Diretta partita Lazio - Sampdoria, risultati live Serie A

Diretta partita Lazio - Sampdoria, risultati live Serie A
Lazio
3 0
Sampdoria
Lazio: (4-3-3) : Marchetti; Basta, de Vrij, Cana (46° Cavanda), Radu; Parolo, Biglia, Lulic (49° Onazi); Felipe Anderson, F.Djordjevic, S.Mauri. (77° Candreva) Panchina: Berisha, Strakosha; Konko, Novaretti, Bruno Pereirinha; C.Ledesma, Cataldi; Keita, Klose. Allenatore: Pioli.
Sampdoria: (4-3-1-2) : Viviano; Cacciatore; Romagnoli, Gastaldello, Regini; Rizzo (46° Wszolek), Palombo, Obiang (67° Bergessio); Soriano; Eder (73° Duncan), Okaka. Panchina: da Costa, Romero; Fornasier, Silvestre; Krstitc, Marchionni; Fedato, G.Sansone; L.Djordjevic
SCORE: 1-0, min.37, Parolo (L), 2-0, min.40, Felipe Anderson (L), 3-0, min.65, Djordjevic (L)
ARBITRO: Calvarese ammonisce Gastaldello (S) al 17°, Cana (L) al 45°, Basta (L) al 54°, Soriano (S) al 64° Assistenti: Meli e Gallone.
NOTE: 05 gennaio 2015, ore 20.45. Dallo Stadio Olimpico di Roma, 17^Giornata della Serie A.

22.53 - E da Vavel Italia, Vincenzo Esposito ed Antonello Angelillo questo è tutto. Buonanotte

Nelle ultime cinque gare, compresa la Coppa Italia, cinque gol e quattro assist. Momento d'oro per lui. Per Djordjevic ottavo gol stagionale e 7° in A ( a secco da 5 gare). Per Parolo 4° gol in stagione e 3° in questa A. 

Torna alla vittoria la Lazio che si era fermata sul 2-2 contro l'Inter dopo due vittorie con Atalanta e Parma. Per Pioli 5° risultato utile di fila e 10 gol segnati (contro i 3 subiti) nelle ultime quattro. In casa sesta vittoria in otto gare. I bianconcelesti si issano solitari al terzo posto a quota 30 (-6 dalla Roma, seconda, che deve giocare domani e con cui ci si giocherà il derby nel prossimo weekend) in attesa che domani il Napoli possa rispondere e riagganciare la terza piazza. Per la Samp seconda sconfitta in questa Serie A. Preoccupa l'andazzo dei blucerchiati che hanno rallentato: una vittoria nelle ultime sei e che non vanno più forte come ad inizio stagione. Domani Genoa e Milan possono superarli.

Questa la classifica:

Finisce qui. La Lazio trionfa 3-0 sulla Sampdoria in uno scontro diretto per l'Europa. Prestazione da manuale del calcio da parte di Felipe Anderson, autore di due assist magistrali e di un gol da pura. Si chiude tutto nel primo tempo, quando il brasiliano apparecchia i primi due gol (il primo è di Parolo). Il terzo nel secondo tempo con Djordjevic che torna al gol dopo un digiuno che durava dalla trasferta di Empoli. 

A fine gara Mihajlovic è andato ad abbracciare tutti i suoi ed a consolarli. Anche per il sergente Sinisa questa sconfitta è da lenire con carezze e non con altrischiaffoni.

90° -  Tre inutili minuti di recupero. Una Lazio perfetta si appresta a chiudere la gara con un sonoro 3-0. Mini chance per Okaka intanto su assist di Bergessio, voglioso di mettersi in mostra

86° - Buonissima azione personale di Soriano che da solo e senza supporto da parte dei compagni cerca e trova un break centrale per poi sbattere contro il muro della difesa avversaria

85° - Non smette pià di provarci Felipe Anderson che tenta un altro tiro: stavolta prova il tiro a giro sul secondo sul quale la Lazio guadagna un angolo

82° - Soriano prova a servire Okaka che da fuori area prova a portarsi la palla verso vie centrali e sparare in porta. Palla alta. 

