Juventus, il dilemma di Allegri: Cuadrado o non Cuadrado?

Il colombiano, in panchina per quasi tutta la gara d'andata con il Monaco, non ha convinto nel derby: si va verso la riproposizione del 3-4-2-1 del Louis II.

Juventus, il dilemma di Allegri: Cuadrado o non Cuadrado?
Juventus, il dilemma di Allegri: Cuadrado o non Cuadrado?, www.goal.com

Nella gara d’andata fu una mossa a sorpresa, rivelatasi poi vincente; al ritorno potrebbe essere riproposto lo stesso schieramento. Massimiliano Allegri sta studiando le alternative per difendere il 2-0 conquistato al Louis II dalla sua Juventus, in modo da staccare il pass per la finalissima del Millennium Stadium di Cardiff del 3 giugno.

A Montecarlo, il tecnico livornese optò per un 3-4-2-1 con il trio composto da Barzagli, Bonucci e Chiellini davanti a Buffon, Dani Alves sulla linea di metà campo, con Dybala e Mandzukic in appoggio a Gonzalo Higuaìn, relegando Juan Cuadrado in panchina. La mossa si rivelò vincente: Barzagli ha limitato di molto il raggio d’azione dello spauracchio Kylian Mbappè, concedendogli solo un paio di spunti, nonostante la differenza di età e di velocità a favore del francese – ma con il fattore esperienza tutto dalla parte del muro italiano – mentre il brasiliano ex Barcellona è stato probabilmente il migliore in campo, con due assist forniti al Pipita in occasione di entrambi i goal ed una prova di maturità e di caratura internazionale – motivo per il quale è stato acquistato in estate.

Il dubbio di Allegri è questo: riproporre la stessa formazione che ha fatto così bene nel principato o tornare all’ormai canonico 4-2-3-1, con Dani Alves rispostato sulla linea difensiva e Cuadrado nel trio di trequartisti? La prestazione fornita dal colombiano nel derby dovrebbe aver sciolto il nodo. L’ex Fiorentina è stato il peggiore in campo, forse scosso dalla panchina contro il Monaco: spesso ha cercato la giocata forzata, senza però mai trovare il guizzo giusto, subendo anche qualche fischio dalla tribuna, oltre che diversi urlacci da parte di Allegri.

L'assist di tacco di Dani Alves per lo 0-1, www.talkingbaws.com
L'assist di tacco di Dani Alves per lo 0-1, www.talkingbaws.com

C’è poi da sfruttare lo stato di grazia di Dani Alves, entrato in forma proprio nella fase cruciale della stagione e capace di offrire quel mix di qualità e quantità necessario per imporsi a livello europeo, lui che sa esattamente come si fa a vincere quella Coppa che manca dal 1996 in casa Juventus.

Inoltre, la BBC è una certezza granitica: i tre difensori italiani, guidati da capitan Buffon, hanno dimostrato più volte di essere quasi invalicabili e si sa che nel calcio, se non subisci goal, magari non vinci, ma sicuramente non perdi, ed è ciò che serve ai bianconeri nella gara dello Juventus Stadium, dove il Monaco sarà obbligato ad impostare una gara offensiva, alla ricerca delle 3 reti che servono ai monegaschi per provare la clamorosa rimonta.

La maggior parte del lavoro è stato fatto al Louis II con lo 0-2 conquistato in terra di Francia, il resto lo diranno i 90 minuti di Torino, con un solo obiettivo, ben chiaro: accedere all’atto finale di Cardiff, per quella che sarebbe la seconda finale negli ultimi tre anni.


Share on Facebook