Juve, il bilancio della tournée è positivo

Si chiude con una vittoria ai rigori contro la Roma la tournée americana per i ragazzi di Allegri. Ottime risposte sul campo: Marchisio e Alex Sandro super, bene Dybala, Rugani e De Sciglio.

Juve, il bilancio della tournée è positivo
Juve, bilancio tournée | Foto: @khaledalnouss1

Si è conclusa ieri la spedizione a stelle e strisce per la Juventus di Massimiliano Allegri. Una dozzina di giorni trascorsi sul suolo americano con tre test piuttosto probanti che hanno impegnato l'intera carovana e mostrato uno spettro abbastanza chiaro sullo status di forma dei giocatori. Barcellona, Paris Saint-Germain e Roma: un trittico di grandi sfide passando dalle città di New York, Miami e Boston. Il bilancio, in termini sportivi, è positivo con due vittorie - di cui una ai rigori - e una sconfitta. 

Da prendere come campione d'esame è soprattutto il match contro i giallorossi di Di Francesco, disputato ieri al Gillette Stadium di Foxborough. Una prestazione davvero soddisfacente secondo Allegri, specialmente nella prima ora di gioco con l'assetto principe (4-2-3-1) in campo e i componenti già dotati di un'ottima intesa. L'unico volto nuovo a scendere sul manto erboso è quello di Mattia De Sciglio, schierato terzino destro alle spalle di Cuadrado. La coppia difensiva è formata dal rientrante Rugani e l'inossidabile Benatia, alla terza consecutiva da titolare nell'ICC. Marchisio scalza Khedira affiancando Pjanic mentre la fascia sinistra è ancora di proprietà Sandro-Mandzukic. Dybala-Higuain in avanti. 

Un super Marchisio in contrasto | Foto: gazzetta.it
Un super Marchisio in contrasto | Foto: gazzetta.it
(4-2-3-1): Buffon; De Sciglio, Benatia, Rugani, Alex Sandro; Pjanic, Marchisio; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. 

A due settimane dalla prima partita ufficiale contro la Lazio che assegnerà la Supercoppa Italiana, i segnali sono estremamente positivi sia dal punto di vista fisico che da quello tecnico-tattico. Allegri ribadisce a più riprese da tempo la necessità di migliorare tecnicamente, nella gestione del pallone e nella sua circolazione. Nella fase di non-possesso, è evidente la volontà di avere una Juventus più alta, più aggressiva e intenta al recupero alto della sfera. Nei 60' iniziali, nonostante qualche sbavatura difensiva, i bianconeri dominano il campo. Da sottolineare con l'evidenziatore due nomi: Claudio Marchisio e Alex Sandro

Il centrocampista è finalmente tornato ai suoi livelli dopo un anno trascorso tra alti e bassi nel lento recupero dall'infortunio. Dopo aver siglato la doppietta decisiva nella gara contro il PSG, Marchisio offre una performance fatta di sostanza, gamba, eleganza e intelligenza. Sempre al posto giusto al momento giusto, il numero 8 pare aver superato momentaneamente Khedira nelle gerarchie, più indietro nella condizione fisica. Alex Sandro, invece, cresce vertiginosamente giorno dopo giorno: lo strapotere fisico unito alle sue qualità tecniche lo rendono una montagna insormontabile per gli avversari. Ieri ha messo a ferro e fuoco la retroguardia giallorossa, costantemente rimasta sotto la pressione del brasiliano. E' lui ad illuminare la strada a Mandzukic per il goal del vantaggio con un filtrante eseguito con il contagiri. 

Ottime le prove di Rugani - con soli tre giorni di lavoro alle spalle - e De Sciglio, sempre ordinato e pulito negli interventi. Non fa notizia, invece, Paulo Dybala che delizia il pubblico con il suo repertorio fatto di tunnel nello stretto (vs Nainggolan) e sterzate che spaccano in due la difesa. I palloni sbagliati dalla Joya durante il pomeriggio di Foxborough si assestano attorno allo zero. Imprendibile per i difensori ancora in condizione precaria.

Bernardeschi in azione | Foto: @khaledalnouss1
Bernardeschi in azione | Foto: @khaledalnouss1
(4-3-3): Pinsoglio; Lichtsteiner, Barzagli, Chiellini, Asamoah; Khedira, Bentancur, Sturaro; Bernardeschi, Kean, Douglas Costa. 

Nella Juve/2 che scende in campo nella mezz'ora finale ci sono quattro facce nuove: il terzo portiere Pinsoglio, Bentancur, Douglas Costa e Bernardeschi. Debutto assoluto per il numero 33, schierato esterno destro nel 4-3-3 disegnato da Allegri. Nella prova generale di squadra che fa uscire tutte le difficoltà per un modulo e un'intesa certamente non al top, spiccano la generosità difensiva di Bernardeschi, il grande senso della posizione di Bentancur e la fisicità disarmante del giovanissimo Kean. Con le pile scariche ormai Lichtsteiner e Barzagli che faticano a stare dietro ai giovani della Roma, la rete del pareggio di Dzeko si sviluppa proprio su quel settore. 

Nella lotteria dei rigori vincono i bianconeri con un grande Pinsoglio tra i pali che neutralizza il primo tiro di Tumminello e Douglas che realizza il quinto penalty decisivo. Una tournée positiva con ottime indicazioni su cosa c'è di buono e cosa bisogna lavorare per arrivare pronti all'appuntamento con la nuova stagione. Il prossimo e ultimo test amichevole è in programma sabato a Wembley contro il Tottenham di Pochettino. Una partita di prestigio che farà le prove generali in vista della Lazio, primo scoglio di un'annata che si preannuncia ricca di insidie.


Share on Facebook