81° - Era andata in rete la Sampdoria. Peccato Bergessio, autore della sponda per Cacciatore su punizione di Palombo, fosse in fuorigioco. Questa sarà la seconda sconfitta in questo campionato per la Samp.

80° - Partita terminata da un quarto d'ora abbondante. Mihajlovic comprensibilmente scuro in volto. Ritmi ora bassi e squadre che rientrerebbero negli spogliatoi molto volentieri già adesso

77° - Ultimo cambio anche nella Lazio: ritorna in campo Candreva ed esce Stefano Mauri.

73° - Terza ed ultima sostituzione per Mihajlovic: fuori Eder e dentro Duncan. Vedremo se continuerà ad essere 4-4-2/4-2-4 o si passerà al 4-3-1-2 con Wszolek dietro Bergessio ed Okaka

La reazione di Obiang alla sostituzione

Il 3-0 di Felipe Anderson

67° - Secondo cambio nella Samp che sostituisce Obiang con Bergessio passando al 4-2-4 con Eder e Wszolek larghi a supporto di Bergessio ed Okaka. Durante l'uscita dal campo Obiang scalcia nervosamente un borsone

65° - FELIPE ANDERSON ANCORA MANDA IN VISIBILIO L'OLIMPICO. TUTTI IN PIEDI PER FELIPEEEEEEEEEEEE. MESSA PER L'ENNESIMA VOLTA A FERRO E FUOCO LA FASCIA DESTRA, ANDERSON METTE IN MEZZO PER DJORDJEVIC CHE FIRMA IL 3-0. 7° GOL PER IL CENTRAVANTI MA FELIPE ANDERSON HA DAVVERO SCARTATO UN'ALTRA VOLTA TUTTI.

64° - Seconda ammonizione per la Samp: giallo a Soriano che atterra in maniera scomposta Biglia.

63° - Ancora nessuna azione offensiva degna di nota da parte doriana. Okaka continua a far a sportellate senza combinare nulla di buono

54° - Guess what?! Felipe Anderson si beve ancora i difensori della Sampdoria e cerca ancora la conclusione con poco specchio. Fuori pericolo Viviano. Intanto sul contropiede fermato Eder fallosamente: giallo per Basta

50° - Repentino cambio di fronte. Sventagliata di Onazi che finisce per servire Djordjevic, che giova di un'uscita maldestra di Viviano per cercare la conclusione a porta sguarnita. Romagnoli sulla linea mette in angolo

49° - Ecco il cambio: fuori uno scuro in volto Lulic e dentro Onazi. Tatticamente cambia poco o nulla

48° - Prima di lasciare il campo Lulic soffia la palla a Palombo e si invola in contropiede sulla destra. Tiro di Lulic troppo potente e largo. Out.

47° - Potrebbe esser costretto ad un'altra sostituzione prematura Pioli, che rischia di perdere Lulic, zoppicante. Si scalda Onazi. Intanto altro sprint ed altro tiro per Felipe Anderson. Palla semplice per Viviano 

46° - Partito il secondo tempo

21.49 - Nella Lazio dentro Cavanda per Cana, che non stava bene. Il belga si posizionerà terzino sinistro con Radu difensore centrale. Nella Samp dentro Wszolek per Rizzo: Soriano si abbassa e si passa al 4-3-3 in casa blucerchiata

21.48 - Mentre le squadre rientrano in campo si sussurrano due cambi

21.37 - Un primo tempo dominato dalla Lazio finisce 2-0 in favore dei biancocelesti. Prestazione mostruosa di Felipe Anderson che ci mette 37 minuti prima di dare senso alle sue accelerazioni che fino ad allora lo avevano messo in luce solo per l'estetica delle sue azioni ma non per la loro efficacia. L'ex Santos prima sforna l'assist decisivo per Parolo e poi abbatte Viviano per scrivere 2-0 sul tabellino. La Samp è finora autrice di una prestazione negativa e senza acuti 

Il poderoso 2-0 di Felipe Anderson

L'1-0 di Parolo

45° - Primo giallo del 2015 per Cana che esce ed entra a forbice su Rizzo. E meno male che si era appena rialzato. Intanto niente recupero e la Lazio va al riposo sul 2-0

43° - Arriva la prima brutta notizia della serata laziale. Si accascia Lorik Cana che fatica a rialzarsi. Unico centrale puro a disposizione in panchina Novaretti. Out Ciani e Gentiletti

