Inter, Candreva ammette: "L'Inter mi ha voluto fortemente. Per il Chievo sono a disposizione"

Antonio Candreva è stato presentato ufficialmente dall'Inter oggi in conferenza stampa.

Inter, Candreva ammette: "L'Inter mi ha voluto fortemente. Per il Chievo sono a disposizione"
Candreva e Ausilio in conferenza stampa, twitter @Inter

La trattativa per portare Antonio Candreva all'Inter è stata lunga e laboriosa, come quasi sempre accade quando bisogna accontentare le richieste del presidente Lotito. Alla fine, però, l'Inter ha piazzato il colpo e ora De Boer è pronto a sfruttare tutte le qualità dell'ex Lazio per il suo 4-2-3-1.

Oggi è stato il giorno della presentazione ufficiale di Candreva in conferenza stampa. Con lui anche il ds Piero Ausilio che ha iniziato a parlare, prima poi di lasciare spazio a Candreva che subito ha spiegato perchè ha scelto l'Inter: "Prima di rispondere vorrei ringraziare il direttore per le belle parole, così come voglio salutare la Lazio e i suoi tifosi con i quali ho passato anni bellissimi, vincendo anche la Coppa Italia. Ringrazio Suning Group che mi ha voluto qui, hanno speso tanto e ora voglio vincere, questo è l'obiettivo di un club abituato a farlo. Arrivo in nerazzurro all'età giusta. Non ho rifiutato nessuno, non so se il Napoli abbia parlato con la Lazio. L'Inter mi ha sempre voluto e sono contento di aver scelto il nerazzurro."

Antonio Candreva, inter-news.it
Antonio Candreva, inter-news.it

Questo fine settimana ricomincia il campionato e l'Inter viene indicata da alcuni come possibile antagonista della Juventus: "Ha vinto gli ultimi Scudetti, quindi è la squadra da battere. Vogliamo migliorare la passata stagione e puntiamo a far bene in tutte le competizioni." Si passa poi a parlare di tattica, di De Boer e delle condizioni fisiche di Candreva: "Il mister? Ci stiamo conoscendo, è arrivato da poco. Antepone il controllo della gara e vuole preparare al massimo le sfide. L'impressione è sicuramente ottima. Fisicamente sto bene e ci stiamo preparando per la sfida di Verona, sono a disposizione del mister. 4-2-3-1 o 4-3-3? Con il primo modulo, senza la mezzala, forse servirebbe una copertura maggiore per il terzino. Ma non ci sono problemi di adattamento per me."