Lazio, si pensa già al prossimo mercato. Occhi su Paloschi e Cerci

In casa biancoceleste si comincia già a ragionare sui rinforzi da regalare a Simone Inzaghi.

Lazio, si pensa già al prossimo mercato. Occhi su Paloschi e Cerci
Alberto Paloschi, ecodibergamo.it

La Lazio di Simone Inzaghi è una delle squadre del momento e anche la prestazione contro il Napoli di Sarri al San Paolo ha confermato la crescita che sta avendo la squadra biancoceleste. Giovane e in grado di interpretare più di un modulo tattico sotto la guida di Inzaghi dalla panchina. Una squadra che per provare a rimanere in alto, però, sembra necessitare di alcuni ritocchi che la società dovrà cercare regalare al tecnico nel prossimo mercato di Gennaio.

Le richieste di Inzaghi sembrano essere state soprattuto due a livello di ruolo e profilo: un attaccante centrale che possa dare il cambio a Ciro Immobile e un esterno offensivo per evitare gli straordinari a Felipe Anderson e Keita. Ad oggi il vice Immobile in casa Lazio è Djordjevic, ma l'attaccante non sembra convincere Inzaghi e infatti la panchina è ormai diventata la sua sistemazione fissa. Molto probabile una cessione a Gennaio, con la Ligue 1 pronta a riaccoglierlo e lui che di certo non si opporrebbe ad un ritorno in Francia. Da questa trattativa dovrebbero arrivare le risorse per cercare di portare a Roma Alberto Paloschi. Arrivato in estate all'Atalanta dopo la parentesi di sei mesi in Premier League, l'ex Swansea è finito indietro nelle scelte di Gasperini e la voglia di giocare potrebbe spingerlo a cambiare aria. A favorire un eventuale affare anche la questione Berisha, con il portiere di proprietà della Lazio al momento in prestito con diritto di riscatto proprio all'Atalanta.

Alessio Cerci, bleacherreport.com
Alessio Cerci, bleacherreport.com

Sul fronte esterno offensivo, invece, la necessità nasce dal fatto che Luis Alberto, arrivato in estate dal Liverpool come sostituto di Candreva, non sta convincendo, per usare un eufemismo. Addirittura non si esclude una sua partenza dopo soli sei mesi di Italia, in più Keita sarà impegnato in Coppa d'Africa con il Senegal. La società, quindi, starebbe pensando ad Alessio Cerci, separato in casa all'Atletico Madrid. La trattativa con il club spagnolo non sarebbe così complicata, piuttosto ci sono dei dubbi, fondati, sulle condizioni fisiche dell'ex Milan e Torino. Quelle stesse condizioni che quest'estate hanno bloccato il passaggio di Cerci al Bologna quando ormai tutto sembrava fatto. Certo la tentazione di riunire la coppia Immobile-Cerci che tanto bene ha fatto nel Torino di Ventura non può stuzzicare la mente e la fantasia di Simone Inzaghi e dell'ambiente biancoceleste.