40° - FELIPE ANDERSON SCENDE A DOMINAREEEEEEEEEEEEEE, 2-0 LAZIO. UN BOLIDE DEL BRASILIANO CHE PUNISCE VIVIANO CON UNA SASSATA DI ESTERNO. LA LAZIO VA DOPPIAMENTE IN VANTAGGIO. FELIPE ANDERSON SI PRENDE L'ITALIA. CHE GIOCATORE

37° - LAZIO MERITATAMENTE IN VANTAGGIO. HA SEGNATO AL 37° PAROLOOOOOOOOO. TERZO GOL STAGIONALE PER L'EX PARMA CHE RICEVE DA FELIPE ANDERSON, SPOSTATOSI GIUSTO IN TEMPO PER FARE L'ASSIST SULLA FASCIA SINISTRA. PALLA IN MEZZO E TAGLIO A RIMORCHIO FACILE FACILE DI PAROLO. 1-0 ED ENNESIMA GIOCATA DI FELIPE ANDERSON CHE PRIMA DI CROSSARE AVEVA SALTATO GASTALDELLO

32° - Buona trama biancoceleste sulla trequarti avversaria. Felipe Anderson e Mauri, entrambi in posizione centrale, scambiano prima che il secondo azioni Lulic, libero di scendere sulla sinistra. Il cross al volo del bosniaco non è nulla di ché

29° - Biglia effettua un filtrante tagliato verso il primo palo per Djordjevic che con un tacco attiva de Vrij. L'olandese prova la conclusione ravvicinata ma viene disturbato e mette solo fuori

28° - Altro angolo per la Lazio: Viviano allontana la sfera quando è già uscita. Sampdoria inerme nella prima mezzora di gara

26° - Ancora Felipe Anderson contro tutti. Il vecchio compagno di Neymar fa ballare la samba a Regini e poi mette in mezzo. Djordjevic non è efficace, Viviano in uscita sì.

23° - Tutto il talento di Felipe Anderson che in velocità fa ammattire la difesa blucerchiata. Nulla di fatto sul prosieguo dell'azione 

22° - Grande occasione per la Lazio: palla vagante per errori difensivi nei pressi dell'area Samp. Ci si avventa Djordjevic, frenato da un'uscita tempestiva di Viviano che lo rallenta e disinnesca l'occasione da gol

20° - Basta quasi Biglia per far gol però! Grande punzione dell'argentino che costringe Viviano ad una bella parata. Sarò ancora angolo, il quarto, per la Lazio. Nessun pericolo per la Samp che però riparte in contropiede e deve fermarsi ancora: altro fuorigioco di Okaka

18° - Forse esagera nell'egoismo ma Felipe Anderson, alla fine, ha ragione. Strappo centrale, un paio di dribbling e volata verso la porta. Solo un fallodi Gastaldello, sanzionato con un giallo da parte di Calvarese, ferma l'ex Santos. Punizione per la Lazio da posizione invitante. E la curva della Lazio fa partire un coro :" Se tira Sinisa fa gol". Il tecnico serbo ringrazia i suoi ex tifosi

17° - Ecco come ha battuto il calcio d'inizio la Sampdoria

16° - Biglia batte un calcio d'angolo per la Lazio. L'azione trova il suo picco di pericolosità poco più tardi però, quando un cross dalla destra costringe Viviano all'uscita in presa sicura. Sul ribaltamento la Samp fatica ancora ad avviare l'azione

13° - Mihajlovic chiede a Soriano di smarcarsi di più. Intanto Djordjevic compie fallo su Palombo cercando di interrompere le operazioni iniziali di avvio manovra doriana

12° - Conclusione da fuori e da molto lontano Radu. Palla che finisce alta. 

8° - Prova a mettere il muso fuori la Samp. Eder, dal limite dell'area, serve con uno scavetto Okaka, leggermente più avanzato rispetto alla difesa avversaria. Il guardalinee segnala fuorigioco. 

7° - Sul primo angolo della gara Viviano esce in tuffo e respinge il traversone della Lazio. 

