Inter, Candreva: "Peccato per la Coppa, ora la testa deve essere al campionato"

Candreva rivela l'amarezza per l'eliminazione dalla Coppa Italia, ma la mente è già alla sfida contro la Juventus

Inter, Candreva: "Peccato per la Coppa, ora la testa deve essere al campionato"
Antonio Candreva, sport.sky.it

Stefano Pioli aveva detto di puntare con decisione alla finale di Coppa Italia, ma la Lazio ha fermato la corsa nerazzurra, andando ad imporsi a San Siro. Un risultato che come ha raccontato Antonio Candreva a Premium Calcio non ha lasciato soddisfatto tutto lo spogliatoio dell'Inter. La necessità, però, è quella di voltare immediatamente pagina perchè il campionato propone la sfida sempre importante e affascinante contro la Juventus di Allegri.

Candreva, però, racconta l'amarezza per l'eliminazione: "E' stata una sconfitta che non ci voleva perché tenevamo molto alla Coppa Italia e a passare il turno. Adesso dobbiamo dimenticarla al più presto e pensare alla prossima gara che sarà molto importante." La Juventus come detto: "E' una gara molto sentita, importante e che vedranno tutti. All'andata c'era lo stadio pieno, c'era una bellissima atmosfera e siamo riusciti a battere la squadra più forte del campionato. Sarà una sfida difficile, dovremo mettere in campo più del 100% delle nostre qualità.

Antonio Candreva, it.eurosport.com
Antonio Candreva, it.eurosport.com

Ma ora è un buon momento per noi e andremo lì per giocarcela. Dobbiamo dare continuità a quello fatto fino adesso. Stiamo inseguendo le squadre davanti che stanno andando forte e dobbiamo proseguire così per raggiungere il nostro obiettivo che è quello di entrare in Champions League. C'è ancora tanta strada da fare a partire dalla prossima sfida con la Juve."

Suning a gennaio ha puntato su un italiano come Gagliardini, ma è stato Candreva il primo colpo tricolore della nuova proprietà: "Ho sempre detto che sono orgoglioso di essere qui e sono orgoglioso di essere stato scelto da Suning come primo obiettivo. Stiamo costruendo un bel gruppo ma dobbiamo ancora migliorare. Ben vengano gli italiani ma siamo comunque un gruppo positivo che sta facendo bene. Il Chelsea di Conte mi voleva? Chiedete alla società."