Lazio, i dilemmi di Pioli tra squalifiche, infortuni e lo spauracchio Higuain

L'allenatore della Lazio dovrà rinunciare a circa dieci pedine, molte delle quali fondamentali, in vista della sfida di mercoledì sera contro il Napoli all'Olimpico. Si spera in un recupero di Djordjevic, out Parolo, Milinkovic e Matri per squalifica.

Lazio, i dilemmi di Pioli tra squalifiche, infortuni e lo spauracchio Higuain
Lazio, i dilemmi di Pioli tra squalifiche, infortuni e lo spauracchio Higuain

Tra uno sbadiglio ed uno scialbo pareggio in quel di Udine, la Lazio di Stefano Pioli si è ritrovata al centro sportivo di Formello per preparare la sfida di mercoledì sera che vedrà i biancocelesti opposti al Napoli capolista di Maurizio Sarri. Tanti i problemi di formazione ai quali Pioli dovrà porre rimedio, causa le defezioni che decimeranno la rosa a sua disposizione sia per infortuni che squalifiche. Saranno circa dieci i calciatori che l'ex Bologna non potrà utilizzare per fronteggiare l'impeto della squadra di Sarri: Milinkovic e Cataldi sono stati appiedati dal Giudice Sportivo per una giornata, mentre per Matri sanzione doppia. 

Non solo, anche l'infermeria non aiuta l'Aquila, con il medico sociale biancoceleste, Roberto Bianchini, che ha fatto il punto sugli infortunati, partendo dalle condizioni di Filip Djordjevic, che sembra essere l'unico in grado di recuperare per mercoledì: "Ha subito una contusione alla caviglia destra, gli accertamenti fatti ci hanno tranquillizzato perché non ci sono lesioni. Non è una situazione proeccupante. Questo non vuol dire che il ragazzo possa riprendere ad allenarsi al 100% con la squadra. Vedremo domani in base alla reazione della caviglia". 

Discorso invece chiuso per quanto riguarda Bisevac, Kishna, Biglia e Radu: "Bisevac ha fatto accertamenti anche lui. Non si può parlare di lesione muscolare, si tratta di una contrattura con un po' d'edema alla coscia. Mi sento di poter dire che non potremmo averlo mercoledì a disposizione. Avevamo detto su Kishna che il suo rientro era questione di giorni, alcune valutazioni ci hanno fatto ritardare il rientro di due o tre giorni. Biglia sta lavorando sulla caviglia e sta andando bene, intesificheremo il lavoro riabilitativo. Ma non vi posso dire quando potrà riniziare. Sta reagendo positivamente al protocollo, ma non ci sarà né mercoledì né per la gara successiva. Braafheid e Radu stanno proseguendo i protocolli. L'olandese ha svolto dei controlli che non hanno fatto vedere lesioni muscolari. Non c'è molta preoccupazione. Nei prossimi giorni potrà lavorare con il resto dei compagni".

In vista dell'arrivo del Napoli di Higuain, dunque, Pioli dovrebbe puntare tutto su Klose davanti, con Candreva e Felipe Anderson o Keita ai suoi lati. Centrocampo obbligato con Parolo, Onazi e Lulic, mentre in difesa, davanti a Berisha, ci saranno Basta, Hoedt, Mauricio e Konko, che dovranno fronteggiare il capocannoniere argentino che ha un conto più che aperto con la compagine biancoceleste. 


Share on Facebook