Djordjevic e Anderson regalano la vittoria alla Lazio

La squadra di Pioli torna a sorridere, 2-0 sul Genoa di Gasperini che finisce la gara in 9 uomini.

Djordjevic e Anderson regalano la vittoria alla Lazio
Lazio
2 0
Genoa
Lazio: 4-2-3-1): 22 Marchetti; 8 Basta, 33 Mauricio, 18 Gentiletti, 19 Lulic; 32 Cataldi, 16 Parolo; 10 Anderson (37′ st 6 Mauri), 21 Milinkovic (37′ st 7 Morrison), 88 Kishna; 9 Djordjevic (33′ st 14 Keita). A disp.: 99 Berisha, 55 Guerrieri, 2 Hoedt, 4 Patric, 5 Braafheid, 26 Radu, 23 Onazi. All.: Pioli.
Genoa: (3-4-3): 23 Lamanna; 15 Marchese, 8 Burdisso, 4 De Maio; 90 Cissokho, 88 Rincon,7 7 Tachtsidis (1′ st 31 Dzemaili), 93 Laxalt; 10 Perotti (14′ st 11 Figueiras), 18 Ntcham (1′ st 16 Capel,), 21 Pandev. A disp.: 27 Ujkani, 39 Sommariva, 22 Lazovic, 41 Ielardi, 98 Asencio Raul. All.: Gasperini.
SCORE: 2-0 35′ Djordjevic (L), 62′ Anderson (L)
ARBITRO: rbitro: Rizzoli di Bologna. Assistenti: Passeri e Peretti. Quarto Uomo: Musolino. Addizionali: Fabbri e Abisso. Ammoniti: Cataldi (L), Marchese (G), Mauricio (L), Cissokho (G), Gentiletti (L), Milinkovic (L), Figueiras (G). Espulsi: Cissokho (G), Pandev (G)

La Lazio torna a sorridere: la squadra di Pioli riscatta la pesante sconfitta contro il Napoli, vincendo in casa contro il Genoa per 2-0 con le reti di Djordjevic e Felipe Anderson, tornato finalmente sugli straordinari livelli dello scorso anno. La squadra di Gasperini conclude la gara in 9 uomini (espulsi Cissokho e Goran Pandev). Nel primo tempo la sblocca Djordjevic sotto porta, nella ripresa il brasiliano firma il raddoppio con una prodezza delle sue. Viene finalmente sfatato il pluriennale “tabù rossoblu”, (dopo 1593 giorni dall'ultima vittoria laziale) dopo 4 anni di sconfitte la Lazio vince contro il Genoa: la squadra rossoblu è in piena crisi, dopo le sconfitte contro Fiorentina e Juventus, è arrivata anche quella contro la squadra biancoceleste. Domenica, in piena emergenza, ospiterà il Milan di Mihajlovic. 

E' il Genoa a rendersi subito pericoloso: diagonale da fuori area di Rincon che si stampa sul palo. Subito i primi fischi dell' Olimpico per la squadra di Pioli. Ma è ancora Rincon a rendersi pericoloso con una botta da fuori area: diagonale potente ma poco angolato che Marchetti respinge coi piedi. Dall'altra parte la Lazio prova a scuotersi con Felipe Anderson che tenta la conclusione dal limite dell'area. L'impatto col pallone è buono, Burdisso si immola e devia in corner.  La Lazio comincia piano piano a rendersi pericolosa, con Milinkovic-Savic prima e Parolo poi, sfiorano il gol su calcio d'angolo. E al 35' arriva finalmente la rete dei biancocelesti: cross di Lulic, forte e tagliato, la difesa genoana sale troppo  dimenticandosi di Djordjevic che di testa insacca in rete per il vantaggio laziale . Il serbo potrebbe trovare la doppietta pochi minuti dopo su punizione, ma la palla è troppo alta. Sul finire del primo tempo servono i riflessi di Marchetti per neutralizzare il piazzato di Tachtsidis. Finisce 1-0 dopo 45 minuti di gioco

Riprende il gioco, Gasperini cambia le carte in tavola (fuori Tachtsidis e Ntcham, dentro Dzemaili e Cape), ma è sempre la Lazio a fare gioco, con Felipe Anderson, immarcabile, che punta Cissokho e lo fa ammonire due volte in due minuti: al 56' il Genoa si ritrova in 10 uomini. Dopo qualche minuto, la Lazio raddoppia con un eurogol di Felipe Anderson (il migliore tra i suoi): il brasiliano piazza un destro a giro da fuori area. Biancocelesti sopra 2-0, con l'abbraccio con mister Pioli che vale più di mille parole e fa dimenticare mille polemiche. Il Genoa subisce il colpo. Il ritorno di Pandev a Roma è più amaro del previsto: al 40' gomitata a Mauricio, rosso diretto e Genoa in 9. La Lazio ritorna a vincere in campionato. Interrotta la serie infinita di otto vittorie del Genoa. Ritorna a sorridere Pioli e per momento da un calcio alla crisi.


Share on Facebook