- E' ancora Felipe Anderson il più attivo. Il brasiliano prova a tagliare verso l'esterno ed al contempo di servire Djordjevic in direzione contraria. I due però non si capiscono

4° - Protesta per un fallo non assegnato la Lazio, più propositiva della Samp in questo avvio. Nel replay però è chiaro come Regini, in scivolata, colpisca la palla e non Felipe Anderson

1° - Felipe Anderson prova a partire in quinta. Troppo fermo però il brasiliano quando prova ad indirizzare un tiro senza capo né coda in porta. Palla per il rinvio a Viviano

0' - La Samp fa partire dalla linea di metà campo ogni suo giocatore di movimento al calcio d'inizio, in modo da prendere subito possesso della metà campo avversaria. Tuttavia la sventagliata per Eder, proveniente dalla fascia sinistra, non ha effetto

20.47 - Battera il calcio d'inizio la Sampdoria. Tutto pronto, Calvarese fischia e la partita comincia. 

20.45 - Ecco l'ingresso in campo, le strette di mano ed in vari convenevoli. Capitani saranno due veterani come Mauri e Gastaldello.

20.42 - Le due squadre stanno arrivando nell'area antistante al campo. Si abbracciano Gastaldello e Parolo

20.25 - Tare: "Non so se davvero Hoedt ha chiesto all'Az di essere ceduto. Se l'ha fatto vuole dire che gli piace l'idea di giocare qui."

20.19 - Viviano: "La situazione è semplice: mi son fatto male, lui (Romero, n.d.r.) ha giocato bene al mio posto ma ora torno titolare. Naturalmente bisogna lavorare tosto sempre."

20.13 - Osti: "Cambio di modulo? Vediamo in base alle caratteristiche dei giocatori a disposizione. Muriel da noi? Più giusto pensare al calcio giocato. Di lui si è parlato tanto. Sì ci piace ma non piace solo a noi".

20.10 - Ecco invece la panca della Sampdoria: da Costa, Romero; Fornasier, Silvestre; Duncan, Krstitc, Marchionni; Fedato, Wszolek, G.Sansone; Bergessio, L.Djordjevic (omonimo di quello laziale)

20.07 - Djordjevic: "Io e Klose fermi da un po'? Non importa chi segna ma fare punti. La concorrenza con Klose? Noi lavoriamo bene ogni giorno per aiutare la squadra".

20.07 - Marchetti e Biglia i diffidati che nel caso di cartellino giallo salteranno il derby di Roma nel weekend. Pioli non ha paura e li schiera entrambi

20.07 - La panchina della Lazio: Berisha, Strakosha; Konko, Cavanda, Novaretti, Bruno Pereirinha; Onazi, C.Ledesma, Cataldi; Keita, Candreva, Klose

20.06 - Ecco l'Olimpico che va via riempiendosi

20.02 - Ecco invece la formazione della Sampdoria. Con De Silvestri ancora infortunato a destra si piazza Cacciatore. Al centro della difesa Romagnoli-Gastaldello con panchina per Silvestre. A sinistra Mesbah impegnato in Coppa d'Africa: a correre sulla fascia mancina ci sarà Regini. In mezzo al campo gli esclusi sono Duncan e Krstitic: i titolari saranno Rizzo, Palombo ed Obiang più Soriano dietro Eder e Okaka, orfani della terza punta del tridente, Gabbiadini, passato al Napoli. In porta torna titolare Viviano che scalza Romero.

19.58 - Resi ufficiali i 22 titolari di stasera. Partiamo dalla Lazio che recupera sì Candreva ma anche Biglia, che va a rivendicare il posto di regista centrale. Ledesma in panchina. Candreva invece non riesce a far suo il ruolo di ala destra che prima dell'infortunio non era masi stato messo in discussione. Ora lì c'è Felipe Anderson, confermato stasera, con Djordjevic e Mauri a completare il tridente. I compagni di Biglia in mezzo invece saranno Lulic e Parolo. Dietro solo conferme: Basta-Cana-de Vrij-Radu.

19.52 - I due bomber sul palco stasera messi a confronto

19.51 - Duncan spera di cominciare l'anno in maniera vincente.


