Serie A: la Juve espugna lo Scida. Mandzukic e Higuain stendono il Crotone (0-2)

La Juventus si aggiudica il recupero della 18esima giornata, battendo il Crotone in trasferta. Vittoria firmata dai due bomber Mario Mandzukic e Gonzalo Higuain, alla sua sedicesima rete in campionato. Ora i bianconeri restano a +7 sulla Roma.

Serie A: la Juve espugna lo Scida. Mandzukic e Higuain stendono il Crotone (0-2)
Gonzalo Higuain ha segnato 16 gol in questo campionato. Foto: La Stampa
Crotone
0 2
Juventus
Crotone: Cordaz; Rosi, Ferrari, Ceccherini, Mesbah; Sampirisi (Acosty, min.70), Barberi, Capezzi, Stoian; Falcinelli (Suljic, min.84), Tonev (Trotta, min.78). All.: Davide Nicola
Juventus: Buffon; Dani Alves (Barzagli, min.78), Bonucci, Rugani, Asamoah; Khedira (Pjanic, min.70), Rincon; Pjaca (Sturaro, min.89), Dybala, Mandzukic; Higuain. All.: Massimiliano Allegri
SCORE: 0-1, min. 60, Mandzukic 0-2, min. 74, Higuain
ARBITRO: Paolo Valeri (ITA) ammonisce Bonucci (min. 65)
NOTE: Recupero della 18esima giornata del campionato di Serie A TIM edizione 2016-2017: in campo all'Ezio Scida ci sono Crotone e Juventus. Si comincia alle 18:00.

Allo Scida, ​la Juventus si aggiudica il recupero della diciottesima giornata di Serie A battendo il Crotone per 2-0. La squadra di Allegri amministra il gioco per tutti i novanta minuti e risponde con una buona vittoria esterna alla chiamata delle inseguitrici. Pitagorici che hanno contenuto gli avversari fino all'ora di gioco, ma poi hanno dovuto cedere ad una formazione superiore.

La Juventus domina fin dall'inizio l'incontro ma non riesce ad impensierire gli avversari: la formazione crotonese si chiude bene e concede poco ai bianconeri. Nervoso Pjaca, alla sua prima gara da titolare con la maglia della Signora​: l'ex Dinamo Zagabria effettua qualche intervento scomposto sui giocatori avversari, ma mostra comunque tanto sacrificio al servizio della causa comune. La prima vera occasione della partita lo crea il duo HD, ovvero Higuain e Dybala, al 23': la Joya raccoglie un lancio di Khedira, serve di tacco il Pipita ​che sbaglia la conclusione. La coppia sudamericana ci riprova più tardi, con Higuain che finalizza un assist dell'ex Palermo ma senza trovare la porta.

Alla mezzora di gioco, Allegri effettua un cambio tattico: si passa al 4-4-2, con Dybala che diventa esterno destro di centrocampo, Pjaca quello sinistro, mentre Mandzukic viene schierato come una seconda punta. Il numero 21 della Juve entra subito in partita nella nuova posizione, mostrando una buona intesa con Dani Alves sulla catena destra. Tuttavia il Crotone continua a svolgere un'ottima fase difensiva, contenendo le incursioni ospiti. Sul finire della prima frazione, la Juve va vicinissima al vantaggio: Dani Alves mette in mezzo per Mandzukic, la cui conclusione viene murata dalla retroguardia pitagorica; carambola in area di rigore con Pjaca che colpisce di testa ma trova la splendida risposta di Cordaz; il portiere dei padroni di casa si fa scavalcare da un pallonetto di Dybala che non entra in porta grazie al grande salvataggio sulla linea di Ferrari.

Anche nel secondo tempo la manovra bianconera è piuttosto bloccata: l'atteggiamento operaio impostato da Nicola funziona abbastanza bene. Il Crotone si chiude bene e ogni tanto si presenta al cospetto di Buffon con degli sprazzi di alcuni giocatori. Dopo sessanta minuti la gara finalmente si sblocca: Dani Alves effettua un altro traversone, Asamoah impatta di testa e trova un'altra grande parata di Cordaz; il tap-in di Mandzukic porta in vantaggio la Juventus. Con il risultato a proprio favore, le Zebre ​cominciano a calare di intensità: tale calo scuote Allegri, il quale intima ai suoi di non addormentarsi.

Il gol di Mandzukic. Foto: La Stampa
Il gol di Mandzukic. Foto: La Stampa

Per evitare i soliti cali mentali della squadra, il tecnico bianconero decide di schierare Pjanic al posto di Khedira in modo da rinvigorire la fase offensiva. Proprio nel momento clou della partita arriva il gol della sicurezza, segnato da Higuain: l'argentino concretizza il primo assist in maglia bianconera da parte di Rincon, mettendo in ghiaccio l'incontro. L'ingresso di Pjanic dà l'effetto sperato: il bosniaco intensifica la fase offensiva, spaventando più volte la retroguardia pitagorica. L'ex romanista si scatena nei minuti finali: all'85' colpisce la traversa con un gran tiro frutto di un cross del neo-entrato Barzagli e, dopo un giro d'orologio, effettua una gran giocata che viene finalizzata da Higuain con una conclusione che manca di poco lo specchio della porta. Sono gli ultimi squilli di un match che viene vinto e dominato dalla Vecchia Signora.

Foto: La Stampa
Foto: La Stampa

Share on Facebook