Juventus, le parole di Allegri e Dybala dopo la vittoria sul Cagliari

Il tecnico è soddisfatto del risultato ma tiene alta la tensione, l'argentino è stato il grande protagonista del match.

Juventus, le parole di Allegri e Dybala dopo la vittoria sul Cagliari
Dybala dopo il goal | www.calciomercato.com

Soddisfatto, ma con la convinzione che di strada da fare ce ne sia ancora tanta. Massimiliano Allegri commenta così la vittoria per 3-0 contro il Cagliari nella prima giornata del nuovo campionato di Serie A: "Considerando che siamo all'inizio i ragazzi sono stati bravi. Abbiamo tenuto meglio nel secondo tempo, però era importante vincere per continuare a lavorare con serenità. Ci sono stati episodi in cui abbiamo sofferto, ma all'inizio la brillantezza manca e non è facile". Per la prima volta mancava Leonardo Bonucci: "I nostri difensori hanno qualità. Non hanno i lanci lunghi di Leo, ma hanno fatto una buona partita".

C'è stata anche l'occasione di vedere il VAR all'opera per la prima volta: "Ho aspettato la decisione. Non commentavo gli episodi prima e non li commento ora con il VAR. Quel minuto bisognerebbe sfruttarlo come un time-out nel basket". Si sono visti due nuovi acquisti, Matuidi e Douglas Costa: "In mezzo possiamo giocare sia a due che a tre, dipenderà dalle partite. Costa ha qualità e dà ampiezza alla squadra, quando si adatterà sarà importante".

Infine, un pronostico su come andrà la stagione: "Il Napoli l'anno scorso ha fatto il suo record di punti, così come la Roma. Il Milan ha cambiato tanto, mentre l'Inter aveva già qualità la scorsa stagione e con Spalletti ha trovato un allenatore che fa rendere al massimo le sue squadre. Una fra noi e queste quattro sarà la vincitrice".

Anche Paulo Dybala, grande protagonista del match, ha commentato la gara al fischio finale ai microfoni di Sky Sport e di Premium Sport: "Dovevamo cominciare così: vincere e non subire goal. Abbiamo iniziato così e così, poi siamo stati bravi a cambiare. C'è ancora da migliorare, ma sono contento". Questa è stata la sua prima partita in Serie A con la maglia numero 10: "Non è facile portarla visti i grandi giocatori che l'hanno fatto in passato,però io cerco di fare il meglio e sono contento della mia prestazione oggi". Nel finale, con l'uscita di Higuaìn, Allegri ha spostato la Joya come prima punta del tridente: "Pensavo andasse Mandzukic davanti, ma anche a Palermo ho giocato lì e mi trovo bene".