19.51 - I giocatori della Samp testano il terreno di gioco

19.45 - Buona sera e benvenuti da Vavel Italia alla diretta scritta live ed online di Lazio Sampdoria, incontro valevole per la 17^ giornata di Serie A. Allo Stadio Olimpico di Roma va di scena uno dei match più interessanti della 17^giornata: appaiate al terzo posto insieme al Napoli, Lazio e Sampdoria si sfidano per non rinunciare a quel sogno chiamato Champions League.

La Serie A riapre i battenti alla vigilia della Befana con una sfida che ha il sapore di Champions League. Lazio e Sampdoria, terze a pari merito con il Napoli, si sfidano sul terreno di gioco dell'Olimpico, consapevoli che devono dimenticare il panettone e le feste al più presto e rituffarsi il prima possibile con la testa al campionato: infatti la gara di stasera può significare tanto per entrambe le compagini. Conquistare tre punti sarebbe il modo perfetto per arrivare al derby di domenica prossima per i biancocelesti; per il blucerchiati sarebbe invece la giusta iniezione di fiducia per chiudere alla grande il girone d'andata.

Lazio - Pioli ha recuperato Biglia  e Candreva ma, con tutta probabilità, ci sarà soltanto panchina per il Nazionale azzurro e per quello argentino. Al loro saranno schierati loro l'uomo del momento, Felipe Anderson, e la certezza Cristian Ledesma, che sarà affiancato in mediana da Parolo e Lulic. Marchetti guiderà la stessa difesa vista a San Siro contro l'Inter con Basta e Radu sulle fasce e con la coppia de Vrij-Cana al centro. Nel tridente, invece, si rivede Filip Djordjevic. Il serbo è chiamato ad una prova di forza, il gol manca da troppe giornate. La pancia è vuota, la fame tanta.

(4-3-3) - Marchetti; Basta, de Vrij, Cana, Radu; Parolo, Ledesma, Lulic; Felipe Anderson, F. Djordjevic, Mauri.

Sampdoria - Gara equilibrata, che probabilmente verrà decisa dagli episodi e da disattenzioni: sono queste le premesse dello scontro tra Lazio e Samp e proprio per questo motivo il tecnico serbo si affiderà ai suoi uomini migliori per affrontare l'insidiosa onda biancoceleste. Ma lo dovrà fare con un Gabbiadini in meno, già da ieri nuovo acquisto del Napoli. La mentalità combattiva non cambierà, il modulo forse passando dal solito 4-3-3 ad un 4-3-1-2 già visto a Torino ed in altre uscite. Il posto dell'ex mancino doriano verrà preso da Soriano dietro le due punte, che saranno Eder ed Okaka.  Davanti alla solita linea a quattro, il centrocampo composto da Palombo, Obiang e Rizzo è il giusto mix di velocità, tecnica e grinta. In difesa, a difendere Viviano, ci saranno Cacciatore (al posto dell'infortunato De Silvestri), Gastaldello, Romagnoli, che dovrebbe vincere il ballottaggio con Silvestre, e Regini. 

(4-3-1-2) - Viviano; Cacciatore, Gastaldello, Romagnoli, Regini; Rizzo, Palombo, Obiang; Soriano; Eder, Okaka. 

Pioli

Terzo posto come proposito del nuovo anno? "L'assoluta volontà di mantenere la posizione, l'abbiamo meritata, dovremo continuare a farlo".
Gennaio chiarirà il tipo di campionato della Lazio? "Le prossime gare sono gare importanti, la prossima però è la più importante. Vogliamo dimostrare di meritare il terzo posto, di essere all'altezza e di portare a casa la vittoria".
Il calciomercato può cambiare gli equilibri? "Non lo so, io il mercato lo vivo bene. C'è, siamo dei professionisti e siamo abituati a queste situazioni. ogni squadra ha fatto le proprie valutazioni, ha parlato con la società e ho detto ciò che serve". 
Ci sono dei diffidati, sceglierà la formazione anche in base a questo? "Conta solo la Sampdoria, quella di domani è la più importante. Vedrò la condizione dei giocatori e alle loro caratteristiche. Sono tranquillo perché so che chi sarà scelto sarà pronto. La squadra sta bene". 
Candreva e Biglia come stanno? "Sono a disposizione, hanno lavorato con noi dal 30 dicembre. Stanno bene, arrivano da un periodo di inattività. Credo che stiano bene, hanno bisogno del ritmo partita. Sono contento di avere ampie scelte, non saranno facili però la squadra è pronta. Sono tranquillo nel prendere le decisioni, abbiamo tante soluzioni nel reparto offensivo".  

