Europa League - Inter, De Boer commenta la sconfitta

Il tecnico critica l'approccio della squadra, seconda battuta d'arresto consecutiva in Europa.

Europa League - Inter, De Boer commenta la sconfitta
Fonte: Inter.it

L'Inter cade a Praga, sotto i colpi dello Sparta. V.Kadlec bussa due volte nella prima frazione, Holek annulla l'illusione-Palacio. 3-1, netto. De Boer incassa la seconda scoppola d'Europa e si interroga sulla reale consistenza della sua squadra. Approccio soft per l'Inter, interpretazione della gara a tratti disarmante, ancor più dopo la caduta interna con l'Hapoel. 

"Nel calcio si può tanto parlare di tattica, ma alla fine conta l’atteggiamento e noi lo abbiamo sbagliato del tutto oggi. Non eravamo concentrati, basta guardare al gol dello 0-2"

Nel secondo tempo, un leggero progresso, quantomeno in termini di carattere. Calo fisico dei padroni di casa e maggior spazio per la manovra nerazzurra. A quindici dal termine, l'episodio chiave. Secondo giallo per Ranocchia - fuori tempo - e Inter in dieci. Qualche secondo ed ecco la terza segnatura, aerea, dello Sparta. Gara in cassaforte, qualche rimpianto. 

"Abbiamo giocato meglio nel secondo tempo, ma non come voglio vedere io la mia squadra. Avevo la sensazione che avremmo anche potuto vincere, però dopo il cartellino rosso a Ranocchia e l’immediato gol dello Sparta è cambiato tutto ed è stato impossibile rimontare. Oggi abbiamo regalato tante palle facili agli avversari e su questo dobbiamo migliorare, altrimenti ogni partita diventa difficile".

Qualificazione ora più difficile. L'Inter chiude il raggruppamento e intravede all'orizzonte il doppio confronto con il Southampton. Spalle al muro, De Boer deve vincere, sempre, per evitare un'eliminazione fragorosa e pericolosa, specie per un progetto in divenire. 

"Il calcolo è facile, dobbiamo vincere 4 partite. È possibile ma non quando iniziamo le partite così. Questo deve cambiare. La Roma? Ho fiducia nella squadra, ma non voglio ogni volta che facciamo una buona partita e poi andiamo in Europa League a giocare da dilettanti".

La chiosa finale sulla scelte a partita in corsa. Fuori Gnoukouri e Candreva, dentro Perisic e Icardi. Staffette in parte annunciate per non spremere eccessivamente alcuni giocatori. Impressione chiara, l'imminente confronto con la Roma riveste per il gruppo una superiore importanza. 

Ho tolto Gnoukouri perché ci sono possibilità che giochi domenica, così come Candreva,in campo quasi tutta la partita con il Bologna. È vero anche che sono entrati Icardi e Perisic, giocatori molto importanti. Abbiamo qualità nella squadra, dobbiamo far riposare le persone stanche viste le tante partite ravvicinate

Fonte Sky Sport


Share on Facebook