Il Milan vince anche contro il Chievo, Mihajlovic: "Stiamo migliorando"

I rossoneri battono 1-0 il Chievo, gol di Antonelli, conquistando la seconda vittoria consecutiva dopo quella con il Sassuolo

Il Milan vince anche contro il Chievo, Mihajlovic: "Stiamo migliorando"
foto ansa
Milan
1 0
Chievo Verona
Milan: Donnarumma; Abate (14' De Sciglio), Alex, Romagnoli, Antonelli; Kucka, Montolivo, Bertolacci; Cerci (84' Honda), Bacca (91' Luiz Adriano), Bonaventura. A disposizione: Abbiati, Diego Lopez, Calabria, Zapata, Mexes, De Sciglio, Poli, De Jong, Jose Mauri, Suso. Allenatore: Sinisa Mihajlovic
Chievo Verona: Bizzarri; Frey (46' Cacciatore), Cesar, Dainelli, Gobbi; Castro, Radovanovic, Pinzi, Birsa (64' Mpoku); Paloschi, Pellissier (74' Meggiorini). A disposizione: Bressan, Seculin, Sardo, Gamberini, Christiansen, Pepe, Inglese. Allenatore: Rolando Maran
SCORE: 1-0 53' Luca Antonelli
ARBITRO: Ammonizioni: Pinzi (C)

Il Milan vince per la prima volta senza subire gol in campionato. A San Siro, nella decima giornata, i rossoneri battono il Chievo Verona 1-0 e si avvicinano alla zona Champions, distante solo 5 punti. Un match molto equilibrato nel primo tempo quello di San Siro, deciso nella seconda frazione da un bel goal di Antonelli. Ottima prova del Milan che da continuità al risultato di domenica pomeriggio contro il Sassuolo, ma questa volta convince anche dal punto di vista del gioco ed ora i rossoneri salgono a 16 punti. Il Chievo incassa la sua terza sconfitta consecutiva dopo quelle rimediate contro Genoa e Napoli.

Il Milan cresce e vince. A piccoli passi verso i veri rossoneri, come ha confermato Sinisa Mihajlovic dopo il successo contro i clivensi: "Non abbiamo subito gol e abbiamo preso pochi tiri in porta. Nel primo tempo non è andata benissimo, anche se avevamo le occasioni di tirare, preferivamo allargare il gioco. Nel secondo tempo abbiamo fatto bene, meritavamo anche di più. Non è stata una gara facile, ma fondamentale per risalire in classifica. Contro la Lazio andiamo a giocarcela. Ci alleniamo per essere precisi, ma l’importante è provare a segnare. Aggiusteremo il mirino. Berlusconi in campo? Siamo stati fortunati che non sia arrivato in tempo. Anche domenica abbiamo giocato bene, concedendo poco agli avversari. All’intervallo non ero contento e l’ho fatto capire. Il trequartista deve saper far gol, inserirsi e far girare la palla. Abbiamo giocatori che possono giocare quel ruolo, ma con caratteristiche diverse. A volte il gioco non vale la candela, perché rischi di più dietro. In fase difensiva il trequartista dovrebbe aiutare dietro, poi però non riusciamo a scalare bene e coi tempi giusti. Alex e Romagnoli hanno iniziato a giocare quando abbiamo cambiato modulo, così si soffre meno. Loro hanno sempre fatto bene, con Chievo, Torino e Sassuolo abbiamo subito 3 tiri in porta. Come occasioni subite siamo 4 o 5 squadra in serie A, ma come difesa siamo penultimi. Subiamo ogni volta che ci tirano in porta, sono felice che oggi non sia successo”.

Anche Luca Antonelli, man of the match, è stato intervistato da Sky Sport: "Era importantissima la vittoria, siamo riusciti a fare sei punti in queste due partite come ci eravamo prefissati. Ci abbiamo messo il cuore e le palle. I tifosi devono essere contenti. Il mister e lo staff sono molto preparati, abbiamo lavorato anche sull'aspetto psicologico. Dobbiamo migliorare, lo stiamo facendo piano piano, ora ci prepararemo per la difficilissima partita di Roma con la Lazio che in casa le ha vinte tutte, ma andremo lì a cercare i tre punti".


Share on Facebook