La Samp la sorpresa della stagione? "Sì, per quanto riguarda la Lazio invece sono sempre stato fiducioso. E' una gara importante, abbiamo meritato finora questa posizione, faccio un invito ai tifosi: venite numerosi, dateci una spinta, prima del derby c'é la Sampdoria. Poi dalle 23 di domani cominceremo a pensare il derby". 
Felipe Anderson? "Sta bene, le ultime prestazioni gli hanno dato fiducia. Come dice lui deve continuare a lavorare a testa bassa, credo abbia ancora ampi margini di miglioramento". 
Contro il Carsoli ha utilizzato anche il 4-2-3-1. Può riproporlo? "Una volta che la squadra ha assimilitato i dettami tattici, è giusto anche avere altre possibilità. Abbiamo tanti giocatori forti davanti, questa è una soluzione che ce ne farebbe impiegare uno in più". 
Ha cambiato posizione a Felipe Anderson? La sosta quanto può cambiare la condizione fisica delle squadre? "Non credo di aver cambiato il ruolo a Felipe. Nel calcio moderno non bisogna dare dei punti di riferimento, bisogna muoversi tutti insieme. Non c'è solamente Felipe, sicuramente è in un ottimo momento, ma ho tanti giocatori di qualità che possono permetterci la giocata individuale e di battere anche le difese schierate. La sosta è stata breve per tutti, non credo possa spostare dal punto di vista fisico la situazione. Ci ripresentiamo in buone condizioni, poi la parola finale dovremo darla domani sera".

Mihajlovic 

"E' una partita importante, siamo entrambi al terzo posto. Loro, per l'organico che hanno, non sono una sorpresa, noi un po' di più. Andremo a Roma per giocarcela. Dopo la sosta vincono quelle squadre che riescono prima a resettare il cervello. In questi giorni ci siamo allenati bene, sono fiducioso. I ragazzi li ho trovati bene, alcuni abbronzati, altri meno, ma tutti carichi. Penso che stiamo bene di testa. Abbiamo alcuni problemi, alcuni li abbiamo risolti, altri speriamo di risolverli in giornata. Viviano? Fisicamente sta bene. De Silvestri ha un problemino al flessore."
"Domani vi sorprenderò con due o tre cose in formazione. Su undici titolari saranno almeno tre le sorprese. In porta? Viviano... Non rischierò De Silvestri."

"Io spero di vincere, anzi se vinciamo posso dare ai ragazzi due giorni liberi. Se perdiamo, niente più giorni liberi. Klose o Djordjevic? Uno vale l'altro, anche se sono affezionato a Djordjevic che avevo chiamato in nazionale."
"Ci vogliamo rinforzare, non indebolire. Dipenderà anche dal mercato degli altri, vedo che si stanno rinforzando e se vogliamo mantenere la classifica dovremo farlo anche noi. Con i nostri obiettivi possiamo migliorare la rosa del 10-15%. Anche Sansone va a Bologna, ora sto parlando con Fedato e con Wszolek, giocatori che hanno offerte. Ma dobbiamo anche prendere qualcuno."
"Vedendo che Gabbiadini se ne va, spero di avere presto qualcuno al suo posto. Perdiamo un grande giocatore e un bravo ragazzo, spero che arrivi un giocatore altrettanto bravo, anzi magari più di uno."
"E' un grande motivo di orgoglio, non solo per me ma anche per la società e per i tifosi essere terzi dopo diciassette giornate. Non nascondo di essere un tifoso della Lazio, ma domani vorrei dar loro un dispiacere. Loro sono terzi non per caso, spero che domani sia una bella partita."

