Lazio-Milan, questa sera il primo round

Le due squadre si incontreranno 2 volte in soli 3 giorni. Inzaghi non è a rischio panchina ma la situazione è sicuramente pesante.

Lazio-Milan, questa sera il primo round
Lazio-Milan, questa sera il primo round

Atto primo, scenario Stadio Olimpico: In palio tre punti fondamentali per la corsa al terzo posto, i rossoneri di Pippo Inzaghi non possono più fallire. Entrambe le squadre scenderanno in campo per dimenticare le prestazioni anonime della scorsa giornata, La Lazio è reduce dalla sconfitta casalinga per 0-1 con il Napoli, partita che ha interrotto una striscia di 6 risultati utili consecutivi. Il Milan naviga in condizioni peggiori:  nell’ultimo turno di campionato ha perso 1-0 a San Siro contro l’Atalanta, precedentemente hanno rimediato anche un pareggio a Torino contro i granata e un altro stop casalingo questa volta con il Sassuolo. Crisi per la squadra di Inzaghi, basti guardare i risultati, nelle ultime 12 partite sono arrivati solo due vittorie.

Conferenza stampa

Pioli in conferenza stampa:" Abbiamo acquisito una mentalità e una filosofia che ci porta a giocare le gare con convinzione - spiega l'allenatore -. Non molliamo mai, siamo stati sempre in crescita, quello che conta ora è ricominciare a fare punti iniziando bene il girone di ritorno. Dobbiamo raccogliere qualche punto in più, non credo saranno sufficienti 31 punti nel girone di ritorno per centrare l'Europa".. All'andata abbiamo giocato bene ma commettendo delle ingenuità. Eravamo solo all'inizio del nostro percorso. Loro in difficoltà? Non lo so, non mi interessa - glissa Pioli -. Se devo pensare alla parola difficoltà, penso solo a quelle che troveremo nella partita di domani. Il Milan ha i nostri stessi obiettivi e ci siamo preparati in modo meticoloso, non ci voleva il risultato negativo di domenica scorsa. Vogliamo tornare a fare punti".

L’allenatore del Milan Filippo Inzaghi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della difficile trasferta contro la Lazio:" Sono molto sereno perché sto facendo il mio lavoro con il massimo impegno. Non possiamo in due settimane aver perso tutto e sono sicuro che ci sarà una bella reazione. Io non penso sia un problema tattico, visto che abbiamo fatto tante volte bene. Bisogna ritrovare compattezza e spirito di sacrificio. Ho visto bene la mia squadra in allenamento, abbiamo scacciato le paure. Venivamo da un anno non semplice, dobbiamo comandare dal punto di vista del gioco. Sono sicuro che i tifosi rivedranno la squadra che ho visto contro il Napoli e la Roma.  Il problema è solo ritrovare la squadra che fino a venti giorni fa faceva bene. Abbiamo perso qualche partita perché siamo stati disordinati. Questi giocatori sono consci che indossare la maglia del Milan sia un privilegio e bisogna tenersela ben stretta. I risultati ci sono stati in passato e torneranno”.”
 

Probabili formazioni

Stefano Pioli dovrà fare a meno  del  suo gioiello Felipe Anderson, costretto ad allungare il proprio stop almeno per un mese, probabile assenza anche per Biglia, il centrocampista argentino si è fatto male in allenamento in un contrasto con Onazi, ma sta cercando di recuperare in vista della gara contro il Milan, non è da escludere la sua presenza in panchina. Assenti poi Braafheid, Ciani e il lungodegente Gentiletti. Scelte forzate per Pioli che schiererà a centrocampo Ledesma, in difesa sarà Zana ad affiancare Radu nel 4-2-3-1  In attacco ballottaggio Djordjevic-Klose, mentre Candreva è certo di un posto da titolare..

Situazione ben più complessa Inzaghi che dovrà fare a meno di Rami (squalificato), Zapata, De Sciglio e Bonera (infortunati) e Honda (impegnati in Coppa d’Asia). De Jong non dovrebbe farcela.. Difesa obbligata,con Abate e Armero che agiranno sulle fasce, con Alex e Mexes che invece andranno a formare la coppia di centrali, tornano Poli e Muntari dal primo minuto nel centrocampo a 3 con Montolivo,  in attacco conferme per il tridente Cerci-Menez-Bonaventura.

Divise anni 80 per la Lazio, Dalla prossima gara fino a fine stagione, infatti, gli uomini di Pioli indosseranno la storica maglia del -9, quella con l’aquilotto stilizzato, ben ricordata dai tifosi per la stagione della retrocessione in B, della penalizzazione e dell’impresa per la salvezza. All’andata il Milan vinse per 3-1 grazie alle reti diHonda, Ménez e Muntari (per la Lazio, autogol di Alex). L’anno scorso, a Roma, la partita terminò in parità con il risultato di 1-1 in seguito all’autorete di Konko e al gol di González. L’anno prima i biancocelesti si erano imposti invece per 3-2 (Hernanes, Candreva, Klose, de Jong, El Shaarawy). L’ultima vittoria del Milan è il 2-1 firmato Thiago Silva (autore anche di un autogol) e Pato. Le vittorie più larghe della squadra di casa sono tre 4-0avvenuti nelle stagioni 1993-1994, 1975-1976 e 1995-1995. 


Share on Facebook