Inter, quesito in mediana

Gagliardini o Vecino, questo l'interrogativo nerazzurro.

Inter, quesito in mediana
Inter, quesito in mediana

Due sedute, nella giornata di ieri, per entrare nel rettilineo che conduce al debutto nella massima serie. Prima a San Siro, l'ex Pioli per valutare il lavoro estivo di Spalletti. Non mancano gli interrogativi all'alba dell'incontro con la rinnovata Fiorentina. Margherita ridotta in fase difensiva, Medel è un nuovo giocatore del Besiktas, Murillo è a un passo dal Valencia. Comparto centrale ridotto all'osso, con Ranocchia non al meglio della condizione. Alle spalle della collaudata coppia Skriniar - Miranda, poco o nulla. Dopo il riposo precauzionale dei giorni scorsi, atteso il recupero del difensore ex Bari, D'Ambrosio, poi, può essere adattato in caso di ulteriori problemi. In corsia, più variabili. Santon non è della partita, in quattro per due maglie. Il citato D'Ambrosio ed Ansaldi in leggero vantaggio su Nagatomo e Dalbert. 

Abbondanza in mediana, qui risiede l'unico dubbio reale del tecnico. Borja Valero si posiziona in cabina di regia, nei due quindi di mezzo, destinati a far circolare palla e a sviluppare la manovra. La presenza in questa porzione di campo dello spagnolo riduce lo spazio per Gagliardini e Vecino. Panchina per uno dei due, con l'azzurro favorito. In caso di atteggiamento più conservativo, possibile l'avanzamento di Borja, con la creazione di una cerniera contenitiva formata appunto da Vecino e Gagliardini. 

Joao Mario è il pendolo sulla trequarti, l'impressione è di un potenziale notevole al momento inespresso. A Spalletti il compito di lucidare il diamante portoghese. Può dettare l'ultimo passaggio, abbassarsi ampliando la linea di centrocampo, spostarsi sull'esterno per favorire l'inserimento dei compagni. Giocatore totale. Perisic - conferma e rinnovo alle porte - prende la sinistra, con Candreva sul lato opposto. Dopo il tagliando dei giorni scorsi, Icardi funge da terminale ultimo. 

Mercato in tono minore, ma intelligente, le risorse a disposizione sono notevoli. L'ex Roma può pescare a piene mani dalla sua rosa per invertire un eventuale trend negativo. Jovetic ed Eder, protagonisti di un ottimo pre-campionato, possono essere jolly da utilizzare a partita in corso, Brozovic ha le qualità per dare fosforo ed idee nella zona nevralgica. Un esame per molti.