Diretta Lazio - Sampdoria

I precedenti: Samp senza successi da 10 stagioni. Sono 52 i precedenti ufficiali a Roma tra Lazio e Sampdoria: in bilancio 29 vittorie biancocelesti (ultima 2-0, nella Serie A 2013/14), 14 pareggi (ultimo 1-1, nella Serie A 2009/10) e 9 successi blucerchiati (ultimo 2-1, nella Serie A 2004/05). Dal giorno dell’ultimo successo sampdoriano - il 23 gennaio 2005 - le due squadre si sono affrontate a Roma, escludendo la finale di Coppa Italia 2008/09, da considerarsi per la Lega Calcio in campo neutro, 8 volte, con 7 successi laziali e il pareggio del campionato 2009/10.

Lazio in gol da 20 gare interne consecutive contro la Sampdoria. La Lazio segna da 20 partite ufficiali consecutive all’Olimpico contro la Sampdoria, sempre escludendo la finale di Coppa Italia 2008/09. Nel periodo i biancocelesti hanno segnato un totale di 43 gol. Ultimo digiuno il 27 agosto 1989, Lazio-Sampdoria 0-2 in Serie A.

Blucerchiati senza gol all’Olimpico, sponda laziale, da 320 minuti. La Sampdoria non segna a Roma, sponda laziale, da 320 minuti. L’ultima rete blucerchiata porta la firma di Pazzini al 40’ di Lazio-Sampdoria 1-1 del 18 ottobre 2009, in Serie A. Poi si contano i restanti 50 minuti di quella gara e le 3 intere dei campionati 2010/11 (1-0 laziale), 2012/13 e 2013/14 (doppio 2-0 biancoceleste).

Negli ultimi 6 anni il Doria ha vinto solo una volta la prima dell’anno. La Sampdoria non digerisce il panettone, stando ai dati recenti. La formazione blucerchiata ha vinto una sola volta nella prima gara dell’anno solare dopo la pausa natalizia, considerati gli ultimi 6 campionati: fu una vittoria storica, 2-1 a Torino sulla Juventus nel 2013. Nelle altre 5 partite del nuovo anno, il bilancio doriano è stato di 2 pareggi e 3 sconfitte.

Alla prima dell’anno le gare di Pioli finiscono 2-0 da 4 stagioni. Quanto finirà Lazio-Sampdoria? Puntiamo sul 2-0, sebbene non si sappia per chi. Le squadre di Stefano Pioli, infatti, sono abbonate a questo punteggio da 4 anni consecutivi nel primo match dell’anno solare. Nel 2011 il suo Chievo perse ad Udine, nel 2012 il suo Bologna vinse sul Catania, nel 2013 il suo Bologna perse a Marassi dal Genoa, l’anno scorso il suo Bologna perse a Catania e Pioli venne addirittura esonerato.

Porta laziale chiusa, in casa, da 206 minuti. La Lazio non subisce gol in casa da 206 minuti in partite ufficiali. L’ultima rete subita risale al 22 novembre scorso, Lazio-Juventus 0-3 in A, autore Pogba al 64’. Poi si contano i restanti 26 minuti di quella gara e le intere contro Varese (3-0 in Coppa Italia) ed Atalanta (3-0 in campionato).

Lazio regina del gol in A con centrocampisti. La Lazio, alla pausa natalizia, è risultata la formazione della Serie A 2014/15 che segna di più - in valore percentualistico - con i centrocampisti: il 64,3% dei gol biancocelesti arriva da questo reparto, esattamente 18 su 28 complessivi. 

Biancocelesti distratti in avvio di ripresa. La Lazio è una delle due formazioni della Serie A 2014/15 che subisce più reti in avvio di ripresa: 7 i gol al passivo dal 46’ al 60’, primato condiviso con il Parma.

Samp ok da 8 gare ufficiali, in cui ha sempre segnato. La Sampdoria ha chiuso il 2014 restando imbattuta nelle ultime 8 gare ufficiali, in cui ha messo insieme 3 vittorie e 5 pareggi. In queste 8 gare la formazione di Sinisa Mihajlovic ha peraltro sempre segnato, con un totale di 15 marcature. Ultima sconfitta e ultimo digiuno in Inter-Samp 1-0 del 29 ottobre scorso.

Le sfide tecniche: Pioli sempre k.o. Sono 2 i precedenti tecnici ufficiali tra Stefano Pioli e Sinisa Mihajlovic: il mister laziale ha sempre perduto, doppio 0-1 in Chievo-Fiorentina della Serie A 2010/11.

Società Sportiva Lazio