Inter, ag. Brozovic: "Pioli perfetto per Marcelo, De Boer non lo ha capito"

Il procuratore del centrocampista croato parla delle differenze fra l'attuale tecnico nerazzurro e l'olandese.

Inter, ag. Brozovic: "Pioli perfetto per Marcelo, De Boer non lo ha capito"
Marcelo Brozovic, 90min.com

Dalla nebbia di ieri sera a San Siro è riemersa un'Inter con tre punti in più in classifica, il morale un pochino più alto, ma la consapevolezza allo stesso tempo che la strada da fare è ancora molto lunga. Lo sa alla perfezione anche Stefano Pioli che però sembra in grado di recuperare un giocatore che spesso ha fatto discutere il popolo interista non per le sue qualità, ma per la sua discontinuità nel mostrarle.

Ieri sera però Marcelo Brozovic è stato decisivo, visto che la doppietta che ha deciso la sfida con il Genoa è stata segnata proprio dal centrocampista. Ai margini con De Boer, di nuovo titolare con Pioli e con il rinnovo con l'Inter appena firmato. L'agente del croato Bicanic ha parlato a calciomercato.com di come con Pioli le cose siano cambiate in meglio: "Pioli è perfetto per Brozovic. Gli ha dato la possibilità di mostrare le sue qualità e Marcelo l’ha ripagato con buone prestazioni. Mister de Boer non aveva compreso la reale natura psicologica ed emotiva di Marcelo." Lui che può ancora fare meglio di adesso: "No, Marcelo non è ancora al 100%. Per il suo potenziale ha ancora grandi margini di miglioramento per diventare un centrocampista completo, questo vorrebbe dire che diventerebbe tra i migliori in Europa."

Anche Suning sembra vederla in questo modo, visto il recente rinnovo di contratto firmato con Brozovic: "La strategia e il progetto della nuova proprietà è molto importante per il club in generale e per i giocatori in particolare. Sono sicuro che l’Inter tornerà di nuovo a essere grande. Il rinnovo ha dato a Marcelo nuove motivazioni e fiducia. Clausola? Sì, confermo. C’è una clausola valida per l’estero di 50 milioni." Dalla clausola al mercato il passo è davvero breve: "Marcelo ora è concentrato sull’Inter e sui risultati. Aveva bisogno del rinnovo come conferma delle sue qualità. È stato più vicino alla Juve che al Chelsea ma ora non pensiamo al passato. Vediamo cosa porterà il futuro."


Share on Facebook