Lazio: rinnovo di De Vrij complicato, si sogna Brahimi

La dirigenza biancoceleste ha proposto il prolungamento all'entourage dell'olandese che frena; in entrata si punta forte sull'algerino, anche se non è ancora tramontata l'ipotesi Azmoun.

Lazio: rinnovo di De Vrij complicato, si sogna Brahimi
Lazio: rinnovo di De Vrij complicato, si sogna Brahimi | www.metro.co.uk

In queste ore tutti gli sforzi dei dirigenti della Lazio si concentrano su Stefan De Vrij. Il difensore olandese ha il contratto in scadenza il 30 giugno 2018 ed il direttore sportivo biancoceleste Igli Tare ha cominciato a pressare l’entourage del calciatore in modo da raggiungere l’accordo sul rinnovo. La proposta del club è chiara: prolungamento fino al 2022 con adeguamento di ingaggio fino a 2.2 milioni a stagione e l’inserimento di clausola di risoluzione pari a 25 milioni di euro – secondo quanto riporta Tuttomercatoweb.com.

Sembrava ci si potesse avviare verso la conclusione positiva, ma nelle ultime ore le notizie vanno in senso opposto: il quotidiano romano Il Messaggero è sicuro sul fatto che l’agenzia che cura gli interessi del ragazzo, la SEG, stia frenando sull’ipotesi, forte di un accordo di massima – probabilmente già raggiunto – con la Juventus. In più, di questa situazione non serena potrebbe risentirne Wesley Hoedt, anche lui gestito dalla SEG, sul quale ci sono gli occhi di diversi club di Premier League – su tutti il Southampton, alla ricerca di un sostituto per Virgil Van Dijk.

In attesa di sbloccare questa questione diventata spinosa come quella di Keita, la Lazio cerca sul mercato degli innesti da regalare a Simone Inzaghi per completare al meglio la rosa. L’addio ormai certo del senegalese costringe Tare a buttarsi su un profilo in grado di sopperire alla partenza dell’ex Barcellona ed il nome che ingolosisce di più i tifosi è quello di Yacine Brahimi. Secondo la redazione di lazionews24.com è stato raggiunto l’accordo con l’algerino sulla base di un quadriennale da 2.2 milioni di euro all’anno, ma in questo caso il problema è legato alla trattativa con il Porto, proprietario del cartellino: i Dragoes chiedono tra i 18 ed i 20 milioni di euro, i capitolini si spingono non oltre i 12, con l’inserimento di alcuni bonus.

Non è però ancora stata abbandonata del tutto la pista che porta a Sardar Azmoun. Il classe ‘95 iraniano del Rubin Kazan è extracomunitario e quindi non tesserabile, ma la situazione potrebbe presto cambiare: l’ultimo arrivato, l’ecuadoreño Felipe Caicedo, è in procinto di ottenere il passaporto spagnolo, andando così a liberare la casella per l’ala che tanto piace a Igli Tare. Sviluppi in tal senso si avranno dopo la finale di Supercoppa Italiana contro la Juventus, quando Keita Balde sarà libero di accasarsi altrove.

Società Sportiva Lazio