Juve, Marotta si può giocare la carta Keita

L'attaccante della Lazio è in vendita, il suo prezzo sta aumentando, ma i bianconeri possono fare leva sull'appeal internazionale per accaparrarsi il giocatore, che costerebbe oltre 30 milioni.

Juve, Marotta si può giocare la carta Keita
Fonte immagine: Quotidiano.net

Il suo talento non è mai stato in discussione, la sua disciplina un po' di più, ma quest'ultimo anno sembrerebbe aver rimescolato le carte in tavola. Keita Balde Diao è il prossimo uomo-mercato della Serie A: l'attaccante della Lazio è in scadenza 2018, ha già ampiamente confermato la sua volontà di non rinnovare con i biancocelesti, la sua situazione contrattuale obbliga Lotito e Tare a metterlo sul mercato, incassando un gruzzoletto da reinvestire, per un giocatore di indubbie capacità, ma al quale ormai la Lazio sembra andare stretta, e non solo per questioni tecniche (anzi, tutt'altro).

Ovviamente sul senegalese si sono informate svariate squadre, a partire dal Napoli, passando per il Milan e arrivando infine alla Juventus. Le voci di corridoio parlano di un interesse prolungato da parte della dirigenza bianconera al senegalese, ma è sempre sfuggita l'occasione per azzannare la trattativa e portarlo a Torino. Quest'anno, però, le cose sono cambiate: se il futuro dei Campioni d'Italia è ancora il 4-2-3-1, due innesti in avanti sembrano necessari, considerando anche l'infortunio di Pjaca. Per questo Marotta e Paratici sembrano puntare decisi su Keita, per offrire un'alternativa a Mandzukic sulla corsia mancina, con caratteristiche ben differenti, e per avere un futuro garantito, nonostante le lacune di natura tattica che contraddistinguono il prodotto di scuola Barcellona, colmate solo in parte dalla cura Simone Inzaghi.

I dubbi che l'ala della Lazio potrebbe presentare alla Juventus, riguarderebbero il suo impiego e il suo minutaggio, il quale sarebbe sicuramente maggiore ad esempio se dovesse scegliere il Milan, mentre rimarrebbe decisamente basso se optasse per il Napoli. Le voci e le ultime notizie affermano però che il classe 1995 sarebbe al centro del progetto - presente e futuro - dei bianconeri, ed effettivamente così potrebbe essere, per questioni numeriche di reparto. Quest'anno Higuain non ha quasi mai riposato, lo stesso vale per Mandzukic e per Dybala, a cui Allegri ha rinunciato molto di rado - e solo se costretto. L'infortunio di Pjaca ha scoperto i problemi strutturali della Juve, che ha decisamente pochi attaccanti. Un dettaglio da nulla, visto poi il rendimento della squadra, ma anche una situazione a cui ovviare per diventare ancora più forte.

Ieri il Daily Mail ha sganciato la bomba, affermando che Keita è già della Juventus, per una cifra intorno ai 20 milioni; la notizia è per ora rimasta isolata e sembra abbastanza poco realistica, visto che difficilmente Lotito abbasserà le sue richieste fino ai 20 milioni: probabilmente incasserà tra i 25 e i 30 milioni, ma resta ancora da capire chi sarà a sborsarli. Intanto, la Juve osserva, attenta: l'obiettivo è ringiovanire il reparto avanzato, con Keita. E, magari, accoppiandoci anche Schick.


Share on Facebook