Youth League - Perez stende la Juve nel finale: 1-0 Barcellona

I giovani bianconeri se la giocano alla pari per 85 minuti, poi una magia dell'attaccante batte Del Favero. Nel finale espulso Kulenovic. Buona prova per i ragazzi di Dal Canto.

Youth League - Perez stende la Juve nel finale: 1-0 Barcellona
Fonte immagine: Twitter @JuventusFCYouth
Barcellona U19
1 0
Juventus U19
Barcellona U19: (4-3-3) - Pena; Mateu, Chumi (70' Mingueza), Cuenca, Miranda; Puig, Busquets, Monchu; Sergio Gomez (82' Fernandez), Ruiz, Collado (46' Perez). All. Gabri
Juventus U19: (4-3-1-2) - Del Favero; Kameraj, Zanandrea, Vogliacco, Tripaldelli; Nicolussi (75' Portanova), Toure, Di Pardo; Fagioli (66' Montaperto); Olivieri, Campos (59' Kulenovic). All. Dal Canto
SCORE: 84' Perez (B)
ARBITRO: Kristoffersen (Danimarca). AMMONITI: Cuenca, Sergio Gomez (B), Olivieri, Di Pardo, Portanova, Kulenovic (J). ESPULSO: 90+2' Kulenovic (J).
NOTE: Giornata 1 del gruppo D di Youth League 2017/18. Calcio d'inizio ore 16.00 al Mini Estadi di Barcellona.

Non comincia con il piede giusto l'avventura della Juventus Primavera nella Youth League 2017/18. Al Mini Estadi passa infatti il Barcellona, che vince 1-0 grazie ad una rete di Carles Perez, subentrato all'intervallo, e si prende i primi tre punti nel gruppo D. Buona prova per i bianconeri, che se la giocano alla pari e vengono battuti soltanto da una magia del classe 1998.

I ragazzi di Dal Canto, in campo con il classico 4-3-1-2 con Campos e Olivieri in avanti - panchina a sorpresa per Kulenovic e Portanova, a cui vien preferito Nicolussi -, approcciano bene la partita, con un pressing alto molto efficace che costringe i padroni di casa a faticare in impostazione; i blaugrana cercano invece la profondità per pungere, si difendono bene i giovani bianconeri. Al quarto d'ora il primo squillo del match, con un sinistro di prima di Di Pardo che sorvola il montante. Bravo nell'occasione Olivieri a difendere palla e servire il proprio numero otto, impreciso in fase di conclusione. Stenta a decollare la partita, piuttosto equilibrata ma con poche occasioni. Del Favero corre il primo brivido dopo 33 minuti, quando Sergio Gomez gira di testa un cross di Miranda, senza inquadrare lo specchio. Più precisa è invece una conclusione di Olivieri al termine di una fuga in contropiede, la posizione defilata non lo aiuta e Pena para in presa. L'ultimo sussulto del primo tempo è a firma di Miranda, nuovamente di testa, stavolta su suggerimento di Monchu da piazzato: palla fuori per una questione di centimetri.

Nella ripresa continua a crescere il Barcellona, pericoloso ancora con Monchu - destro alto da buona posizione - e più propositivo anche con iniziative dei singoli. Inizia a mettersi presto in luce Carles Perez, che apre con una percussione seminando il panico nella difesa di Dal Canto, la quale in qualche modo se la cava. Ad un quarto d'ora dal termine, la Juve ha l'enorme chance per il vantaggio: Olivieri si mangia il contropiede dopo un rimpallo sbagliando il tocco sotto e Kulenovic, subentrato a Campos, manca la deviazione decisiva da due passi. I bianconeri pagano carissimo l'errore, perchè dopo aver sbrogliato altre due situazioni difficili, all'84' vanno sotto: Perez parte da destra, si accentra e fa partire un sinistro che si insacca sul primo palo, con Del Favero immobile. 1-0 Barcellona.

La Juve si riversa in avanti alla ricerca del disperato pareggio, un paio di deviazioni mettono i brividi a Pena, che se la cava. Ancora uno scatenato Perez da fuori area prova a chiudere la partita in contropiede, calciando però oltre la traversa da ottima posizione. Poco importa, perché i tre punti se li prende comunque il Barça. Dal Canto torna a Torino con una sconfitta, ma buone sensazioni.