Il Milan pareggia ed esce tra i fischi, Inzaghi:"Dobbiamo migliorare, ma serve tempo"

A San Siro i rossoneri non vanno oltre l'1-1 contro un buonissimo empoli. L'allenatore del Milan:" In questo momento bisogna lavorare sulla testa, i giocatori devono ritrovare convinzione. Capisco i tifosi perché vengono da momenti difficili"

Il Milan pareggia ed esce tra i fischi, Inzaghi:"Dobbiamo migliorare, ma serve tempo"
Il Milan pareggia ed esce tra i fischi, Inzaghi:"Dobbiamo migliorare, ma serve tempo"

Intervistato da Sky, Filippo Inzaghi ha così parlato del match pareggiato a San Siro contro l’Empoli:" Siamo in un periodo un po' così, abbiamo tanti infortuni ed in ogni partite succede di tutto. Perdere dopo 30 secondi un giocatore perché si rompe il naso è incredibile. L'Empoli è veramente bravo, eravamo stati bravi anche soffrendo. E' stata una partita abbastanza equilibrata, il grande rammarico è che in vantaggio non si può prendere un gol simile. Dobbiamo andare avanti speriamo di recuperare giocatori e convinzione. L'Empoli è una grande squadra, si vede che Sarri li allena da tre anni. Noi non riusciamo a dare continuità alle formazioni a causa degli infortuni. Dobbiamo migliorare perché un gol così non si può prendere".

Sulla partita:dal gol di Destro, il modulo e le disattenzioni sul pareggio:"Noi dobbiamo cercare di portare più palle possibili dentro l'area. Destro è stato bravo nella combinazione con Menez e Bonaventura. Paghiamo cara la disattenzione del gol subito, sono gol da non prendere soprattutto quando si è schierati. Abbiamo pensato di poter giocare con quattro giocatori offensivi. Abbiamo tanta qualità e vorremmo sfruttarla. Siamo il Milan e io vorrei giocare nella metà campo avversaria. E' un sistema di gioco che facciamo da due settimane, migliorerà sicuramente".Oggi siamo stati molto attenti sulle palle inattive, siamo stati disattenti sul gol. Prendere un gol così dalla trequarti brucia. Dobbiamo cercare di migliorare queste cose qui. Quando siamo schierati non dobbiamo prendere questi gol".

Sui fischi dei tifosi e sul momento: "I tifosi sono come me, vogliono sempre di più. Noi dobbiamo rimboccarci le maniche e trasformare i fischi in applausi. I tifosi sono abituati ad altro, ma questo ciclo va avanti da anni, ci vuole tempo e recuperi dei calciatori. In questo momento bisogna lavorare sulla testa, i giocatori devono ritrovare convinzione. Capisco i tifosi perché vengono da momenti difficili. Oggi prendiamo questo punto, visto che eravamo rimasti in 9 potevamo compromettere. Dobbiamo fare di più e pensare alla prossima partita".

Anche Mattia Destro,autore del momentaneo vantaggio rossonero, è stato invervistato da Sky Sport:"Il gol è importante, ma era ancora più importante vincere e non ci siamo riusciti. Dobbiamo lavorare come stiamo già facendo per cercare di vincere ed andare in Europa". Sulla partita: "Nel primo tempo abbiamo fatto una buona gara, siamo riusciti a fare gol, l'Empoli ha creato poco nonostante sia una squadra orgnaizzata. Purtroppo nel secondo tempo abbiamo subito questo gol che non ci aspettavamo. Ci ha un po' destabilizzato. Ci servono questi punti, dobbiamo arrivare in zona Europa e siamo un po' lontani".


Share on Facebook