ultima sconfitta è arrivata proprio a Marassi, contro il Genoa nel maggio scorso (match che ha sancito l’addio definitivo all’Europa League per i nerazzurri). La Sampdoria ha vinto fin’ora tutte e tre le gare giocate in casa in questo campionato, segnando una media di 3 gol a partita.  

Share on Facebook