Mihajlovic, questa sera occasione per oliare il 4-3-3 e per chi ha giocato di meno

Il Trofeo Berlusconi di questa sera alle 18 permetterà a Sinisa Mihajlovic di insistere sul 4-3-3 visto a Torino e di vedere in campo alcuni giocatori che hanno avuto meno spazio fino a questo momento.

Mihajlovic, questa sera occasione per oliare il 4-3-3 e per chi ha giocato di meno
Sinisa Miihajlovic, allenatore del Milan

La XXIV edizione del Trofeo Berlusconi sembra quasi essere più un fastidio d'Ottobre per Inter e Milan che altro. Quella che era una delle grandi classiche del calcio estivo italiano quest'anno si gioca in un momento della stagione in cui probabilmente gli allenatori preferirebbero lavorare sul campo con i propri giocatori, invece di giocare partite che in palio di fatto non mettono.

Mancini ha lasciato a casa tutti i propri titolari e anche Sinisa Mihajlovic schiererà un Milan con tanti giocatori che devono sfruttare la partita di questa sera per mettersi in mostra agli occhi dell'allenatore serbo. Lo schema di gioco non cambia, visto che in questo momento si vuole insistere e perfezionare il 4-3-3 visto a Torino e che probabilmente verrà riproposto anche contro il Sassuolo Domenica pomeriggio. Interpreti diversi, come detto, rispetto alla gara di Sabato sera. Intanto il primo cambiamento riguarda la porta. Donnarumma sarà il titolare alle 18 e per qualcuno potrebbe essere schierato a sorpresa anche contro Berardi e compagni. In difesa le novità si chiamano Mexes in mezzo e De Sciglio a destra. Il terzino, fresco di compleanno, si gioca il posto con Abate, mentre il francese potrebbe convincere Mihajlovic a puntare su lui e Romagnoli come coppia difensiva in maniera continuata. A centrocampo l'unico superstite sarà Bertolacci. In mezzo e destra tornano De Jong e Poli, due che hanno avuto pochi minuti fino a questo momento, sorpassati da Montolivo e Kucka. Il tridente d'attacco vedrà ancora Luiz Adriano e Cerci, in ombra all'Olimpico di Torino, insieme ad Honda. Proprio il giapponese potrebbe essere il terzo tassello contro il Sassuolo. Da esterno destro d'attacco ha dato probabilmente il meglio della sua esperienza al Milan nei primi mesi della gestione Inzaghi.

Risultato a parte Mihajlovic si aspetta risposte importanti da diversi giocatori. Contro il Mantova il serbo era rimasto deluso dall'atteggiamento di molti, contro il Monza le cose sono andate un pochino meglio da questo punto di vista. Possibile che il derby contro l'Inter dia un minimo di carica agonistica agli undici che scenderanno in campo dal primo minuto.


Share on Facebook