Juventus - Lazio: tutti pronti per la finale. I bianconeri inseguono la decima

Mancano circa 24 ore alla finale di Coppa Italia fra Juventus e Lazio: le statistiche e i precedenti promettono gol e spettacolo. Allegri: "La finale sarà diversa dal campionato"

Juventus - Lazio: tutti pronti per la finale. I bianconeri inseguono la decima
Juventus - Lazio: tutti pronti per la finale
Juventus
Lazio / 20.45

Stasera Juventus e Lazio si affronteranno per la terza volta in questa stagione: l'obiettivo è alzare al cielo la Coppa Italia. Per la Juventus sarebbe la decima della sua storia; i biancocelesti inseguono invece il settimo trofeo. 

Le due squadre arrivano a questa finale in condizioni psicologiche non esattamente identiche, mentre la condizione atletica, e soprattutto il gioco espresso in questo finale di stagione, suggeriscono una finale in cui lo spettacolo non dovrebbe mancare. Juventus e Lazio godono infatti di un ottimo stato di forma fisica e, nel corso del campionato, hanno dimostrato di essere forse le due squadre che esprimono il miglior gioco in Italia. Tuttavia, la Juventus ha già conquistato lo scudetto, e da giorni si trova nella condizione di potersi concentrare esclusivamente sulle ultime due partite fondamentali della stagione: la finale di Champions League da giocare il 6 giugno contro il Barcellona e, per l'appunto, la finale di Coppa Italia. La squadra di Pioli, al contrario, dovrà dare il massimo anche le ultime partite di campionato: in ballo c'è il secondo posto e quindi l'accesso diretto alla prossima Champions League.

Diamo ora un'occhiata ai numeri. Lazio e Juventus sono certamente tra le squadre più prolifiche della Serie A in termini di gol realizzati: sommati sono ben 178. Tuttavia nei due precedenti stagionali, gli uomini di Pioli non sono mai riusciti a violare la porta bianconera. Il match d'andata giocato all'Olimpico ha visto infatti gli uomini di Allegri trionfare con un secco 0-3, mentre il ritorno si è chiuso con il punteggio di 2-0 sempre a favore dei bianconeri. Tornando alla Coppa Italia, i precedenti tra le due squadre sono 21. Il bilancio è di 8 vittorie per la Lazio, 7 pareggi e 6 trionfi per i bianconeri. L'ultimo incrocio risale alla semifinale dell'edizione 2012/13: la Juventus fu eliminata dai biancocelesti che pareggiarono 1-1 a Torino all'andata e vinsero 2-1 al ritorno. Le due compagini si sono affrontate l'ultima volta in finale durante la stagione 2003/04, con il vecchio regolamento che prevedeva ancora la doppia sfida: la Lazio vinse l'andata all'Olimpico per 2-0, mentre il match di ritorno terminò 2-2. La Juventus non riesce a battere la Lazio in Coppa Italia dal 13 gennaio del 2000 (2-1 a Torino).

Allegri nella conferenza stampa di ieri ha spiegato come la sfida di domani possa essere considerata anche come un match di preparazione in vista della finale di Champions. Il tecnico bianconero sottolinea inoltre la differenza fra i precedenti in campionato ed una finale secca: "E' una finale, sarà diversa dal campionato e potrebbe non risolversi nei 90 minuti. Pirlo? Sarà in campo: non possiamo pensare di stare a riposo fino alla finale. La Coppa Italia è sempre stato il nostro secondo obiettivo dopo il campionato. E' molto importante vincere per preparare al meglio la finale di Berlino. I paragoni con Conte? Francamente non mi interessano. Antonio Conte resterà sempre nella storia, ma le società restano. Se la Juve ha vinto quattro scudetti vuol dire che prima di tutto la società ha lavorato bene. Il segreto per rivincere è che la squadra dà sempre il massimo, come del resto abbiamo appena dimostrato a San Siro, perché quando perdiamo ci girano le scatole. L'eventuale vittoria di domani sarebbe un risultato straordinario. Riguardo la formazione ho ancora dei dubbi, ma, togliendo i giocatori squalificati, ho tutto il gruppo a disposizione".

Le probabili formazioni

Juventus (4-3-1-2): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Pereyra, Pirlo, Pogba; Vidal; Llorente, Tevez.

Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, De Vrij, Mauricio, Radu; Parolo, Ledesma, Lulic; Candreva, Klose, Felipe Anderson.