Pescara-Inter: una sfida di possesso

Oddo in cerca di conferme, de Boer della prima vittoria ufficiale sulla panchina dei nerazzurri

Pescara-Inter: una sfida di possesso
Pescara-Inter: una sfida di possesso

Stasera alle 20.45 si sfideranno le due squadre col possesso palla più alto in Serie A fino ad ora, due squadre con mire diverse, eppure due squadre che hanno avuto un inizio di campionato completamente opposto alle aspettative. Il Pescara, neo-promosso e quindi che ha come primo obiettivo quello di salvarsi, ha già collezionato 4 punti in due partite contro Napoli prima e Sassuolo poi (quella col Sassuolo vinta a tavolino). L'Inter invece, che sulla carta è una delle principali contendenti per il secondo posto, ha cominciato con una sconfitta a Verona contro il Chievo e con un pareggio in casa contro il Palermo, due compagini sicuramente non irresistibili e che dovevano fruttare all'Inter 6 punti visto il divario tecnico. Inter che però contro il Palermo ha mostrato una buona prestazione e una condizione fisica migliore rispetto a quella di Verona. Il Pescara di Massimo Oddo invece contro il Sassuolo ha confermato quanto di buono fatto vedere contro il Napoli nell'esordio all'Adriatico. 

L'arbitro della gara sarà il Sig. Antonio Damato della sezione di Barletta, che non frutta agli interisti buoni ricordi.

INTER-Il modulo che dovrebbe usare l'Inter è il 4-2-3-1, andando quindi a cambiare la struttura della squadra per la terza volta in tre partite. Sciolto il nodo Nagatomo che si è ripreso e quindi scenderà in campo sulla fascia sinistra, l'unico vero dubbio di de Boer riguarda Joao Mario. L'olandese non sa se far partire dal primo minuto il neo acquisto o meno, per adesso il portoghese è dietro nelle gerarchie rispetto a Geoffrey Kondogbia, che dovrebbe essere il compagno di reparto di Gary Medel, sicuro del suo posto nel centrocampo a due dell'Inter. Dunque Banega andrebbe ad agire da trequartista, suo ruolo preferito, magari abbassandosi per poter andare a prendere la palla e dare vita alle offensive nerazzure. Candreva ha vinto il ballotaggio con Eder e scenderà per la prima volta da titolare in campo con la maglia dell'Inter, fascia destra per lui. Attenzione alla sorpresa Miangue, che potrebbe insidiare il posto a Nagatomo, Santon è sicuro della panchina.

PESCARA- "A me degli altri non interessa, penso a noi e al fatto che dobbiamo scendere in campo da subito bene." Queste le parole dell'allenatore del Pescara Massimo Oddo, che come sempre è conciso e diretto e si mostra coraggioso nei confronti della partita da affrontare, anche contro un avversario blasonato come l'Inter. Oddo che per la sfida contro l'Inter avrà a disposizione Gyomber, l'ex Roma aveva avuto un infortunio al dito in settimana, ma potrà esserci stasera. Al suo fianco confermato uno dei tre ex della gara, Hugo Campagnaro, il quale ha elogiato la campagna acquisti dei nerazzurri. Gli altri due ex saranno Biraghi e Manaj. Il primo ha ammesso che sarà una sfida dal sapore speciale per lui, visto che l'Inter è la squadra che l'ha lanciato nel grande calcio, e di non serbare rancore nei confronti dei nerazzurri nonostante le scelte della società interista lo abbiano portato lontano da Milano. Molto più neutrale Manaj, che alla domanda sulla possibilità di un suo gol all'Inter, squadra che detiene ancora il suo cartellino, ha semplicemente risposto che sarebbe contento per sè stesso e per la sua squadra. Proprio Manaj è tutt'ora oggetto di un ballottaggio con Bahebeck, nel quale però l'albanese dovrebbe spuntarla, rubando così il posto a Benali, con Caprari (anche lui in prestito al Pescara dall'Inter) arretrato dietro la punta. Altro nodo da sciogliere è quello legato ad Aquilani, sfida fra lui e Brugman per un posto da titolare.

STATISTICHE- L'Inter ha sempre battuto il Pescara nelle ultime sei volte che lo ha incontrato in Serie A.

In questi ultimi sei precedenti i nerazzurri hanno segnato sempre almeno due reti, 15 in totale, e per ben quattro volte hanno mantenuto la porta inviolata.

L'unica vittoria interna in A del Pescara contro l'Inter risale all'aprile del 1978: da allora quattro vittorie nerazzurre e un pareggio.

Il Pescara è a quota quattro punti dopo due giornate: solo nel 1987/88 i delfini hanno fatto altrettanto bene (sei punti in quell’occasione).

L’Inter non ha vinto le prime due giornate di campionato per la 15ª volta: in sei di queste occasioni, ultima nel 2011/12, ha toccato quota tre gare senza successi.

L’Inter è una delle uniche due squadre, con l’Empoli, a non essere ancora stata in vantaggio in questo campionato.

In queste prime due giornate l’Inter ha fatto registrare il più alto possesso palla medio (67.%) – il Pescara si piazza poco sopra la media con il 50.4%.

Éver Banega ha mandato 10 volte un compagno al tiro, più di ogni altro giocatore in questo campionato: sette di questi suggerimenti sono arrivati da calcio piazzato.

Mauro Icardi ha segnato quattro gol nell’unico confronto con il Pescara in Serie A, nel gennaio 2013 con la Sampdoria.

Hugo Campagnaro ha giocato 31 partite di Serie A in nerazzurro, senza mai trovare il gol, tra il 2013 e il 2015: nella scorsa giornata ha raggiunto quota 200 apparizioni nel massimo campionato.

FC Internazionale Milano